sabato 10 settembre 2016

FIRST, LAURIE ELIZABERH FLYNN. Recensione.


TITOLO: First. La mia prima volta

AUTORE: Laurie Elizabeth Flynn

EDITORE: Newton Compton

PAGINE: 320

PUBBLICAZIONE: 8 settembre 2016 

GENERE: Young adult

PREZZO: € 4,99 ebook, 9,90 cartaceo
A diciassette anni, Mercedes Ayres ha le idee ben precise in fatto di sesso: la porta della sua camera da letto è aperta solo per ragazzi alla prima esperienza. Mercedes è pronta a indirizzarli e aiutarli, e in cambio chiede solo che rendano speciale la prima volta delle loro ragazze. Che sia una prima volta perfetta, quella che Mercedes non ha avuto. Mantenere il segreto su ciò che accade nella sua camera da letto è stato facile, fino ad ora. Sua madre è sempre fuori casa durante il giorno e non immagina neppure quali siano le attività extrascolastiche della figlia, e la sua migliore amica super religiosa, Angela, non è nemmeno in grado di nominare il sesso, dato che non è sposata… E poi, all’improvviso, qualcuno le chiede un trattamento speciale in cambio del silenzio… Quando la sua perfetta organizzazione va in frantumi, Mercedes dovrà cercare una soluzione per salvare la propria reputazione e capire qual è la strada che le sta indicando il cuore. 

Un incredibile esordio che toglie il respiro fino all'ultima pagina.
Un romanzo coraggioso.
Romantico, sexy e irriverente.


La mente umana è davvero una cosa incredibile ed escogita sempre modi fantasiosi per sfuggire alla sofferenza.

Pensiamo di essere persone forti, convinte che andando avanti, giorno dopo giorno, il passato possa essere dimenticato, e invece è sempre li, pronto a tornare vivido davanti ai nostri occhi.
E' vero che il tempo ci aiuta ad allontanare i brutti ricordi... ma dimenticare? MAI.
Mercedes crede davvero di aver superato il suo terribile passato, ma la sua storia, quello che fa, quello che pensa di dover fare, sono cose la riportano sempre a quello che le è successo.


A tredici anni pensava di essere felice, perchè a quell'età credi nell'amore, nella famiglia e nel futuro.
Ma oggi il suo futuro è tutto piuttosto vago.
First è una storia importante e intensa di una ragazzina di 17 anni che non è più capace di lasciarsi andare ai sentimenti.
Lei ricorda la sua "prima volta" come qualcosa di terribile, doloroso e oltraggioso.
La sua brutta esperienza ha forgiato la Mercy di oggi, e a suo modo, crede e spera di aiutare tante ragazze inesperte ad avere una prima volta da sogno, con il ragazzo perfetto, che sappia come trattarle. Con dolcezza, delicatezza e rispetto.



La verginità non è solo una cosa che si perde, come una chiave o un compito a casa.

E' qualcosa che dai.
O qualcosa che ti viene tolta.

Ed è con questi propositi che inizia quasi per gioco, il suo piano di "pagamenti anticipati" con ragazzi inesperti, vergini.
Lo scopo è di insegnare loro cosa dire, cosa è giusto fare o non fare, come comportarsi e come toccare le proprie ragazze per farle sentire il centro del loro mondo.
Il suo limite iniziale è quello di farlo solo con cinque ragazzi, ma i cinque presto diventano dieci... e le cose le sfuggono di mano, perchè lo sappiamo tutti che gli adolescenti (e soprattutto maschi) amano vantarsi delle loro prodezze sessuali con gli amici, e il patto di segretezza che Mercy fa fare loro all'inizio, diventa presto solo un lontano ricordo.
I primi, in effetti, avevano solo da perdere se lo avessero confessato in giro, ma basta un orecchio sbagliato che ascolta, e il verginello si trasforma in realtà nell'esperto che si spaccia per vergine pur di farsi una sveltina.


E' dannatamente triste pensare che è proprio così che accade spesso.
I giovani a volte sono così ingenui e immaturi che non comprendono il danno che possono provocare.
Nel mezzo della turbolenta equazione elaborata da Mercedes c'è Zach.
Zach è il partner delle lezioni di chimica di Mercy... e non solo.
Ogni mercoledì dopo le lezioni stanno insieme e Mercy riesce a sentirsi bene davvero con lui.
Zach le rivela i suoi sentimenti e sarebbe contento di diventare il suo ragazzo ufficiale, ma Mercy che non crede nelle relazioni, preferisce che le cose rimangano come sono.




Non voglio camminare mano nella mano nel corridoio della scuola e ballare un lento al ballo e andare al cinema con Zach.
Non voglio essere la ragazza che lui frequenta l'ultimo anno e per la quale perde interesse quando parte per il college.
Voglio solo essere veloce quanto basta perchè Zach debba correre per starmi dietro, perchè, se resto in testa, non dovrò mai vedere la sua schiena che si allontana.


Al tempo stesso, si accorge di essere stranamente gelosa di lui quando scorge dell'interesse verso una nuova ragazza appena arrivata nella loro scuola, Faye.
Zack non sa nulla di quello che fa Mercy, ma questo segreto è destinato ad esplodere come una bomba atomica.

Mercy è una ragazza ricca ma tendenzialmente sola.
Il padre se n'è andato quando era molto piccola e la madre è alla continua ricerca della giovinezza perduta, inseguendola con ritocchi chirurgici e fidanzati troppo piccoli o sconsiderati.
Come dice Mercy, sua madre è fisicamente presente ma mentalmente assente.
Non si interessa mai a lei come dovrebbe farlo una madre, non la coinvolge nei suoi interessi (discutibili o meno) e nemmeno cerca di adentrarsi in quelli della figlia. 



La migliore amica di Mercy è Angela fin da quando erano piccole.
Angela è fidanzata con Charlie da due anni, è l'immagine della ragazza all'antica, credente in Dio, e convinta che per la sua prima volta debba aspettare il matrimonio.
Ma cosa succede se il fidanzato di Angela ha idee un po' differenti? E soprattutto cosa accade quando scopre quello che Mercy fa con i ragazzi della scuola?
Il ragazzo casa e chiesa che credeva di conoscere Mercy in realtà si rivelerà il suo incubo peggiore, e sarà proprio lui che oltre a risvegliare il suo doloroso passato, svelerà il suo segreto all'intera scuola.
Le uniche persone che rimarranno al suo fianco difendendola a spada tratta, saranno proprio il caro Zack e Faye, che si dimostrerà un'amica affidabile e comprensiva.

Non so se voi avrete il mio stesso pensiero quando leggerete questo libro, ma credo ci sia del vissuto "vero" tra queste righe.
E' possibile che l'autrice stessa abbia dovuto affrontare molte avversità simili nella sua giovane vita, perchè l'intesità di questa storia da davvero questa impressione.
E' stata una lettura emozionante che al tempo stesso ti lascia con l'amaro in bocca. Un grande grido di aiuto di una ragazza sola e con una guida che da importanza solo alla superficialità. Uno sguardo al mondo adolescenziale di oggi.
E' così facile gettare nel vuoto e nel fango l'esistenza di una persona, e Mercy ne è una prova tangibile.








2 commenti:

  1. Io credo di essere una delle poche a cui questo romanzo è piaciuto. Molti rimproverano all'autrice il fatto che per la maggior parte del romanzo Mercedes non faccia praticamente nulla ma io credo che sia in linea con ciò che lei è nella realtà. E' una ragazzina che non conosce amore, che non sa cos'è l'affetto, che non è capace di riceverlo e soprattutto non sa come darne... leggendolo l'unica sensazione che ho avuto è quella di una profonda tristezza nei suoi confronti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi trovo perfettamente in accordo con te. Credo anche che non ci sia nessun intento moralistico nè di denuncia, semplicemente un' istantanea di quelli che sono oggi i ragazzi. Senza voler fare la paternale è facile per una ragazzina che non ha nessuna guida, al giorno d'oggi, perdersi in un mondo dove la sessualizzazione è precoce e di facilissimo accesso.

      Elimina