lunedì 5 settembre 2016

NON ANDARE VIA, SHARLA LOVELACE. Recensione.


TITOLO: Non andare via

AUTORE: Sharla Lovelace

EDITORE: Newton Compton

PAGINE: 384

PUBBLICAZIONE: 8 agosto 2016 

GENERE: Contemporary romance

PREZZO: € 0,99 ebook

Noah Ryan e Jules Doucette stanno insieme da sempre, prima come migliori amici di infanzia, poi come giovani amanti. Hanno programmato tutto il loro futuro, ma un’incredibile decisione finisce per separarli. 
Ventisei anni dopo, Jules sta vivendo la vita che qualcun altro ha pensato per lei. Gestisce il negozio di sua madre, vive in casa sua, segue le sue regole e tiene i segreti che lei le ha fatto seppellire. 
Poi Noah torna a casa, e porta il caos. Il suo ritorno fa molto di più che risvegliare vecchi ricordi: costringe anche Jules a guardare la sua vita con occhi nuovi e scoprire segreti di cui non sospettava l’esistenza. Ma il potere del vero amore può trionfare su anni di dolore e bugie?


Un romanzo potente, una storia che arriva dritta al cuore. Avete presente quando arriva il libro giusto al momento giusto? Ecco, questo ė stato il mio libro giusto al momento giusto. Mi sono inspiegabilmente commossa, ho sofferto con la protagonista, mi sono immedesimata nella figlia ribelle e ho gioito della loro crescita emotiva e psicologica. Insomma, mi è passato sopra un tir. Mentre leggevo sentivo le lacrime scendere, ma non è una storia drammatica, eppure... Grido al miracolo: ho un cuore anche io e Sharla Lovelace l'ha defibrillato!
"Per più di vent’anni ho vissuto dietro una linea che mi ero ripromessa di non attraversare. Vent’anni di sentimenti trattenuti. Non ho aperto completamente il mio cuore nemmeno a mio marito. Non volevo mai più sentirlo andare in pezzi. E sono bastati quindici minuti con te per spazzare via tutto." 
Dai suoi occhi trapelò una forte emozione, ma la soffocò subito.

“Perché mi hai dato il tuo cuore.”

Il ricordo di quell’abbraccio e le lacrime nei suoi occhi furono come una pugnalata al petto. Avrei dovuto cogliere l’attimo. “Non conosco altri modi di stare con te”, gli confessai.
“Nemmeno io.”
Jules è una donna separata alle prese con la libreria lasciatale dalla madre - ne farebbe volentieri a meno - e con una ragazzina nel pieno dell'adolescenza, ovvero ormoni e guai a tutto gas. Jules è una donna che ha sofferto molto, che ha perso molto, per colpa sua ma soprattutto della madre, una figura integerrima che non faticherete ad odiare. Jules ha smarrito due parti del suo cuore e nessuno può guarirla, nessuno può sistemarla, ormai il suo cuore è rotto e da anni sopravvive, facendo del suo meglio per crescere la figlia e dimenticare tutto il resto. Poi torna lui... Noah ritorna a casa, ma non è solo. Tutto crolla, tutto ritorna prepotentemente a galla: dolore, insofferenza, delusione, mille domande. Jules e Noah prima o poi dovranno affrontare il loro passato e fare i conti con le proprie scelte. Complici due famiglie davvero ben fornite, una figlia con un caratterino non indifferente, una madre che riesce a condizionare la vita di Jules anche dall'oltretomba, un ex insicuro, una donna incinta letteralmente adorabile e un figlio perduto. 


Un uomo e una donna che si devono costruire la loro seconda possibilità, perchè il destino prima toglie e poi dà, ma la scelta finale spetta a loro: decideranno di andare via o si perdoneranno? Il loro non sarà un semplice viaggio, preparatevi a scalare una montagna in condizioni impervie, ma Il caleidoscopio di emozioni che vi travolgerà al traguardo vi ripagherà di ogni fatica, ve lo posso assicurare! 
Gli occhi mi bruciavano mentre la sua bocca reclamava la mia, affamata, prendendo tutto quel che poteva, con fretta, così come glielo davo io. Tutti i tasti del mio corpo si accesero nello stesso istante, mentre il suo sapore saturava di nuovo i miei sensi. La pioggia cadeva più fitta, ci inzuppò completamente, ma riuscivo a sentire solo le sue mani chiuse tra i miei capelli e il suo collo, la testa, la faccia sotto le mie dita. La barba era cresciuta un po’ e graffiava, ma lo abbracciai più stretto, desiderando dargli tutto quello che voleva prendersi.
Questa storia è davvero ricca e complessa, contiene al suo interno una miriade di aspetti interessanti sui quale riflettere. Innanzitutto la crescita dei protagonisti è palpabile, toccherete con mano tutti gli stadi necessari alla maturazione e alla comprensione di se stessi. Jules, Noah, la figlia, l'ex marito e il padre del protagonista mostreranno la disperazione, il rifiuto, l'accettazione e il perdono, ma ogni step necessiterà di un tempo di decantazione soggettivo, durante il quale ogni personaggio rifletterà, sbaglierà e capirà. La caratterizzazione è a dir poco sopraffina perchè rende ogni aspetto verosimile, senza dimenticare di far sognare il lettore e di forzare le leggi della realtà. 
Sentii le sue lacrime sulla pelle e ripensai agli anni che avevamo perduto. Niente sembrava più giusto che stare così abbracciati, aggrappati con tutte le nostre forze.
Personalmente la componente che ho apprezzato maggiormente è il rapporto madre-figlia perchè l'ho trovato realisticamente problematico. Una tempesta che si infrange giornalmente e crea riverberi continui, tensioni continue, come se fosse un'altalena emotiva continua... E non è ciò che succede di solito durante l'adolescenza? Una donna e una ragazza che si amano profondamente ma non riescono più a capirsi, una figlia che sta crescendo e sta sviluppando la propria personalità, una mamma che deve scendere a compromessi cercando di non rifare gli stessi errori del passato. La parola chiave è COMPRENSIONE, perchè ascoltarsi senza capirsi porta solo a scontri sterili, volersi bene senza andarsi incontro porta solo a inutili discussioni, amarsi senza accettarsi porta solo rancore. Madre e figlia dovranno imparare a conoscersi e a scoprirsi giorno dopo giorno, dovranno scegliere anche loro se andare via o combattere per loro stesse e per il loro rapporto. 


Potrei andare avanti a parlare di questo romanzo per ore, ore e ore, perchè le tematiche affrontate sono davvero tante, ma possono essere riassunte con la ricerca del perdono. Perdonarsi per i propri errori, perdonare l'altro per gli errori commessi: solo così il passato smetterà di essere una presenza incombente e condizionante nelle loro vite, solo così potranno concentrarsi sul presente, solo così potranno pensare con serenità al futuro. 
Una lettura estremamente consigliata a tutti!





Nessun commento:

Posta un commento