giovedì 7 luglio 2016

PER SEMPRE GIOVANI, SIMONA DIODOVICH. Recensione.


TITOLO: Per sempre giovani

AUTORE: Simona Diodovich

EDITORE: Self Publishing

PAGINE: 207

PUBBLICAZIONE: 28 marzo 2016 

GENERE: Contemporary romance

PREZZO: 3,00 ebook

LINK AMAZON: 
http://amzn.to/29kxU00
Hanna Clarke sta per ripresentarsi a casa. Sono passati quattro anni da quando è fuggita da Heartfall, ora è costretta a tornarvi. Ha lasciato molte cose in quel posto: due tombe, un amore intenso e bellissimo e una nonna in fin di vita. Ripresentarsi lì significa rivedere Devon, guardarlo negli occhi e morire lentamente per non averlo più vicino a sé. 
Devon Masters si è rifatto una vita. È fidanzato con Deva, è vicepresidente del club degli Angels e sta bene, o almeno così credeva finché lei non è tornata. 
Possono due persone amarsi dopo anni senza essersi più visti? O modificare il loro destino pur di stare insieme? Heartfall è una piccola cittadina nemmeno nominata sulla cartina geografica eppure, in quel piccolo spazio di mondo, succedono molte cose: anche vedere dei cuori che cadono sanguinanti.


Avvincente, coinvolgente e stupefacente: Per sempre giovani è un romanzo ricco, multiforme e variegato, che spazia tra i generi e li giostra a proprio piacimento. Un viaggio tra le terre del Texas, un'esperienza all'insegna dell'azione e ai confini dell'illegalità, una storia d'amore e di possesso. Simona Diodovich alza l'asticella e dà vita a un intreccio convincente che mi ha catturata fin dalle prime pagine. 

Hanna torna a casa dopo qualche anno, incontra il suo ex, Davon, e la situazione non sarà facile: rancore, rimorsi, rimpianti, amore, passione, amicizia, sparatorie, nascondigli, depistaggi, rapimenti, omicidi e tanto altro. Leggere per credere! Sicuramente non vi annoierete nemmeno per un istante, ogni pagine vi terrà col fiato sospeso, vi farà sperare, gioire e anche arrabbiare, perché le personalità dei protagonisti e il contesto di riferimento sono alquanto particolari Hanna è un tipino tutto pepe, lingua lunga e sfacciataggine, è una donna coraggiosa e indipendente, che dovrà decidere se fidarsi del cuore, se abbandonarsi alle emozioni recalcitanti che la stanno travolgendo, o abbandonare nuovamente la sua vera casa. Una protagonista che combatte, nel vero senso della parole, con le unghie, con i denti e con qualsiasi arma a disposizione; una protagonista che nel suo intimo sa cosa vuole, ma fatica a capirlo, fatica ad accettarlo finché... 

Davon è a tratti odioso, ma ha un cuore grande e una cervello ben funzionante: vive ai limiti della legalità, ma segue principi ben precisi e farebbe di tutto per difendere la sua città, anche mettersi contro alla famiglia. Potrebbe sembrare un tantino rude, ma in alcune scene la sua dolcezza e il suo smarrimento mi hanno colpita e destabilizzata: è un uomo double face in stile Tronky. Tenero dentro e croccante fuori! 
Insomma insieme quei due sono una bomba pronta a esplodere! 


I protagonisti sono ben calibrati, ben strutturati e ben rappresentati. Potrete scorgerne pregi e difetti, paure e debolezze, gioie e animosità: tutto è alla luce del sole e lo si deduce dai loro comportamenti, dai loro pensieri, dai loro dialoghi. Devo ammettere che anche i personaggi secondari mi hanno colpita perché li ho trovati contestualizzati in modo equilibrato. Non stonano, non prevaricano, ma esistono e si prendono il proprio spazio, incarnano un ruolo preciso e sono utili ai fini dell'intreccio. Alla fine vi sembrerà di conoscere anche loro. L'autrice ha pensato a ogni minimo dettaglio, non ha trascurato nulla, inglobando all'interno della storia una miriade di personalità diverse, un miscuglio di soggetti ben distinti che regalano al lettore uno spaccato di vita fantasioso, avvincente e passionale. 
Devon non resistette. Alzò la mano destra e sfiorò, con le dita, il volto di lei. Non si scansò. Non scappò. Chiuse la mano a pugno ancora vicino alla ragazza. Avrebbe voluto fare altro, ma non poteva.Si voltò verso la porta e andò via sbattendola.Fuori di lì respirò aria fresca. Il suo corpo chiedeva a gran voce di rientrare e baciarla, farla sua ancora una volta. Invece, facendo violenza sulla sua persona, fece un passo dopo l’altro lontano da lei, fino a scomparire nell’ombra.
Non si era nemmeno accorto di averla attirata a sé. Le sue mani erano lungo la spina dorsale di Hannah, la stringevano forte, superando gli indumenti per toccare la pelle nuda.Si rese conto di avere il corpo così eccitato, da avere dolore al cavallo dei pantaloni. Fu inevitabile. La sua bocca cercò quella di lei. Tutto il suo pensiero razionale andò a farsi benedire, nell’attimo stesso in cui si sfiorarono. Una forza prepotente uscì dal suo corpo, loro erano vincolati per l’eternità, non si poteva scappare da tutto ciò. La sollevò da terra e le fece avvinghiare le gambe ai fianchi mentre la sua bocca s’infilava in quella di lei con ardore, stringendola a sé. La voleva e la desiderava subito.La portò in camera sua. Mentre le faceva poggiare i piedi al suolo, sempre con le labbra unite, le slacciò i pantaloni, mentre lei faceva altrettanto con i suoi. Fu costretto a fermare il bacio per togliersi gli indumenti sopra, entrambi lo fecero con frenesia. Quel tempo lontano da lei, gli parve un’ingiustizia.Era la sola cosa che il suo cervello ripeteva con smania ossessiva. Dio quanto aveva aspettato. Quattro anni che voleva distruggere con urgenza in una volta sola. Nudi, non si soffermò nemmeno a guardarla, le prese il volto tra le mani e la baciò spingendola verso il bordo del letto.Hannah cadde indietro, ma Devon ebbe la prontezza di riflessi nell’attutirle il colpo con le sue braccia distese. Lei scivolò sdraiata con le gambe leggermente aperte. Chiuse gli occhi. Era il momento migliore della sua esistenza. Dio, quanto le era mancata. 
Attrazione, sensualità e pathos sono palpabili e percorrono tutto il romanzo secondo un climax ascendente ben preciso: pagina dopo pagina un tassello torna al proprio posto, un piccolo passo avanti è compiuto, un gesto verso l'altro - per o contro l'altro - è descritto. Dopo tanti scontri, il primo incontro sarà a dir poco emozionante e frenetico... Nonostante ciò la situazione non è prevedibile, perchè parallelamente la storia si arricchisce, si infittisce di suspance e situazioni adrenaliniche, che sembrano complicare la vita dei protagonisti ma in realtà la risolvono. Solo alla fine capirete che i nodi verrano al pettine e la matassa verrà sbrogliata, anzi è stata sbrogliata pagina dopo pagina, azione dopo azione, scena dopo scena, parola dopo parola: magia!





*Recensione pubblicata in Harem's book con pseudonimo Star Anise.

1 commento:

  1. La ragazza con il martello passerà alla storia. Grazie tesoro. <3

    RispondiElimina