mercoledì 29 giugno 2016

703 RAGIONI PER DIRE SÌ, L. F. KORALINE. Recensione in anteprima.


TITOLO: 703 ragioni per dire sì

AUTORE: L. F. Koraline

SERIE: The sinner #1

EDITORE: Newton Compton

PAGINE: 499

PUBBLICAZIONE: 30 giugno 2016 

GENERE: Erotic romance

COSTO: € 3,99 ebook
Eden Gari ha venticinque anni e la sua vita da favola si è appena trasformata in un incubo. Ha sognato a lungo il grande amore, senza mai incontrarlo. Le sue storie si sono sempre concluse male, lasciandole addosso solo tanta amarezza. Stava quasi per smettere di sperare, quando un uomo è apparso nella sua vita, e lei si è trovata ad annegare nei suoi occhi. Eppure proprio quell’uomo diventa la sua passione e insieme la sua condanna. Perché con lui scoprirà il piacere più proibito, con lui il suo corpo fremerà per un’estasi mai provata. Ma per averlo bisogna pagare un prezzo molto alto: accettare il suo ricatto e le sue condizioni. Eden si chiede se ne valga davvero la pena e non è certa della risposta, ma decide di rischiare lo stesso. Che il gioco abbia inizio, Mr. Blake…





Una vita semplice, ordinaria, quella di Eden, che viene stravolta dalla conoscenza virtuale, esclusivamente virtuale, con Sean Collins. Il ragazzo vive in Sudafrica, a Johannesburg, dove si occupa di pubbliche relazioni per l'ambasciata del paese. Si sono conosciuti per caso, in seguito a delle e-mail che Sean ha inviato a Eden, e da allora non hanno più smesso di sentirsi. Le scrive ogni giorno, ha sempre un pensiero per lei, ma è un uomo enigmatico e restio a parlare di sé. Eden non ha mai visto una sua foto, non sa che aspetto abbia, ma la presenza di Sean riempie la sua vita di solarità e allegria. Il suo mondo subisce una scossa quando suo padre viene a mancare improvvisamente e la ragazza scopre che l'azienda di famiglia è in perdita da diversi anni, ma suo padre ha sempre fatto il possibile e anche di più per assicurare lo stipendio ai dipendenti con famiglie a carico. La società adesso è stata venduta e il nuovo proprietario ha intenzione di chiudere e riaprire modificando l'assetto.
Lui è Damon Blake, un uomo temuto da tutti, conosciuto come il "Grande Lupo". Si occupa di investimenti finanziari, ha iniziato la sua carriera come broker per importanti società newyorkesi e in pochi anni ne è diventato proprietario. Fiuta un affare a distanza e lo conclude scavalcando tutti.
Eden farà di tutto, mettendosi in gioco personalmente, per salvare l'azienda di suo padre e far sì che quell'uomo malvagio arrivato dall'America non lasci in mezzo a una strada 703 famiglie.
Ma, come nel più classico dei romance, il Grande Lupo, non è nulla di ciò che sembra. È un uomo camaleontico, scontroso, autoritario. Eden sarà vittima di una forza di attrazione incontrollabile che la farà cadere inevitabilmente ai suoi piedi.
Avevo avuto il piacere di leggere e apprezzare questo romanzo già in versione self, pubblicato ad aprile dello scorso anno. Ero rimasta folgorata dalla cover, da questo misterioso Mr 703 e dai suoi modi di fare da incantatore.
Ho riletto la nuova versione e sono riuscita a emozionarmi ancora una volta, soprattutto verso la fine, quando il rapporto tra i due raggiunge un'intensità disarmante.
Eden è una ragazza ingenua, l'intera storia è raccontata dal suo punto di vista e in certi momenti ho avuto l'impressione che fosse troppo immatura e "acerba". Non ha alcuna esperienza nel campo sessuale: ha avuto dei ragazzi sì, ma nessuno è riuscito a farle raggiungere l'orgasmo. A venticinque anni Eden non sa cosa significhi provare piacere. Questo l'ha portata a credere di avere qualche problema di tipo fisico o psicologico. Con Damon stringerà un patto che la costringerà a mettere in ballo tutta la sua persona e molto di più. Un vero e proprio patto del diavolo, un meraviglioso diavolo dagli occhi viola più belli e singolari che abbia mai visto.




703 è il numero delle persone con cui mi ricatta e che vorrei aiutare. È il numero con cui gioca, è il numero con cui mi tiene in pugno ed è per questo che lo associo a lui…


Damon è un uomo che non conosce mezzi termini. Questo mi ha portato in certi momenti a odiarlo e a non comprendere come la ragazza riuscisse a sottostare ai suoi ordini e alle sue imposizioni assurde quanto bizzarre. Lui vuole tutto: la sua anima, il suo corpo, il suo cuore, la sua mente. Il rischio? Che a Eden non resti più nulla. Che smarrisca se stessa per rincorrere un fuoco di paglia e si ritrovi con un pugno di mosche tra le mani.
Ci sono stati dei momenti in cui Eden mi è sembrata anche troppo accondiscendente, mansueta e da plasmare come creta tra le mani di Damon. In realtà, a ben guardare, la situazione è bilanciata perchè entrambi saranno costretti, in nome del sentimento che provano, a mettere da parte la propria personalità e le proprie abitudini. Eden rinuncia a tanto, cede su tutta la linea. Rinuncia spesso alla sua dignità, a tutto ciò in cui ha sempre creduto, per il semplice desiderio di accontentare le bizzarre richieste dell'uomo di cui è infatuata. Meno evidenti, ma altrettanto reali, sono le rinunce che fa Damon per lei. Il suo stile di vita e il modo in cui concepisce una relazione sono ben radicati e quanto più di diverso possa esistere al mondo rispetto a ciò in cui crede la ragazza. Non sa cosa significhi innamorarsi o avere una fidanzata. Damon è dipendente dal sesso, dal piacere e dal bdsm. Non conosce gli affetti né l'amore. Ma Eden, con i suoi modi di fare innocenti e timidi, lo porterà in un'altra dimensione e scardinerà ogni sua convinzione.



Guardo l’uomo che ascolta musica country per nutrirsi di quello che forse è stato un passato sereno. Guardo l’uomo che impone la sua volontà e il suo comando su chiunque lo circondi, dando l’impressione di essere un tiranno da temere. Guardo l’uomo che non vuole relazioni, che parla dell’amore e dei legami come un brutto male da cui stare lontani. Guardo l’uomo che non ha mai sentito il bisogno di baciare una donna, ma che cerca la mia bocca con fare insaziabile. Guardo l’uomo che provoca dolore alle donne con fruste, lacci di cuoio e Dio solo sa cos’altro, ma tratta me come fossi un fiore prezioso. Guardo l’uomo che può comprare tutto ciò che vuole, ma non riesce a comprare la sua felicità. Guardo l’uomo che mi mette in guardia, che mi scaccia con un abbraccio e non mi lascia andare via. Guardo l’uomo che mi fa battere il cuore e che, forse, amo dal momento stesso in cui ha posato, per la prima volta, gli occhi su di me.
«Damon, amore mio», la mia voce è solo un sussurro, non avrei mai il coraggio di dirgli ciò sento. 
Ma Dio sa se lo amo. Io amo Damon Blake.


Quello dei protagonisti è un sentimento forte, potente, che riesce a cambiare il loro modo di vedere e vivere le cose. E, si sa, c'è un solo nome per questo sentimento...
703 ragioni per dire sì è una storia intensa, l'analisi della mente della protagonista è profonda, al servizio del lettore per una comprensione e un'empatia profonda. Damon vi infastidirà, lo odierete per la sua arroganza, ma poi saprà farsi perdonare e vi farà sciogliere come neve al sole.
Il finale è una gran sorpresa, un bel colpo di scena, qualcosa che era nell'aria senza essere troppo evidente o scontato.
Cara Newton, non farci aspettare un altro anno per avere il seguito!










2 commenti:

  1. Grazie di cuore, parole stupende e analisi dettagliata... sei stata divina. Grazie anche per aver apprezzato 703 ragioni, così come avevi fatto con Mr 703😊

    RispondiElimina
  2. Grazie di cuore, parole stupende e analisi dettagliata... sei stata divina. Grazie anche per aver apprezzato 703 ragioni, così come avevi fatto con Mr 703😊

    RispondiElimina