lunedì 3 luglio 2017

HOW TO DISAPPEAR COMPLETELY SERIES #3. IL TUO SORRISO CONTROVENTO, ELLE ELOISE. Review party e recensione in anteprima.

PRIMA TAPPA DEL REVIEW TOUR DEDICATO AL TERZO VOLUME DELLA SERIE HOW TO DISAPPEAR COMPLETELY DI ELLE ELOISE, IL TUO SORRISO CONTROVENTO: RECENSIONE IN ANTEPRIMA.






TITOLO: Il tuo sorriso controvento

AUTORE: Elle Eloise

SERIE: How to Disappear Completely #3

EDITORE: Delrai Edizioni

PAGINE: 450 ebook, 550 cartaceo

PUBBLICAZIONE: 4 luglio 2017 ebook, 24 luglio 2017 cartaceo

GENERE: Contemporary Romance

COSTO: € 2,99 ebook; € 16,50 cartaceo

Mi guarda come se non capisse cosa sta guardando, come se si chiedesse chi sono e cosa faccio qui, e questo mi fa ritrarre immediatamente. Ma la sua mano scatta sul mio braccio per trattenermi e riportarmi verso di lui. Senza alcun preavviso mi bacia stringendosi al mio corpo come se fosse l’ultimo appiglio che gli permette di non cadere nel vuoto. Cancella ogni mia volontà di ribellarmi, ogni residuo della forza che credevo di avere viene disintegrata da questo contatto che non ha nulla di tenero. Volevo questo bacio, lo agognavo da questa mattina quando mi sono svegliata da sola in una stanza che non era la mia. Ma in questo bacio non c’è spazio per l’amore: non c'è amore nel suo tocco, nell’egoismo della sua presa, nella tensione del suo viso. 

Francesco Marras è affascinante, irresistibile e arrogante, il tipico ragazzo da cui una come Olivia Rocca dovrebbe stare lontana, ma è impossibile per lei evitare di incontrarlo: è il suo vicino di casa, dirimpettaio fastidioso e ingombrante. Lei non ha mai avuto una relazione, a malapena riesce a sostenerne lo sguardo di un uomo perché la mette a disagio, ma gli occhi di Francesco le parlano di malizia e desiderio, la fanno sentire donna quando non ha mai provato sensazioni simili, troppo timida per poter rispondere all’interesse maschile. Il sorriso e la confidenza di Francesco fanno breccia nel cuore di Olivia, già colpito da esperienze difficili, e la convincono a iniziare un viaggio incredibile alla scoperta dell’amore e di legami indelebili che segnano la vita passata e presente. Un On The Road per gli USA che la sconvolgerà e le farà capire che anche un ragazzo perfetto come Francesco può nascondere segreti e bugie.
Dalla penna best seller di Elle Eloise, il terzo romanzo della serie How to Disappear Completely, che ha conquistato migliaia di lettori in Italia. Il tuo sorriso controvento è una storia di emozioni e sensazioni tangibili, dove l’amore conquista e supera qualsiasi limite e orizzonte definito. 




Dopo il temporale di Paolo e Noemi, arriva l'aridità desertica di Francesco e Olivia. Avete odiato Francesco nel romanzo precedente? Avreste voluto prenderlo a pizze in faccia? Lo avreste preso per i gioielli e trascinato per chilometri? Se la risposta è sì... BENVENUTE NEL CLUB! Credetemi, anch'io ne facevo parte ed ero preoccupata prima di iniziare la lettura, ma mi sono dovuta ricredere perché la magistrale penna di Elle Eloise è riuscita a farmelo apprezzare. Ha delineato un percorso di crescita completo, un personaggio imperfetto e tremendamente reale, un cambiamento ponderato e giustificato dalle esperienze e dalla vita. Insomma, membri del club, date una possibilità al poro Francesco!
«Li vedi quei ragazzi laggiù?» (...) «Si comportano come se la vita fosse un dono per loro, non un qualcosa da superare indenni. Tu hai mai provato una sensazione simile?» 
Francesco, deluso dalla fine della sua storia con Noemi, vive un momento di grande difficoltà e si rifugia nell'alcol. Non riesce a capire che cosa l'ha spinto a tradire la sua fidanzata, s'incolpa per la fine della relazione, per la sofferenza infertale, e perchè non si è mai sentito degno del suo amore. Il ragazzo si è sempre sentito inferiore, imperfetto, è sempre stato convinto di dover faticare per essere all'altezza della sua dolce metà. Una sera si presenta ubriaco alla porta della sua vicina, Olivia: una persona molto riservata, con un passato ingombrante e difficile da digerire, una ragazza inesperta e insicura. Francesco e Olivia impareranno a conoscersi, a stimarsi, e si aiuteranno a vicenda. Giorno dopo giorno, alla ricerca della sorella scomparsa di Francesco, in un viaggio on the road, capiranno che dietro alle apparenze si nascondono grandi sofferenze, alcune celate, nascoste alla memoria, altre fin troppo evidenti.
Che cosa succederà quando tutto ritornerà a galla? 
Possono due persone curarsi a vicenda?
Riusciranno a salvare loro stessi, confidando nel sostegno dell'altro, o soccomberanno sotto al peso dei ricordi?


Aridità. Perché? Questo romanzo è intriso di metafore dedicate all'aridità: entrambi i personaggi sono presentati in un momento di stasi della loro vita, in piena crisi emotiva ed esistenziale. Olivia si nasconde, non esce di casa, non parla con nessuno, ed è così da anni. Francesco, dopo la disavventura con l'alcol, non riesce a capirsi, si è perso o forse non si è mai davvero trovato. Aridità emotiva, staticità relazionale, una vita desertica seppur piena di stimoli e di possibilità. Francesco e Olivia si nascondo dietro a una maschera, non tentano, non si buttano, vivono una vita che non li rappresenta e che non può portarli a essere felici, perchè la felicità deve essere desiderata, rincorsa, afferrata. Olivia non vuole essere felice, pensa di non meritarlo a causa del suo passato, di ciò che ha fatto, di chi non c'è più. La sua vita scorre lenta, tra le mura del suo appartamento, nell'asetticità più totale, perchè rimanere rinchiusi è come trovarsi nel deserto: senza acqua, senza forze, aspettando un'oasi rigenerante che però non esiste e non arriverà. Olivia non sta vivendo, non sta esistendo, si sta consumando. Francesco si comporta da cretino (sì, è un grandissimo cretino), ma da anni sente un peso che non riesce a decifrare, un vento caldo e secco che accompagna ogni suo giorno e non lo fa respirare, un'afa asfissiante che non riesce a scacciare. Qualcosa si nasconde dietro a quella faccia da sbruffone, a quei modi arroganti, a quel cuore gentile e altruista che custodisce lontano da occhi indiscreti, qualcosa che nemmeno lui potrebbe immaginare, qualcosa che cambierà per sempre le sorti della sua esistenza. 

Vorrei stare qui per sempre, dentro questa macchina con Olivia. Potremmo farcela a vivere così, per strada, come due zingari, senza radici, senza famiglia, senza niente di niente che possa ricordarci di avere un passato. Solo io e lei e una strada infinita che si dipana di fronte a noi.



Elle Eloise riesce sempre a costruire personalità complesse, borderline, ricche di sfumature, in bilico tra giusto e sbagliato, tra retta via e perdizione. Insicura e problematica, lei. Arrogante e problematico, lui. Olivia a Francesco, così diversi eppure così uguali, si attraggono e respingono come due magneti, si incastrano in modo imperfetto. Un ragazzo e una ragazza che lottano ogni giorno contro se stessi, contro i ricordi, perfino contro l’altro; due ragazzi che devono imparare a fidarsi e ad affidarsi.  
Due anime su cui nessuno scommetterebbe, due protagonisti che non potrebbero sembrare più diversi, ma che in realtà hanno molti punti in comune. Finalmente troveranno qualcuno in grado di decifrare il loro cuore, le loro emozioni, i loro gesti, ma non si salveranno a vicenda, non sarà così facile. Il vero messaggio di questo romanzo (un leitmotiv di tutte le storie di Elle Eloise) è che ognuno si deve salvare da solo, si deve capire, si deve perdonare, si deve accettare per ciò che è e deve ricominciare da zero, non dimenticando mai gli errori commessi e trasformando i sensi di colpa in desiderio di felicità. Uscire allo scoperto con se stessi è la cosa più difficile che ci sia: bisogna trovare la forza interiore necessaria, bisogna alzarsi in piedi e combattere il senso di soffocamento, bisogna creare la propria oasi non per rifugiarvisi dentro, ma per abbeverarsi, rigenerarsi e continuare a camminare in cerca di se stessi. Tutto questo è parte di un percorso di crescita personale molto difficile da affrontare, per cui è importante, anzi è vitale, poter contare su una mano amica, su un cuore aperto e disponibile, su una persona che sprona e non giudica. Francesco e Olivia si danno forza l'un l'altro, perché se è vero che si devono salvare da soli, è altrettanto vero che la solitudine non può salvarli.


Una storia ricca di colpi di scena, di suspense, di elementi romance e passionali ben congegnati. Le tematiche trattate sono tante, alcune molto delicate, come quelle relative alla bulimia, all'alcolismo, ai maltrattamenti e alle malattie psichiche. È un romanzo pesante e cupo? Assolutamente no! L'autrice è riuscita a calibrare ogni dettaglio, facendo emergere i dubbi e le incertezze dei protagonisti, e al contempo gli attimi spensierati e gioiosi, le prime esperienze. Il viaggio on the road alla ricerca della sorella di Francesco dona alla storia quella patina "leggera" e divertente che bilancia i lati oscuri. Le scene ricche di passione, di tentennamenti, di scoperta e valorizzazione del proprio corpo, sono emozionanti non per la componente sensuale, che non guasta mai, ma per il messaggio che regalano al lettore: un percorso emotivo e corporeo, un viaggio all'insegna della scoperta di sé e dell'altro, un climax a doppio binario che colpisce nel segno. Penso che questo sia il romanzo meglio bilanciato di Elle Eloise, sia dal punto di vista della costruzione della trama, sia per la personalità così complessa e articolata dei personaggi, sia per l'equilibrio delle diverse componenti narrative. 
Metto da parte ogni resistenza, ma appena decido di abbandonarmi a quel che deve accadere, tutto finisce all'improvviso. La sua bocca e le sue mani mi lasciano, costringendomi ad aprire le palpebre e ritornare nel mondo dei vivi. Lo guardo confusa, lui ricambia il mio sguardo. E ai suoi occhi sono di nuovo la ragazza che non dovrebbe essere lì, il corpo che non dovrebbe toccare, le labbra che non dovrebbe baciare.
Non posso che congratularmi per la terza volta con l'autrice, perché è riuscita a stupirmi e a farmi apprezzare quel CRETINO di Francesco. 
Ebbene sì, sono ufficialmente aperte le iscrizioni a #teamfrancesco... Venghino!








Nessun commento:

Posta un commento