martedì 13 settembre 2016

THE PROTECTOR, JODI ELLEN MALPAS. Recensione.


TITOLO: The protector

AUTORE: Jodi Ellen Malpas

EDITORE: Orion

PUBBLICAZIONE: 8 settembre 2016 

GENERE: Contemporary romance

PAGINE: 384

PREZZO: € 4,49 ebook; € 9,71 cartaceo
Le persone pensano di aver inquadrato Camille Logan: figlia di papà, bella, giovane donna viziata con il conto in banca di suo padre per finanziare il suo stile di vita. Ma Camille è determinata ad avere una vita priva di legami. Fuori da sola, ha fatto i suoi errori, tra cui uno che artiglia il suo ritorno dopo un periodo di riabilitazione e un sacco di cattiva pubblicità. Ora, dopo aver combattuto duramente per essere indipendente e felice, si ritrova minacciata dai rapporti d'affari senza scrupoli di suo padre. Colto tra risentimento e paura, Camille si prepara ad assecondare suo padre nelle misure di sicurezza che intende adottare nei suoi confronti per proteggerla. Ma niente avrebbe potuto prepararla all'ex cecchino della SAS che irrompe nella sua vita. Jake Sharp vive nel suo inferno personale. Una sola volta si era distratto durante il suo servizio e le conseguenze furono devastanti, sia personali che professionali. Si è ripromesso che mai sarebbe accaduto di nuovo. Accettare il lavoro di guardia del corpo di Camille Logan non è sicuramente il modo giusto per distrarsi dai suoi demoni. Donne e Jake non si mescolano nella maniera giusta, ma proteggere la famosa ereditiera sembra il minore dei suoi mali. Ma Jake scopre presto che lei non è la donna che credeva. Lei è calda, compassionevole, la sua presenza si insinua dentro di lui e proteggerla diventa presto molto più di un semplice lavoro ben pagato, non importa quanto provi a combattere questo sentimento. Ha bisogno di redimere le sue colpe. Ha bisogno di Camille. Ma sa che non può avere entrambe le cose.


Traduzione sinossi a cura di Cinzia Tagliafierro


Sono trascorsi quattro lunghissimi anni da quel fatidico giorno che ha cambiato la vita di Jake Sharp, ex tiratore scelto della SAS; quattro anni in cui non ha fatto altro che trascinarsi dietro un bagaglio pesante, fatto di sensi di colpa, terribili segreti e tormenti.  Incubi fatti di rumori assordanti, urla strazianti, odore di sangue e dolore lo perseguitano giorno e notte. Tutto quello che riesce a fare, che sembra distrarlo da tutti i suoi demoni, è rifugiarsi nel lavoro, nel sesso occasionale e nell’abuso di alcool. 
Quando dall’agenzia di sicurezza per cui lavora gli viene proposto di fare da guardia del corpo a una giovane ereditiera venticinquenne, figlia di un magnate inglese a cui sono state fatte delle minacce,  in un primo momento rifiuta l’incarico. Jake è un uomo che prende seriamente il suo lavoro e non vuole assolutamente trovarsi nelle condizioni di dover fare da babysitter alla classica figlia di papà e dopo aver letto il dossier di Camille Logan i presupposti ci sono tutti. 
Il compenso però è alto, lui ha bisogno di distrarsi e poi Camille è bella, tremendamente bella da togliere il fiato. In fondo potrebbe rivelarsi un lavoro piuttosto facile e perché no, anche piacevole.
Camille Logan però non è proprio la classica ragazzetta viziata: è una donna indipendente, forte e determinata. Non le piace vivere alle spalle del padre, tutto quello che vuole è costruirsi un futuro  con le sue forze,  creare la sua linea di moda perché ha talento, e non grazie al cognome che porta. Non prenderà affatto bene l’idea di essere guardata a vista 24 h su 24 da una guardia del corpo, ma il padre desidera solo il meglio per la sua Stellina, e il meglio per la sua sicurezza è Jake Sharp. 
Basterà uno sguardo tra i due: un solo, intenso e fulminante sguardo e tutto verrà messo in discussione.




L’attrazione tra i due sarà istantanea e quello che doveva essere un semplice lavoro, si rivelerà essere molto di più. Per Jake tenere al sicuro il suo Angelo sarà il suo principale obiettivo, anche se questo significherà forse proteggerla anche da se stesso e dai demoni che lo tormentano.


“I can’t bring him into the light, when he content residing in the darkness, and I can’t let him drag me into that darkness.”

Traduzione

 “Non posso riportarlo alla luce, quando continua a vivere nel buio e non posso lasciare che mi trascini in quel buio.”


Angels, la Lady è tornata!!! Aspettavo l’uscita di questo romanzo con trepidazione, le aspettative erano tante, del resto stiamo parlando dell’autrice che ha regalato alle lettrici di tutto il mondo uno dei protagonisti più amati del genere, il Lord del Maniero Jasse Ward. Un uomo che è riuscito a mandare in subbuglio anche gli ormoni delle più bigotte (senza offesa). Quindi mi aspettavo di trovarmi di fronte ad un nuovo maschio alfa, dall’animo tormentato e dallo sguardo strappa mutande.
Anche questa volta la Malpas ha calcato molto la mano sulla caratterizzazione dei personaggi, del resto sarebbe controproducente creare dei personaggi così complessi e non dare al lettore gli elementi per poterli delineare al meglio.
Tra i due quello che è caratterizzato meglio e che diventa il protagonista indiscusso dell’intero romanzo è senza dubbio Jake. L’ho amato in ogni sua sfaccettatura, ogni sua debolezza; ogni suo tormento ti entra dentro e ti spezza il cuore, e anche se non sono riuscita a giustificare del tutto alcune sue scelte, è un uomo che ha bisogno di redimersi, e troverà la sua redenzione in Camille.




“I shouldn’t risk infecting her with my demons. Yet at the same time, I’m full of hope that she could be the cure that I haven’t been looking for.”


Traduzione

 “Non dovrei rischiare di infettarla con i miei demoni. Ma allo stesso tempo, sono pieno di speranza che lei potrebbe essere la cura, che non stavo cercando.” 

La presenza all’interno della narrazione del doppio POV è l’elemento di punta di tutto il romanzo, e gli dona quel quid in più. Era ora che l'autrice desse alle sue lettrici l’opportunità di entrare nella mente dei protagonisti per cui perdono la testa e anche il sonno.
Lo stile della Malpas è inconfondibile: sempre ricercato e attento. Anche questa volta è riuscita a creare il giusto equilibrio tra romance e suspense. L’unica nota stonata a mio avviso è la dinamica della storia, tutto si svolge in maniera troppo veloce, non voglio scendere nei dettagli ma l’ho trovata quasi una forzatura. E poi mi chiedo: perchè? Perchè vi ostinate a privare le lettrici del tanto atteso e desiderato epilogo? Non riuscite a capire che è come se mancasse un pezzo della storia? È proprio quel momento che attendono di leggere le lettrici per poter sospirare e gioire con i protagonisti. Mi rifiuto!!! Jodi, sgancia l’epilogo.
Riuscirà Jake ad entrare nel cuore delle lettrici italiane? Non ci resta che aspettare gennaio 2017, come già anticipato dalla Newton Compton al Salone del libro di Torino, per averlo nelle nostre librerie.






Nessun commento:

Posta un commento