lunedì 4 luglio 2016

BUIO & LUCE SERIES #3. LE OMBRE DEL CUORE, SARA PURPURA. Recensione.


TITOLO: Le ombre del cuore

AUTORE: Sara Purpura

SERIE: Buio & Luce #3 (autoconclusivo)

EDITORE: Self Publishing

PAGINE: 350

PUBBLICAZIONE: 3 maggio 2016 

GENERE: Contemporary Romance

PREZZO: € 1,20

LINK AMAZON: http://amzn.to/291mmh2

Meredith Taylor ha una vita complicata, un matrimonio che ha distrutto la sua idea dell’amore e un ex marito che l’ha prosciugata nel cuore e nell’anima. Vorrebbe riacciuffare gli anni che ha perso, ma non è semplice sradicare dalla sua mente il calvario che ha vissuto. 

Paul McKenzie è invece il classico bad boy tatuato, rockettaro e amante delle Harley. Non conosce granché dell’amore, ma ha visto cosa significa provarlo fino a impazzire e da quel giorno si porta dietro una colpa straziante. 

Quando stanno insieme fanno scintille, ma non potrebbero essere più diversi di così e lei lo tiene a distanza. 

Paul dovrebbe lasciarla perdere e dimenticarsi di quel pensiero fisso, tuttavia ogni volta che Maddie lo allontana, per lui è come un richiamo. 

La forza di un sentimento che ha piegato entrambi fino quasi a spezzarli potrà salvarli? 
E se anche questo dovesse succedere, che cosa accadrebbe se il passato tornasse a ricordare a Maddie l’inferno che ha attraversato?


Una storia dai tratti contemporanei e ricca di spunti di riflessione, soprattutto per noi donne. 
Meredith è una donna spezzata, il passato l'ha devastata, distruggendole corpo e anima. Come sempre più spesso accade, un amore insano le ha rovinato la vita, portandola ad odiarsi, a chiudersi in se stessa perché difendersi è l'unica soluzione, l'unico modo per non soffrire più. La sua stessa famiglia l'ha vista fuggire da se stessa e, impotente, non ha potuto far nulla. Ogni giorno la protagonista ripercorre i brutti ricordi, sente la presenza costante del fallimento, dell'errore, l'inadeguatezza prende il sopravvento e si isola. Meredith è una donna a metà. 
Quando l'attrazione per un uomo davvero impertinente - a tratti urticante - sicuro di sè e a dir poco affascinante sconvolgerà la sua routine, la prospettiva di rimettersi in gioco si riaffaccerà. Le paure e le titubanze combatteranno, giorno dopo giorno, con il desiderio sempre più forte di ricominciare a vivere, nonostante tutto.



Paul è un uomo travolgente, insistente e premuroso, ma è anche un playboy della peggior specie, uno di quelli che usa e getta le donne senza ritegno: non mente loro, non crea false aspettative e se la gode. Ma può un atteggiamento così spavaldo nascondere qualcosa di terribile? Ebbene sì, anche il nostro Paul nasconde un segreto, una colpa che lo ha immobilizzato emotivamente, spingendolo a nascondersi dietro ai piaceri della carne, dietro alla superficiale carnalità. Vivere equivarrebbe a rischiare, amare equivarrebbe a soffrire, ancora. Anche lui ha paura, anche lui sta fuggendo da qualcosa.
Il loro incontro metterà in crisi due equilibri personali così duramente mantenuti in vita da anni di sacrifici, ginnastica mentale ed emotiva.
Lui vuole sedurla, lei fugge. Lui vuole averla, lei non vuole darsi. Lui la cerca, lei si nasconde. La conoscenza giornaliera, i piccoli gesti e uno strano istinto che li sprona a fidarsi dell'altro, porteranno i due protagonisti a un punto di svolta, per loro stessi e per l'altro: aprirsi o non aprirsi? Questa decisione cambierà le sorti della loro vita, e del romanzo. Ma non posso svelarvi troppo... Posso solo dirvi che il passato non dimentica!


Il tema affrontato da Sara Purpura è quello della violenza sulle donne, la violenza domestica che si perpetra tra le mura di casa, tra quelle stesse mura che dovrebbero tenerci al sicuro. Che cosa potrà mai fare un Contemporary Romance? Be', credo che possa fare molto, soprattutto per noi appassionate lettrici, perché fa riflettere, in positivo e in negativo. Da un lato possiamo paragonare la nostra vita e l'uomo che abbiamo accanto a tutti quegli animali - perché sono animali - che si approfittano della debolezza - più mentale che fisica - delle donne che hanno accanto. Dall'altro lato possiamo cogliere se qualcosa nel nostro rapporto non va, se i comportamenti descritti dalla protagonista appartengono alla nostra quotidianità. Se così fosse, forse - e scrivo forse - un minimo di consapevolezza in più potrebbe instillarsi nella nostra testa. Non dico che sia una soluzione e neppure un vaso di Pandora, ma è lo strumento che l'autore ha a disposizione: Sara Purpura ha lanciato un messaggio, ora sta a noi decidere se coglierlo o lasciarcelo scivolare tra le dita, così, come se fosse irreale.
Le sue parole strozzate erano così sentite. Non avevo mai voluto vedere quanto Paul facesse sul serio con me, ma in questo momento mi stava travolgendo con la sua sincerità disarmante. Guardò la mia mano, poi tornò ai miei occhi. Pregai di vedere un lampo di gioco nel suo sguardo, ma era serio. Mortalmente serio e carnale. Il suo volto era così intenso che ne restai sopraffatta.
«Sono troppo rovinata, Paul.»
«Anch’io, baby, e forse insieme potremmo essere perfetti. O forse no, che cazzo importa?» deglutì.
La prima metà del romanzo è d'impatto: la storia è narrata sin da subito nel suo evolversi, si colgono le incertezze di Meredith e i desideri di Paul, le ferite di entrambi. Queste pagine racchiudono la forza dei ricordi, snocciolano la vera essenza della storia, presentano i personaggi facendoli conoscere davvero. Una parte più reale, più verosimile, più empatica ed emozionale. La seconda metà del romanzo è più improntata sulla linea romance d'intrattenimento, con una certa vena thriller, ma non c'è un distacco evidente tra i due momenti narrativi. Tutto è costruito con intelligenza e segue un climax ben preciso, che solo nelle ultime pagine raggiungerà il culmine della potenza e della risonanza: fino all'ultimo si rimane con il fiato sospeso, l'ansia cresce e il terrore prende il sopravvento. 
L’emozione che scorsi in fondo a quei lapislazzuli era intensa. Paul ansimava. I palmi delle mani premute ai lati della mia testa, la fronte appoggiata alla mia. Il suo respiro affannato contro la mia bocca, come se qualcosa lo tormentasse.«Mi sto chiedendo se sono quello che ti serve in questo momento, Maddie, quindi illuminami.»Non capivo, ma lo avevo abbracciato per la vita e adesso tremava sotto le mie mani…«Quanto ancora potresti sopportare se dovessi sbagliare anch’io?»
Lo stile di Sara Purpura è ben riconoscibile, ma devo ammettere che appare snellito e meno arzigogolato rispetto al passato. La narrazione è molto più fluida e gli scambi di battute - grazie al campionario di personaggi ideato dall'autrice - risultano freschi e profondi allo stesso tempo, ricchi di contenuti ma leggeri nella forma. Insomma, la sostanza c'è ed è mitigata dal sapiente desiderio di rendere la prosa fruibile, godibile, accessibile. La chiarezza non è sintomo di poco spessore, di minime capacità, di una narrazione scarna; la chiarezza trasforma una storia in un ottimo romanzo, plasma un'idea con schiettezza, modella un messaggio rendendolo familiare. A volte basta solo far parlare il cuore. Tranne qualche piccola sbavatura, l'equilibrio lessicale e il periodare più snello dimostrano le potenzialità dell'autrice e fanno emergere il suo cuore, oltre a quello dei protagonisti. Non è forse questo, ciò che cerchiamo in un Romance?




BUIO & LUCE SERIES



#1, Oltre il buio 

#2, La mia luce sei tu 
#3, Le ombre del cuore

1 commento: