mercoledì 9 novembre 2016

NIENTE E' IMPOSSIBILE, M. LEIGHTON. Recensione in anteprima.


TITOLO: Niente è impossibile

AUTORE: M. Leighton

SERIE: Wild #4

EDITORE: Newton Compton

PAGINE: 320

PUBBLICAZIONE: 10 novembre 2016

GENERE: Contemporary romance

PREZZO: € 4,99 ebook

Violet Wilson è quasi invisibile. Timida, seriosa e sempre in procinto di fare gaffe, ha anche la pessima abitudine di trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato. E la notte in cui incontra Jet Blevins è di sicuro nella top ten dei momenti più sfigati della sua vita. Violet sa perfettamente di non doversi creare nessuna aspettativa e che tipi così è meglio perderli che trovarli, ma Jet arriva a toccare le corde nascoste della sua anima, e le fa provare sensazioni che neppure sapeva esistessero. Nonostante questo lato così emozionante, Jet è però il tipico musicista rock, un chitarrista che vive senza regole e senza morale. È difficile intuire che, in verità, sta combattendo con i demoni del passato e le dipendenze del presente. E la musica è la sua unica terapia. Fino a quella magica notte. La notte in cui vede per la prima volta Violet, in piedi in fondo alla sala. Jet si sente avvampare da una passione bruciante. Dopo pochi minuti che parlano ha la sensazione che lei conosca i suoi segreti, e le risposte alle sue domande. L’immagine di lei ormai è scolpita nella mente del ragazzo che la desidera come non ha mai desiderato null’altro nella vita…





Si può guarire da una dipendenza?
Cosa fa scattare in noi quella molla, che ci fa dire BASTA, e che ci da l'imput per cambiare il corso della nostra vita sregolata?

Violet è una ragazza molto giovane, a
 soli 23 anni conosce bene cosa sono le dipendenze, e non perchè lei sia dipendente da qualcosa, ma pare che tutte le persone che ruotano intorno a lei lo siano.
La madre era una groupie dipendente dal sesso, il padre dopo l'abbandono della madre è diventato un alcolizzato, la cugina abusa di psicofarmaci e la sua migliore amica, pur essendo prossima al matrimonio, sfoga le sue insicurezze in eccessi di ogni tipo.
Quale può essere allora il futuro per Violet? 
O diventare anch'essa dipendente da qualcosa, oppure divenire l'esatto contrario.
Violet per tutti è la spalla su cui piangere, la persona a cui chiedere aiuto nel momento del bisogno, la roccia su cui si può sempre contare.
Violet è talmente concentrata sull'aiutare gli altri che annulla completamente se stessa.
Vive letteralmente per gli altri, li accudisce come bambini sperduti e corre a destra e a manca per essere sempre presente a chi le chiede aiuto.
E' talmente presa dal suo compito, che si ritrova ad un incontro di gruppo per dipendenze sessuali al posto della sua migliore amica Tia. 
Lei sarebbe dovuta essere solo il supporto, l'accompagnatrice, quella che le stringe la mano per farle coraggio, e invece si ritrovare  a partecipare in prima persona e parlare di sè, come se quella con una dipendenza da sesso fosse lei.
Proprio lei che il sesso quasi non sa cosa sia ... ah ah ah.
Ecco, questo per farvi capire fino a che punto Violet si lascia trasportare pur di sostenere gli altri.


Quel suo modo di vivere e le persone di cui si è sempre circondata, le hanno sempre messo in chiaro che l'amore non fa per lei.
Quasi tutti quelli che sono dipendenti da qualcosa hanno come problematica di fondo i sentimenti e lei vuole tenersene alla larga.

Ovviamente il destino decide per lei, e a quel fatidico incontro per dipendenti da sesso, incontra gli occhi più azzurri e più belli mai visti prima.
Rimane ammaliata ed incantata da quegli occhi, dal carisma e dalla bellezza dell'uomo che li possiede.
Tutto indica PERICOLO  e la scritta sembra lampeggiare a caratteri cubitali.
Come lui la osserva, come le parla, ma soprattutto il motivo per cui lui si trova in quel gruppo.
LUI SI, CHE E' UN VERO DIPENDENTE DAL SESSO, non come lei che non doveva nemmeno essere in quel posto, e per di più da sola.



Quando si ferma, Jet si appoggia al muro di cemento e mi sorride, e io mi dimentico di Tia e di tutti gli altri presenti. Penso solo a lui.Jet dagli occhi profondi, Jet con un sorriso che fa fermare il cuore, Jet con il suo carico di problemi che lo rendono reale e più attraente di qualsiasi altro uomo abbia mai conosciuto.


Lui è sesso allo stato puro. Tutto in lui manifesta cosa vuole ottenere da una donna:
le movenze, il tono della voce caldo e provocante, lo sguardo penetrante. Sembra quasi che abbia una grossa calamita incollata al petto e che attiri a sè come mosche, ogni donna che gli passa di fianco.
Ma lui in realtà chi è?



Jet (diminutivo di Jethro <-- oddio quando ho letto questo nome sono svenuta ahahahah ... vedete i miei occhi a cuoricino? Va beh ... non divaghiamo :P ) è un musicista. Un vero e proprio rocker.
Suona e canta in una band, scrive le sue canzoni, e spera di sfondare come autore.
Nel mezzo di questo bel sogno però, c'è la sua dipendenza, 
un enorme fardello di cui non riesce a liberarsi, e quando suona ai concerti, la sua avvenenza, di certo non aiuta a mantenere la castità.
Ma vuole davvero "guarire"?
E soprattutto cosa lo ha portato ad essere la persona che è oggi?



Non sono un alcolizzato, ma ho un problema con l'alcol.Non sono un narcisista, ma ho problemi con il mio ego.Non sono un tossicodipendente, ma ho un problema con la droga.Le droghe che uso non sono quelle che si fumano o si iniettano.Sono le donne che vogliono soltanto compiacermi e i fan che vogliono solo ascoltarmi.E' la musica in cui posso perdermi, un posto in cui sono qualcuno che non ha problemi e non si preoccupa delle conseguenze.Questa è la mia dipendenza.Questa è la mia debolezza.

Ma facciamo il resoconto della situazione: 
lei mente per aiutare la sua amica Tia, e si spaccia per una mangiatrice di uomini in remissione, l
ui mente per poterla frequentare, custodendo un enorme segreto che se venisse svelato la farebbe correre a gambe levate.
Eh... che bella prospettiva!
Sono le basi perfette per una storia solida e duratura :P
Ne verranno a capo? Riusciranno, nonostante tutte le bugie e i misteri ad avere un futuro insieme?
Beh... io non ve lo dico. Gne, gne, gne.

Il libro nel complesso è stato scorrevole e piacevole.
L'autrice tocca una tematica davvero impegnativa, ma la gestisce con delicatezza.
I personaggi in alcuni punti li ho trovati un po' banali, forse scontati ma nel complesso non posso dire che questo libro non mi sia piaciuto.
Posso sicuramente affermare che rispetto agli altri letti, mi aspettavo qualcosa di più.
Ve lo consiglio? 
Ma si! :D








Nessun commento:

Posta un commento