lunedì 26 giugno 2017

LA MIA VITA CON TE, SONIA GIMOR. Recensione in anteprima.


TITOLO: La mia vita con te

AUTORE: Sonia Gimor

EDITORE: Gilgamesh Edizioni

PAGINE: 304

PUBBLICAZIONE: 26 giugno 2017

GENERE: Contemporary Romance

COSTO: € 1,99 ebook; € 12,75 cartaceo

"Questa notte la dedico a tutte le donne che soffrono, combattono contro la violenza e riescono a voltare pagina. Questa notte raffigura il vero amore e la dedico a noi perché rappresenta ciò che siamo stati, che siamo e che saremo. Questa notte la dedico a me e all’amore che non credevo avrei mai provato."

L’attesissimo seguito de "La mia gara con te".
Gli europei sono appena terminati e Giulia ha ottenuto la qualificazione ai mondiali. Nonostante i successi sportivi, la vita privata dei protagonisti ha preso una piega inaspettata. Sarà davvero tutto finito?
Un campionato mondiale da preparare, infinite paure da sconfiggere, una pagina dolorosa da voltare definitivamente: per Luca e Giulia, la gara più importante sta per iniziare.


Sonia Gimor nasce a Pordenone il 7 aprile 1988, per poi trasferirsi a Treviso nel 2009, città dove tutt'ora vive con suo marito e i suoi due figli. Ha conseguito la maturità al liceo socio-psico-pedagogico e nella vita gestisce un asilo nido e un doposcuola assieme a due socie. La lettura, specialmente di romanzi rosa contemporanei e storici, la appassiona fin dall'adolescenza. Ha ventitré anni quando abbozza la sua prima storia che, nell'anno successivo, diventa un contemporary romance a cui darà titolo La vita che ho sognato. La scrittura diviene così per Sonia una passione, una necessità, un mondo parallelo nel quale riesce a esprimere una parte importante di sé. Dal suo esordio ha scritto diversi romanzi.

Il mondiale è una certezza. Giulia Bennetta si è qualificata e presto volerà a Toronto per disputare una gara importantissima per la sua carriera, ma a oscurare questo traguardo c’è un ricatto. Lasciare Luca Zori, il suo allenatore, il suo maestro e il suo grande amore. il suo tutto. Dure prove metteranno a repentaglio la pazienza di entrambi. Saranno capaci di fare una tregua? Sapranno ritrovarsi? Tanti punti di domanda nella loro storia e altrettanta forza di volontà necessaria per ricominciare.
Bene, e anche il secondo volume della serie Crystal è arrivato. Nuova cover e un restyling per il seguito di La mia gara con te. Punto a favore la cover che, oltre ad essere bellissima, richiama un dettaglio importante che troverete leggendo. Il romanzo è sempre lo stesso, ma è stato trasformato in prima persona e al presente, con l'aggiunta di tutti i POV maschili. 



Ma veniamo al romanzo. Dove eravamo rimasti? Anzi dove l’autrice ha dato un taglio alla storia, lasciando nel limbo le lettrici? Cattiva, Sonia. Cattivissima! Queste cose non si fanno!
Giulia, promessa del pattinaggio su ghiaccio, lascia il suo fidanzato, Luca Zori, campione olimpico pluripremiato e suo allenatore. Lui ha creduto in lei e con impegno l’ha portata alla qualificazione mondiale, si sono innamorati, ma qualcosa è andato storto e Giulia lascia Luca senza una spiegazione plausibile. La mia vita con te riparte da lì. Giulia è andata via da Parigi subito dopo gli europei, mentre un Luca, scosso, cerca di capire il perchè di questa decisione arrivata dal nulla. Si fa prendere dallo sconforto, si stordisce con l’alcool e non si dà pace. Non trova la forza per reagire. Passano i giorni e la situazione non cambia, è ormai l’ombra di se stesso, fino a quando ritrova la determinazione e decide di andare a riprendersi ciò che è suo. Giulia non può non amarlo. Qualcosa l’ha fatta fuggire e Luca è sicuro di sapere il motivo. Qualcuno deve pagare per il danno subito, ma prima di tutto c’è una ennesima gara da vincere. Il suo futuro non può essere separato da quello della giovane donna che ama e che lo ha cambiato profondamente, rendendolo l’uomo che oggi è.
E Giulia? Tanti cambiamenti, la pressione per la preparazione atletica, un passato che non vuole chiudersi e nuovi ostacoli: è normale che abbai ceduto al ricatto. Sa di sbagliare, ma la giovane età e la poca esperienza la frenano a confidarsi e a combattere la sua battaglia.
Luca ha un piano, giocherà a volte correttamente e a volte in modo scorretto. Ma com’è che si dice? In guerra e in amore, tutto è lecito. Giulia non ha scampo. Eppure quando le difficoltà sembrano ormai superate, le carte in tavola vengono stravolte. Il lavoro più impegnativo non sarà liberarsi del nemico, ma far uscire dal guscio Giulia, perché solo così la coppia potrà rinascere più forte di prima. Non c’è sensazione migliore che sentirsi dire "Ti Amo" e sapere di non avere più nessun motivo per guardarsi le spalle costantemente. La vera gara inizia ora con la vita da costruire insieme, mano nella mano, giorno dopo giorno.





Che cosa posso dirvi di più, Angels? Questo romanzo è la degna conclusione di un amore nato sotto la tempesta, con mille problemi e risorto con tutte i più rosei auspici. Il personaggio di Luca Zori è presentato in crescendo. Lo abbiamo conosciuto nel primo libro burbero, scorbutico e lo ritroviamo in questo secondo capitolo più cresciuto caratterialmente, ha sempre i suoi attacchi di nervosismo ma nel complesso sa essere dolce, comprensivo anche quando avrebbe tutti i diritti di urlare. Ama con tutto se stesso e fa di tutto per proteggere Giulia, la spalleggia, la conforta e soprattutto la sprona sia nel lavoro sia nel privato. Ho trovato il suo personaggio predominante in quanto è lui che con furbizia e astuzia gira le carte a suo favore: cerca il problema, ragiona e lo risolve. Insomma tesse la tela del ragno meglio del ragno stesso. È un uomo maturo e deciso, sa chi vuole accanto a sé e sa come farla tornare da lui.
Giulia è giovane, ma anche lei è maturata. All'inizio è scontrosa, con la lingua lunga e tremendamente capricciosa, ma è solo una corazza che nasconde una persona resa debole dalla paura di un passato ancora troppo presente. Con Luca al suo fianco cresce, migliora come pattinatrice e anche caratterialmente sembra diversa. Ma non basta, perché di nuovo cede, crede di fare la cosa giusta per tutti nascondendo la testa sotto la sabbia invece di combattere. Ecco, questo aspetto del romanzo non l’ho molto amato. Il suo continuo nascondersi, lasciando gli altri risolvere i suoi problemi mi ha lasciata con l’amaro in bocca e ogni volta che succedeva qualcosa di destabilizzante volevo urlare. Perché ti fai usare? Perché non sai difenderti? Perché non lotti per la tua felicità? Le risposte alla fine le ho avute, ma è stata dura.



La storia tra i due personaggi è ben raccontata e lo sport  non è solamente un sottofondo, ma parte integrante del romanzo stesso: ho apprezzato la descrizione dei vari passi del pattinaggio, delle movenze, della tecnica, delle gare e del duro lavoro che c'è dietro.
Le scene d’amore sono coinvolgenti e mai volgari. La passione tra i due è palpabile in ogni pagina, c'è una complicità, unione mentale e fisica.
Nota di merito anche per gli altri personaggi che girano intorno, ovvero il Team Bennetta composta da Francesco e Martina, preparatore atletico e coreografa: saranno la coppia protagonista del terzo libro della serie. Non posso non citare anche chi li aiuta, li consiglia e li fa ragionare senza interferire. Anche loro sono importanti.

Il romanzo mi è piaciuto, l'avevo letto tempo fa e rileggendolo ho provato le stesse emozioni: a volte gioia, a volte tristezza e soprattutto rabbia per i continui tira e molla di Giulia. Forse avrei tagliato qualche passaggio per velocizzare il ritmo, ma effettivamente alti e bassi hanno uno scopo preciso: vincere sulle difficoltà, rialzarsi più forti, crescere singolarmente e viversi liberamente un amore duraturo.
E ora voglio sapere solo una cosa, cara Sonia: quando arriverà Per stare con te




Serie Crystal


La mia gara con te


La mia vita con te

1 commento: