venerdì 17 giugno 2016

IL MIO IMPREVISTO PIÙ BELLO, CARMEN BRUNI. Recensione.


TITOLO: Il mio imprevisto più bello

AUTORE: Carmen Bruni

EDITORE: Self publishing

PAGINE: 290

PUBBLICAZIONE: 23 maggio 2016

GENERE: Contemporary romance

COSTO: € 2,99

Arianna e Cristian. Come il sole e la luna – o meglio – il sole e un pianeta che non è ancora stato scoperto. 

Lei tradizionalista e riflessiva, assunta come giornalista in prova dal Roma Stars. Lui impulsivo e approfittatore, giornalista a tutti gli effetti per il Roma Forever. 

Non hanno proprio niente in comune e le loro auree così contrapposte dovrebbero spingerli a camminare su due emisferi lontanissimi, ma… galeotto fu quello speed date! 

Più che amore a prima vista è odio a prima vista. Sin da subito le loro divergenze caratteriali e i modi di pensare sono così diversi da apparire insormontabili. 

Ma nonostante il breve incontro Arianna non riesce a togliersi dalla testa quello sguardo strafottente, non riesce a soffocare l’attrazione che prova, e l’irritazione che lui le provoca. 

Per fortuna non lo rivedrà mai più e piuttosto che usare il bigliettino da visita che Cristian le ha dato, si taglierebbe le mani... 
E se invece il destino ci mettesse lo zampino? 
Fra giri in moto, baci dati a tradimento, proposte maliziose, il ritorno di un ex fidanzato pentito, il lavoro, chiacchierate con un coinquilino spogliarellista e litigi col padre prepotente, Arianna cercherà di uscire indenne dal caos che è diventata la sua vita, sperando di non esserne completamente stravolta. 



Uno speed date, un incontro casuale, dettato da esigenze lavorative. È cominciato tutto così, il giorno in cui Arianna e Cristian si sono incontrati, scontrati e non hanno più smesso di pensare l'una all'altro. Arianna Leoni è una ragazza ventiquattrenne tradizionalista per natura che non crede in questi incontri veloci. L'amore, quello vero, non si trova così, dopo uno scambio verbale di appena tre minuti e un numero telefonico in più sulla rubrica del cellulare. 
Ha bisogno, però, di raccogliere materiale per sbaragliare la concorrenza e riempire le pagine della rubrica Tendenze del Momento di cui si occupa per la rivista Roma Stars. La chiacchierata con Cristian Galante, ventottenne con una faccia da copertina e occhi ammaliatori, sarà illuminante sotto diversi punti di vista.







È strano come all'improvviso le priorità cambino.Prima esisti tu, le tue abitudini radicate e la tua vita.Poi ci sei sempre tu, le tue abitudini radicate, un imprevisto, e la tua vita.


Cristian è il suo opposto, quanto di più lontano e diverso Arianna potesse incontrare. Libertino, istintivo e refrattario a tutto ciò che riguarda relazioni serie, impegnative e donne con desideri materni. Un tarlo nella sua testa non gli dà tregua: perchè le donne e gli uomini sono così diversi nel modo di pensare, di vedere la vita e approcciarsi agli altri? Che problema ha l'universo femminile con le frequentazioni e i rapporti occasionali? E, infine, perchè sono costantemente tormentate dall'idea delle diete, dallo shopping e dai matrimoni da favola?
Fin dal primo scambio di battute tra i due ho capito che il romanzo mi avrebbe conquistata. La diversità non sempre è un deterrente. In questo caso addirittura riesce ad avvicinarli, incuriosirli e portarli dritti l'uno nelle braccia dell'altra. Si stuzzicano, si conoscono a suon di battutine e, intanto, i loro mondi cominciano lentamente a collidere.


         «Stavi per investirmi» gli ricordai.
«Devo farmi perdonare, allora.» Si sporse in avanti, in una specie di mezzo  inchino, ancora a cavallo della sua moto. «Posso avere l’onore di accompagnarti dovunque tu debba andare?»«Non ci conosciamo nemmeno, perché vorresti darmi un passaggio?»«Sono un uomo galante e poi ho notato il tuo parafango. Davvero notevole.»Ecco fatto. Sapevo che mi avrebbe fatto pentire di aver sperato ancora una volta che non fosse un idiota.D’istinto sbirciai il suo sedere per poter controbattere a tono, già sapendo che avrei mentito. «Peccato che io non possa dire lo stesso.»«Oh, Arianna, non cadere nel baratro infinito dell’ovvietà.»«Che in parole povere, significherebbe?»«Che non è il didietro che devi guardare.»E all’istante dov’è che andò a posarsi il mio sguardo? Maledizione!

Arianna è una ragazza profonda, semplice, che crede nei valori. Ha perso sua madre e i rapporti con l'unico genitore che le resta sono pessimi. Suo padre, importante avvocato penalista, non ha mai accettato il fatto che sua figlia intraprendesse una carriera diversa. Non si vive di giornalismo, o almeno la figlia di Leoni non può farlo. E poi c'è Stefano, il braccio destro dell'avvocato, nonché ex fidanzato di Arianna. Non appena la ragazza ha scoperto che Stefano puntava solo a conquistare suo padre ed entrare nelle sue grazie, l'ha mollato cercando di lasciarsi alle spalle il dolore di quella scoperta tremenda. Un divario quello tra Arianna e suo padre che la fa soffrire ogni giorno, ma non le impedisce di portare avanti i suoi sogni e ciò in cui crede.
Anche Cristian, nonostante appaia come un ragazzo spensierato e soddisfatto della sua vita, ha una situazione familiare non facile. Una famiglia di donne, la sua, che ha acuito la sua curiosità per il genere. Sua madre, le sue sorelle e le sue nipoti gli hanno fornito un'idea chiara di chi comandi e di cosa significhi stare al fianco di una donna. Donne, già... esseri infernali che sanno puntare i piedi e che pretendono sempre e comunque di avere ragione. Con loro non c'è scampo nè via d'uscita.




Ho conosciuto l'autrice con il suo primo libro, Questione di cuore, pubblicato prima in versione self e poi acquistato dalla Fabbri Editori. Il mio imprevisto più bello conferma lo stile delicato, semplice e capace di arrivare al lettore di Carmen Bruni. I personaggi sono ben caratterizzati; grazie al punto di vista alternato il lettore riesce ad entrare in sintonia con Cristian e il suo mondo tanto quanto con Arianna. I loro pensieri sono intimi, l'autrice scava nella loro anima, nella loro mente, nei loro ricordi. Ben resa anche la differenza caratteriale tra i due, in maniera naturale e senza alcuna forzatura.
Cristian... che dirvi di questo bel protagonista... io l'ho amato dal primo momento. È sveglio, furbo, il classico tipo che ci sa fare, che sa come farsi notare, conquistare una donna, farle abbassare ogni difesa e farla capitolare definitivamente. Arianna gli tiene testa, lo combatte, sa rispondergli a tono, ma capitolerà: è inevitabile e scritto nel destino.
Vi dirò che vedere capitolare anche lui, da perfetto uomo che non deve chiedere mai, è stato epico. Tutto quello che Cristian non si aspettava dalla vita gli è piombato addosso e l'ha stravolto con la forza di un uragano.
Un imprevisto meraviglioso, stravolgente. Un imprevisto che fa bene al cuore di chi legge.
Consigliato a chi è alla ricerca di una storia romantica e dolce, capace di strappare qualche sorriso. Consigliato a chi ama l'amore e vuole provare l'emozione di innamorarsi attraverso gli occhi di due protagonisti eccezionali dalla lingua tagliente. 






1 commento: