venerdì 3 febbraio 2017

LA CHIAVE DI POSEIDONE, THALIA MARS. Recensione.


  
TITOLO: La chiave di Poseidone

AUTORE: Thalia Mars

SERIE: L'esercito degli dei #1

EDITORE: Narcissus

PUBBLICAZIONE: 2 dicembre 2014 

GENERE: Urban fantasy

PAGINE: 771

PREZZO: € 0,99 ebook; 24,44 cartaceo


Damian è il Principe dei guerrieri, capo dell’esercito degli Dei dell’Olimpo. È un assassino gelido e implacabile, abituato ad eseguire gli ordini senza porsi troppe domande.

Ma la sua vita è destinata a cambiare completamente, quando gli viene affidata lei.

Sofia è una ragazza intelligente, curiosa, che non conosce niente del suo mondo. Lei è la Chiave di Poseidone, l’unica che può aprire la gabbia dei Titani e permettere ad Ade di riconquistare i Regni del Cielo e del Mare.

Damian non immagina neppure quanto sarà difficile proteggerla: come un uragano, Sofia sconvolgerà la sua intera esistenza, costringendolo a fare i conti con quel passato che lo tormenta ormai da dieci anni.




Un urban fantasy mitologico che non si dimentica.
La Chiave di Poseidone è il primo volume autoconclusivo di una serie intitolata L’ESERCITO DEGLI DEI
Ho rimandato la lettura per mesi, in quanto il fantasy non è proprio il genere che prediligo e la mole impressionante del romanzo di sicuro non mi ha incoraggiata. 
Lettura che è iniziata con qualche perplessità, subito dissipata grazie al coinvolgimento nella storia e all’empatia immediata con i protagonisti, che sono ben caratterizzati. 
Sofia è una giovane ragazza di ventun anni, che vive in un paesino vicino Roma e lavora per pagarsi gli studi di medicina. L’incontro con Damian, Principe dei guerrieri, e capo dell’esercito degli Dei dell’Olimpo, cambierà per sempre la sua vita, il suo cuore e il suo destino. 

I demoni, quelli veri, spietati e crudeli, inizieranno a popolare i suoi incubi a occhi aperti.
Non poteva ignorare la propria natura: era un guerriero, era un assassino, un animale creato al solo scopo di uccidere e servire gli dei. Una creatura che andava a braccetto con la morte, che era nata dalla morte, come poteva gestire l’amore?



Sì, perché Lei, figlia di Poseidone, è la leggendaria, introvabile, preziosissima Chiave che permetterà ad Ade di liberare i Titani e conquistare i Regni del Cielo e del Mare. 

Dal Lazio alla Puglia, dalla Sicilia agli Inferi, le avventure e i pericoli non mancheranno. 

Due le storie d’amore nel romanzo, due le coppie che hanno avuto la capacità di spezzarmi il cuore: Damian e Sofia, Ric e Dina.

Senza di te non sono stato altro che un cieco e un mendicante, senza di te niente ha mai avuto un senso in questo universo maledetto.  Io sono stato un mostro nel corpo di un uomo e tu mi hai reso un uomo nel corpo di un mostro.

Purtroppo la trama, in alcuni momenti, si fossilizza rallentando e appesantendo la lettura; i flashback risultano eccessivi, gli attacchi dei demoni e le dinamiche delle coppie ripetitive. Nonostante questi difetti, il romanzo si legge con piacere, gli eventi sono incalzanti, la suspense tiene alta l’attenzione, l’ironia che permea i dialoghi strappa sorrisi e persino risate. 




La Chiave di Poseidone, capitolo dopo capitolo, si è trasformato in un viaggio bellissimo, avventuroso, adrenalinico, magico, emozionante, con un finale indimenticabile, inumidito dalle mie lacrime. 
Se amate protagoniste combattive alla Lara Croft, se Supernatural è stata una serie televisiva di vostro gradimento, se alle superiori vi siete appassionate - come me - alla mitologia greca, se un pizzico di erotismo non oltraggia la vostra sensibilità,  se siete disposte a sorvolare sui difetti citati prima - inclusa l'assenza di un buon editing con la presenza, quindi, di errori -, allora La chiave di Poseidone è il romanzo che fa per voi. 

A chi intraprenderà la lettura posso solo augurare buona avventura, e che gli dei dell'Olimpo siano sempre con voi, nel bene e nel male.





KIRA



LA SERIE L'ESERCITO DEGLI DEI 


#1 La chiave di Poseidone

#2 I figli di Apollo

#3 La maledizione di Persefone

#3.5 La scommessa di Zeus

#4 L'ira di Ade



Nessun commento:

Posta un commento