martedì 25 luglio 2017

LA RIVINCITA SIAMO NOI, MOLLY McADAMS. Recensione.


TITOLO:  La rivincita siamo noi

AUTORE: Molly McAdams

SERIE: Taking Chances #2

EDITORE: Newton Compton

PAGINE: 288

PUBBLICAZIONE: 30 marzo 2017

GENERE: New Adult

COSTO: € 4,99 ebook

Dall'autrice del bestseller Ti lascio ma restiamo amici

Quando Kennedy Ryan si trasferisce in California, tutto si aspetta meno che di imbattersi proprio in Liam Taylor, colui che ha popolato i suoi pensieri per un anno. È lui che l’ha portata a infrangere ogni regola per una sola notte di passione, ore bellissime che hanno significato, almeno per lei, molto più di quanto potesse immaginare. Reduce da esperienze disastrose con gli uomini, Kennedy si è costruita intorno una corazza difficile da abbattere, ma ogni volta che vede Liam, la sua determinazione si indebolisce. Liam Taylor deve aiutare i nipoti del suo capo a socializzare. Ma quello che suona più come un lavoro da baby-sitter finisce per condurlo proprio dall’unica ragazza che pensava non avrebbe mai più incontrato, dopo essere sgattaiolato via dal suo letto una mattina all’alba. Ora che l’ha ritrovata, però, Liam è determinato a non lasciarla andare. Quando un segreto del passato mette a dura prova la loro relazione, riuscirà Kennedy ad accordare a Liam quella fiducia che lui ha lottato tanto per guadagnarsi?

Molly McAdams è una delle autrici che mi ha fatto versare più lacrime in assoluto, una delle prime ad avermi spezzato il cuore in maniera crudele. La rivincita siamo noi si collega al primo romanzo romanzo della serie, Ti lascio ma restiamo amici, e alla novella La mia fantastica scelta sbagliata, pur essendo una storia totalmente diversa. Il protagonista è Liam Taylor, quel Liam. Il bambino nato dall’amore di Harper e Chase, cresciuto da Harper e Brandon.
Mi sono approcciata alla lettura con una certa emozione perché chi ha letto le mie recensioni sa quanto ho amato Chase (non ti dimenticherò mai!) e quanto mi sia affezionata alla sua storia d’amore con Harper. Ho creduto fortemente in loro, non ho accettato la scelta dell’autrice, ho sofferto e mi sono straziata. Avevo lasciato Liam bambino, ho ritrovato un ragazzo dal cuore d’oro.
Un giorno come tanti gli viene chiesto di aiutare le nipoti del suo datore di lavoro ad ambientarsi in California. Nessuna motivazione, nessuna informazione in più se non che le due ragazze si stanno trasferendo contro la loro volontà e sarà compito di Liam fargli conoscere un po’ di gente e qualche posto nuovo. Per cominciare sarà il padre di Liam a dare un lavoro alle ragazze nel bar della sua palestra. Quando, però, Liam si ritroverà davanti la ragazza con cui ha passato una notte di passione un anno fa a Las Vegas, quella che non è mai riuscito a dimenticare, le cose cambieranno. La sua Luna, bellissima, tatuata, coraggiosa è a un passo da lui, nella palestra di suo padre, nella sua città, nella sua vita. Anche Luna, all’anagrafe Kennedy, rimarrà scioccata nel rivedere Liam. È chiaro che entrambi non hanno dimenticato quella notte, in cuor loro sanno che nessun altro è riuscito a prendere quel posto nel cuore che è riuscito a conquistare uno sconosciuto. Liam proverà a entrare nella vita di Kennedy, non senza difficoltà, senza mai riuscirci del tutto.
«Sei abituato alle ragazze che cascano ai tuoi piedi, giusto?» «Esatto», rispose lui subito, senza mai distogliere gli occhi dal mio viso. «Fino a quando sei arrivata tu».
Kennedy è una ragazza che sembra sapere ciò che vuole dalla vita, ma lasciare Tampa è stata dura. La sua famiglia è minacciata dai membri di una gang che suo padre e suo zio hanno spedito in galera anni addietro e che avevano già rapito la madre tenendola segregata per più di un mese. Adesso che la libertà vigilata è all’orizzonte, Kennedy e la sua gemella Kira devono allontanarsi. Potrebbero essere il bersaglio più debole.
Andare in California è un trauma soprattutto per Kira che non vuole lasciare il suo fidanzato. I primi giorni saranno duri per entrambe e Kennedy presto finirà per riavvicinarsi al tenace Liam. Nel passato della ragazza però ci sono delle ombre che saranno svelate del tutto solo negli ultimi capitoli del romanzo e daranno nuovo ritmo alla narrazione.
Sin dalle prime pagine è chiaro che siamo di fronte a un lavoro diverso. Molly McAdams stavolta racconta di una storia giovanile, fresca, senza grossi drammi o tragedie. Il clima è più sereno e disteso, ad accompagnare ogni pagina c’è la leggerezza tipica dei ventenni che incontrano per la prima volta l’amore e devono affrontare degli ostacoli prima di poterlo vivere appieno.
Da una parte sapevo di non poter ritrovare le stesse emozioni provate nei primi due romanzi, ma questo non è bastato a non farmi sentire un po’ delusa. Anche senza nessun dramma, l’autrice avrebbe potuto raccontare una storia emozionante e intensa, capace di lasciare un’impronta nel mio cuore. Quella di Liam e Kennedy è una storia piacevole, poco impegnativa, che si fa leggere con interesse ma non ha niente in comune con quanto già letto.
Liam è un personaggio adorabile sotto tutti i punti di vista. È leale, sincero, combattivo, raggiunge gli obiettivi che si è posto. Ho amato il modo in cui prova a conquistare il cuore della sua Luna. Lo fa con delicatezza, con riguardo, con tutto l’amore del mondo. La prende per mano, non forza le cose, rispetta i suoi tempi pur continuando a battere il ferro finché è caldo. Kennedy non crede più nell’amore, sa che finirà da sola perché ormai non si fida più degli uomini. Poteva capitarle fortuna migliore di incontrarne uno come Liam? Lui è la conferma che vale la pena rimettersi in gioco, dare una seconda occasione all’amore, crederci ancora.
«A parte parlarci, non succederà nulla tra noi, Liam. Questo non è uno di quei casi in cui dopo una notte di… be’, la notte che abbiamo passato… ci si ritrova un anno dopo e si decide che è stato il destino a farci incontrare di nuovo». «Stai dicendo che non vuoi innamorarti di me?», chiesi in tono canzonatorio per cercare di alleggerire un po’ la tensione. Ma a quella domanda il suo sguardo si incupì. «Se mai l’amore esistesse davvero, direi proprio di no». 


Ho detestato il pessimo tempismo della protagonista: potevi dirlo prima, Kennedy! Posso capire cosa hai provato, quanto abbia fatto male, però, dai, un po’ di rispetto! E poi come si fa a farsi scappare un uomo come Liam? Mi verrebbe da dire che è degno figlio di suo padre (quello che l’ha generato, non quello che l’ha cresciuto). Perché sì, in Liam ho rivisto un po’ di Chase, il cavaliere con l’armatura sul cavallo bianco che vuole a tutti i costi salvare la principessa. Tanto è bastato a farmi avere gli occhi a cuoricino per tutta la lettura. Leggevo “Liam” e mi illuminavo. 
La rivincita siamo noi è stata una lettura perfetta da portare in spiaggia. Mi ha fatto passare un pomeriggio piacevole e sono riuscita a finirlo in poche ore. Se siete alla ricerca di qualcosa da portare in vacanza con voi e non l’avete ancora letto, eccovi servite. 




TAKING CHANCES SERIE

#1, Ti lascio ma restiamo amici (maggio 2015) qui recensione

#1.5, La mia fantastica scelta sbagliata (febbraio 2016) qui recensione

#2, La rivincita siamo noi 




Nessun commento:

Posta un commento