martedì 21 marzo 2017

LA MERAVIGLIA DI ESSERE SIMILI, DANIELA VOLONTÈ. Blogtour.

BUONGIORNO, ANGELI. OGGI SIAMO LIETE DI OSPITARE LA QUINTA TAPPA DEL BLOGTOUR ORGANIZZATO IN OCCASIONE DELL'USCITA DI LA MERAVIGLIA DI ESSERE SIMILI DI DANIELA VOLONTÈ, ONLINE IN VERSIONE DIGITALE E CARTACEA DAL 23 MARZO GRAZIE A NEWTON COMPTON. 
NELLA NOSTRA TAPPA VI PARLEREMO DI CIÓ CHE PIACE DEI LIBRI DI QUEST'AUTRICE. VENITE CON NOI!




LA NOSTRA TAPPA



PER COMINCIARE VI PRESENTIAMO BREVEMENTE, IN ORDINE DI USCITA, TUTTI I ROMANZI PUBBLICATI.


Valentina Harrison lavora a Milano, in un’agenzia pubblicitaria internazionale. È intelligente e precisa, ma poco appariscente, per questo passa spesso inosservata. Non ha alcuna passione per i bei vestiti, i tacchi, le borse, lo shopping in generale e, pur amando la città, preferisce vivere in un tranquillo paesino di provincia. 

James Spencer, affascinante e snob, vive negli Stati Uniti. Quando un problema mette in crisi l’agenzia e lui viene convocato a Milano per risolverlo, i due, opposti in tutto, si conoscono. Il loro primo incontro si rivela un totale insuccesso: James è un uomo che cura l’aspetto fisico e la sciatteria di Valentina lo innervosisce, in più è burbero e le si rivolge con poco garbo. Lei, invece, è gentile, dolce e attenta ai piccoli ma essenziali gesti. Eppure, sin da subito cade vittima del suo fascino. L’obiettivo di James è salvare l’agenzia dai guai in cui versa e, consapevole dell’affidabilità di Valentina, decide di coinvolgerla per raggiungere l’importante meta professionale. Ma questa collaborazione forzata farà assumere al loro rapporto sfumature davvero inaspettate… 




E se all’improvviso un estraneo facesse irruzione nella tua vita? L’esistenza di Melissa, ricercatrice universitaria, scorre tranquilla fino a quando, un giorno, acquista un iPad a un’asta. Su quel tablet trova parecchi file del precedente proprietario e soprattutto tantissime foto: paesaggi marini, scorci urbani, particolari architettonici. Affascinata da quelle immagini, Melissa inizia una ricerca su internet che la porta fino al profilo Facebook di un certo Leon de Rouc. La ragazza non resiste alla tentazione e invia una richiesta di amicizia. Riccardo Ferraris, alias Leon de Rouc, vive a Torino ed è un programmatore con il pallino per la fotografia. È bello, ricco, ha una relazione stabile, ma la sua vita è perfetta solo all’apparenza. Quando per gioco accetta l’amicizia di Melissa, tra i due comincia una fitta corrispondenza online, che nasce come pura evasione, ma diventa ben presto ossigeno per entrambi, una droga dolcissima a cui nessuno dei due può rinunciare. E se a un tratto la realtà irrompesse in quella relazione virtuale? Dopo il successo di Buonanotte amore mio arriva una nuova brillante commedia dalla quale sarà impossibile staccarsi.






Greta vive a Milano, Patrik a Roma. Si conoscono quando lei viene ingaggiata dalla Betapharma, la società di Patrik, per occuparsi di un ridimensionamento del personale in un periodo di crisi aziendale. E lui, giovane ingegnere con possibilità di reinserirsi nel mondo del lavoro, è tra quelli destinati a essere messi in mobilità. Quando l’ipotesi diventa una certezza, oltre al posto, Patrik deve dire addio anche alla sua storia d’amore. Greta invece non riesce a troncare un rapporto che non la porta da nessuna parte: Cris, l’uomo con cui ha una relazione, ha una moglie e pare proprio non volerla lasciare. Quando Patrik, ormai fuori dalla Betapharma, decide di concedersi una pausa e andare a trovare degli amici sul lago d’Orta, il caso vuole che incontri proprio Greta, quella che aveva ribattezzato come “la Lady di ferro”…




Claire Ashford è la ragazza più popolare del liceo di River Lake: bella, bionda, capitano delle cheerleader e fidanzata con il quarterback della squadra di football. Ryan Matthews è uno degli studenti migliori della scuola, ma non ha molti amici e nemmeno ne vuole: ha le idee chiare circa il proprio futuro e non intende legarsi a nessuna ragazza. Quando però Claire e Ryan, loro malgrado, si ritrovano costretti a trascorrere del tempo insieme, scoprono di avere in comune molto più di quel che pensavano e la molla dell’attrazione scatta con tutta la sua potenza. Da questo momento in poi, ogni cosa è destinata a cambiare, perché la vita vera è alle porte…




Per dimenticare un passato doloroso, Elisabeth decide di allontanarsi da New York. Si trasferisce così nella cittadina nella quale viveva la sua migliore amica e inizia a lavorare come insegnante. Ma al liceo di Watertown la sua vita è destinata a cambiare. A sconvolgerla sarà Alexander, un ragazzo di diciassette anni. Come Elisabeth, anche Alex ha un passato che lo ha segnato, e il presente non va granché meglio: la madre è alcolizzata e lui deve prendersi cura della sorella più piccola, Julia, di soli sei anni. Elisabeth lo incontra in aula il primo giorno di scuola, e da quel momento non riuscirà più a dimenticarlo. C’è un dolore comune che li unisce, eppure quando sono insieme la sensazione che provano è quella di pace. Ma Alex è minorenne e oltretutto è un suo allievo. Elisabeth sa bene che non può permettersi alcun tipo di coinvolgimento sentimentale. All’inizio entrambi cercano di tenere a bada i propri sentimenti, fin quando non riescono più a trattenerli…
Solo a lui riesce ad aprire il suo cuore. Eppure ha solo diciassette anni…
Una storia d’amore scandalosa.




E ora, care lettrici, veniamo a noi. Cosa ci piace dei libri di Daniela Volontè? Come ha fatto in pochissimo tempo a diventare una delle autrici italiane più amate del panorama romance tanto da essere notata da una casa editrice come la Newton Compton? I punti di forza della sua scrittura sono, a mio parere, tre: semplicità, romanticismo, magia. Tre punti fermi che ritornano in ogni romanzo, che non smettono mai di stupire e di farci innamorare. 
Buonanotte amore mio, pubblicato in versione self con il titolo L'amore nei piccoli gesti, racconta, appunto, dei piccoli gesti e dell'importanza che questi hanno in un rapporto di coppia. Ricordare che la persona amata ama bere il caffè con mezza bustina di zucchero, una carezza fatta in un momento di sconforto o senza un particolare motivo. Il protagonista, James, sembra avere tutto dalla vita: ricco, bello, arrogante. Nella sua vita fatta di eccessi non manca proprio niente, almeno finché non arriva lei, Valentina. Diversi per carattere, esperienze e storie personali, eppure l'amore riuscirà a compiere la magia e a unirli. Valentina opererà la trasformazione radicale, insegnerà a un uomo snob e arrogante quanto siano importanti le piccole cose, i piccoli gesti e quanto dell'amore non si possa fare a meno. 
Di L'amore è uno sbaglio straordinario ho amato l'ordinarietà dei personaggi. Ancora una volta Daniela ha saputo stupirmi senza effetti speciali o grandi voli pindarici. Ogni argomento affrontato, ogni vicenda narrata è speciale nella sua "normalità". 
Con Non chiamarmi di lunedì Daniela continua a stupirci e a regalarci storie di vita reale; semplicità che diventa, tra le pagine, eccezionalità. 
Ho amato questi tre romanzi perchè hanno la capacità di entrare con disinvoltura nell'anima. Le delusioni, le sensazioni, le percezioni dei protagonisti diventano del lettore, calzano alla perfezione, come un abito cucito su misura. E al centro, indiscusso, c'è l'amore salvifico, quello che riesce a far sbocciare un fiore anche lungo un percorso dissestato, pieno di spine, salite e ostacoli. Riuscite a immaginare la bellezza e la straordinarietà di questo fiore, lì, dove nessuno si aspettava potesse crescere qualcosa di bello?
In Sei l'aria che respiro emerge, in maniera ancora più prepotente ed evidente, lo stile sempre fresco, elegante e di classe dell'autrice. Che si parli di personaggi non più così giovani o di giovani diciottenni, Daniela riesce a indagare nell'animo umano andando a fondo, senza mai fermarsi in superficie. 
La meraviglia di essere simili è il romanzo che in assoluto, a mio parere, rappresenta la scrittura, la maturità e la delicatezza dell'autrice. Un romanzo intenso, che commuove, che strappa il cuore, che fa venire la pelle d'oca. Un romanzo che ognuno di noi dovrebbe leggere e da cui dovrebbe trarre un insegnamento. Un inno all'amore, quello vero, senza età, senza status sociale, senza pregiudizi. L'amore che supera ogni ostacolo, che vince sempre, che supera qualsiasi tempesta. 
Dunque, quest'autrice ci fa innamorare senza effetti speciali o incredibili peripezie, raccontando storie di vita quotidiana, storie di cui ognuna di noi potrebbe essere protagonista. Certo, nella vita reale l'happy ending non è sempre così scontato e sicuro, ma un tocco di magia in ciò che leggiamo ci aiuta a sognare e a puntare sempre dritto al cielo, sempre più su, senza mai accontentarsi. 



TUTTE LE TAPPE DEL BLOGTOUR











1 commento:

  1. Grazie con tutto il cuore per questo splendido panorama sui miei libri! Non ho davvero parole! Grazie mille.

    RispondiElimina