giovedì 6 ottobre 2016

GUIDATI DALLA PASSIONE, K.BROMBERG. Recensione.


TITOLO: Guidati dalla passione

AUTORE: K. Bromberg

SERIE: Driven series #1

EDITORE: Fabbri editori

PAGINE: 400

PUBBLICAZIONE: 6 ottobre 2016 

GENERE: Sport romance- erotic

PREZZO: € 6,99 ebook - 16,90 cartaceo
È una serata importante per Rylee e per l’associazione per cui lavora: è in corso un’asta di beneficenza con numerose star di Hollywood per raccogliere donazioni in favore dei bambini bisognosi. Perciò è fondamentale che nulla vada storto. Peccato che la ragazza non immaginasse di poter essere messa in palio, anche se solo per una sera, e di venire "comprata" da Colton Donavan, il famoso e bellissimo pilota di formula Indie, nonché capo della società per cui lei lavora. Nel momento stesso in cui lui la trafigge con il suo sguardo color giada, le certezze di Rylee cominciano a sgretolarsi, e con il passare del tempo la sfrontatezza di Colton spazza via del tutto la sua vita tranquilla e ben pianificata.
Il giovane è disposto a qualsiasi cosa pur di ottenere ciò che vuole e la guiderà in un universo di sensazioni a lei sconosciute e per questo ancor più irresistibili e inarrestabili.
Ma proprio quando la loro relazione sembra pronta per una svolta importante, torbidi segreti verranno a galla…








Una passione irrefrenabile, un legame intenso e travolgente. Una folle corsa a trecento km orari, questo è DRIVEN, questa è la storia dell’amore travagliato tra Colton e Rylee.

Rylee Thomas è una donna forte e determinata, ma ha un passato doloro e straziante. Dopo aver perso in un tragico incidente d’auto Max, l’amore della sua vita, l’uomo che avrebbe dovuto sposare e col quale avrebbe dovuto costruirsi una famiglia, la sua vita sembra essersi fermata. Vive costantemente in un limbo che non le permette di voltare pagina e andare avanti. Nei due anni successivi alla morte di Max, ha dedicato tutto il suo tempo al lavoro. Rylee lavora come psicologa ed educatrice presso una casa famiglia, lavoro che svolge con assoluta passione e devozione. Adora i ragazzi di cui si occupa e farebbe di tutto per rendere la loro vita migliore. 
E’ una donna inquadrata, fin troppo compita: non perde mai il controllo in nessuna situazione e non si mette mai nelle condizioni di dover correre dei rischi. Questo fino all’incontro con Colton Donovan, incontro che sconvolgerà la sua vita e risveglierà in lei desideri ed emozioni che credeva di non poter provare mai più, convinta che fossero morte quel giorno insieme a Max. 


Alzo lo sguardo e registro al volo la massa di capelli neri dalle ciocche scompigliate, la pelle abbronzata, la leggera ombra di barba… Poi i suoi occhi. Una scarica di elettricità – un’energia quasi palpabile – mi percorre appena incrocio le sue limpide iridi verdi e guardinghe. Un lampo di sorpresa le attraversa, ma l’intensità e la malizia con cui mi sta fissando sono snervanti. La reazione del mio corpo è immediata, e bisogni e desideri a lungo dimenticati riaffiorano con prepotenza. Come può una persona che non avevo mai visto farmi scordare il panico e la disperazione che provavo soltanto pochi istanti fa? Commetto l’errore di rompere il contatto visivo e guardare la sua bocca. Le labbra piene e ben disegnate si increspano intanto che mi studia e poi, piano piano, si allargano in un sorriso sornione. Oh, come vorrei questa bocca su di me, sempre e ovunque. Ma che diavolo sto pensando? Quest’uomo è totalmente fuori dalla mia portata. Anni luce distante dalla mia portata! Arrossisco, sono davvero in imbarazzo sia per la situazione sia per i miei pensieri proibiti. Stringo la presa sul suo bicipite e tento di ritrovare la calma. Cercando di rimettermi in piedi, però, inciampo nei tacchi altissimi e gli finisco ancora più addosso. Balzo indietro per allontanarmi da lui, solo che sfioro con il seno il suo torace forte, incendiando le mie terminazioni nervose. Minuscole esplosioni di desiderio mi solleticano il ventre. «Oh… ehm… Mi dispiace tanto» balbetto. Ora che posso godermi la sua immagine intera devo ammettere che quest’uomo è ancora più disarmante: perfetto nella sua imperfezione e sexy come un angelo ribelle, con un sorrisetto arrogante e un’aria che suggerisce guai in vista. Lui inarca un sopracciglio, notando la lenta ispezione a cui lo sto sottoponendo. «Non deve affatto scusarsi» risponde con voce roca, una voce che evoca immagini di perversione e sesso. «Sono abituato alle donne che cadono ai miei piedi.» 




Colton è affascinante, bello e sexy come un Dio Greco. E’ un uomo che trasuda virilità da tutti i pori, ha un fascino irresistibile. Non c’è donna che possa sfuggirgli o resistergli, e Rylee non farà eccezione. L'uomo ha una forte personalità, è arrogante e sicuro di sé, il classico bad boy che ottiene sempre quello che vuole, e dopo aver posato lo sguardo su Rylee tutto quello che vuole e che desidera è farla sua. 
Non ha mai accettato un rifiuto da parte di una donna, se poi a rifiutarlo è una bellissima ragazza con una carica sessuale esplosiva che però rifiuta di accettare le sue avances, per un uomo competitivo come lui, sarà come andare a nozze. Del resto il suo lavoro ne è la dimostrazione. In pista, sia che si tratti di una semplice prova o di una gara vera e propria, testa sempre i suoi limiti e si costringe sempre a superarli. E così farà con Rylee. Inizialmente lei proverà con tutte le sue forze a resistere al fascino di quest’uomo che potrebbe nuovamente ridurle il cuore in brandelli, ma come si può resistere ad un desiderio puro e incontrollabile come quello che provano l’uno per l’altra? 

Rylee presto si renderà conto che dietro quell’aria da uomo duro e sicuro di sè, si cela un uomo distrutto che nasconde dei segreti, che gli impediscono di abbandonarsi ai sentimenti. Basterà la passione a tenerli insieme, o il passato sarà l’ostacolo maggiore per sperare in un futuro insieme? 



Ho atteso l’arrivo di questo romanzo con trepidazione, avevo grosse aspettative, e dopo averlo letteralmente D.I.V.O.R.A.T.O pagina dopo pagina, posso affermare con assoluta certezza che non solo sono state soddisfatte, ma addirittura le ha oltrepassate alla grande! 
Inizialmente vi sembrerà di trovarvi di fronte al classico romanzo stereotipato letto e riletto tante volte, ma non fatevi condizionare, provate ad andate al di là dalle apparenze e non ve ne pentirete. 
A fare la differenza saranno i due protagonisti, che ho trovato assolutamente perfetti, ma soprattutto la straordinaria capacità narrativa della Bromberg. Questa donna scrive divinamente! Il suo stile è accattivante, ogni pagina, ogni frase URLA passione e trasuda tormento. Sarà impossibile non lasciarsi coinvolgere dalla storia.




Amerete e allo stesso tempo odierete Colton che è un personaggio imperscrutabile, a tratti misterioso e insondabile. Eppure sotto l’aspetto da cattivo ragazzo si nasconde un uomo vulnerabile, con un passato doloroso che lo tormenta, che gli divora le viscere e per non lasciarsi travolgere dal dolore, sfoga tutta la sua rabbia nelle corse e nel sesso. Il suo personaggio è caratterizzato molto bene, ma sono convinta che la Bromberg abbia dato alle sue lettrici un semplice assaggio della sua personalità. Ha fornito piccoli pezzi del puzzle. Tante, troppe le domande che lo riguardano, alle quali non riusciremo a dare una risposta. 
Cosa dire di Rylee, se non che ho amato anche lei? Finalmente una donna che riesce a tener testa ad un uomo! Ha una forte personalità, non ha minimamente l’animo della sottomessa. FINALMENTE!


Ho apprezzato la sua caparbietà e la sua voglia di rimettersi in gioco. Pur essendo consapevole che un uomo come Colton rappresenta il pericolo, decide lo stesso di rischiare. Il desiderio e la voglia di essere felice nuovamente accanto ad un uomo, le faranno superare le paure iniziali. Colton sarà un po’ il suo atto di fede. 
Driven è un romanzo che lascerà il segno, devo confessarvi che durante la lettura mi sono trovata diverse volte a dover riprendere fiato, per l’intensità delle situazioni descritte. 


«Hai la minima idea dell’effetto che mi fai?» mi chiede Colton a bassa voce. «Ce l’hai, vero?»
Faccio cenno di no con la testa, tormentandomi il labbro inferiore con i denti. So soltanto che effetto fa lui a me. Il potere che ha su di me, di farmi dimenticare. Soltanto il suo tocco può mettere a tacere i dubbi nella mia testa.
«Te ne stai lì, con quell’espressione innocente nei tuoi stupendi occhi viola. Con i capelli che ti ricadono sulle spalle, come una fata. E quelle labbra… mmm, mio Dio… quelle labbra sexy diventano più gonfie e morbide dopo essere state baciate. Me le sogno di notte.»
Le sue parole mi avvolgono in una lenta seduzione. Si avvicina, allungando una mano per prendere la mia.
«Il tuo viso esprime vulnerabilità, Rylee, ma il tuo corpo? Le tue curve? Gridano peccato. Evocano nella mia mente dei pensieri che ti farebbero arrossire.» Si inumidisce il labbro inferiore con la lingua. «Le cose che voglio fare a quel tuo corpicino, dolcezza…» La brutale onestà dietro le sue parole mi spoglia di ogni difesa. Mi incanta. Mi rende coraggiosa. Forma un’altra crepa nell’armatura che protegge il mio cuore.
«Tu mi fai provare bisogno, Rylee» sussurra. 

Faccio un grosso plauso all’autrice, il suo è stato un esordio italiano col botto. Spero tanto che Fabbri non ci faccia attendere molto per il seguito e a quanto pare sarà così.









Nessun commento:

Posta un commento