martedì 11 luglio 2017

CHERRY, LINDSEY ROSIN. Recensione.



TITOLO: Cherry

AUTORE: Lindsey Rosin

EDITORE: Piemme

PAGINE: 321

PUBBLICAZIONE: 21 giugno 2017

GENERE: YA romance

PREZZO: € 6,99 ebook - 17,00 cartaceo

C'è una prima volta per tutto Quattro amiche decidono di perdere la verginità prima della fine del liceo. A lanciare l'idea è Layla, per la quale il sesso è solo l'ennesimo punto da aggiungere alla lista "cose-da-fare-prima-della-maturità". Sulle prime le amiche sono perplesse, ma alla fine tutte ammettono che è anche il loro desiderio e che realizzarlo insieme potrebbe essere divertente… Layla praticamente ha già il risultato in tasca: il suo fidanzato glielo chiede da mesi. Alex lo ha già fatto, o almeno così dice… Emma proprio non capisce tutta quell'agitazione ma, se le altre ci stanno, perché no? Zoe nemmeno riesce a dire "sesso" senza diventare paonazza e iniziare a ridacchiare. Un romanzo tutto da ridere che parla di prime volte, ultime possibilità e di quel tipo di amicizia che trasforma ogni giorno della vita in una storia da raccontare.


Avete mai provato ad immaginare le ragazze di Sex and the city da adolescenti? Beh,leggendo Cherry ne potrete avere un'idea abbastanza vivida. Quattro ragazze, quattro caratteri diversi e un obiettivo comune: perdere la verginità prima del diploma. Sedute davanti a una coppa di yogurt-gelato, al Bigg Chill, appuntamento fisso e irrinunciabile del quartetto, Layla Baxter sgancia la bomba, illustrando alle altre ragazze i prossimi piani "cose-da-fare-prima-della-maturità", tra questi spicca l'obiettivo "perdere la verginità prima del diploma". In pochi istanti tutte si trovano a condividere i suoi propositi e il patto ha ufficialmente inizio. Anche se l'obiettivo è lo stesso, le strade che percorreranno saranno uniche e personali, come uniche sono le loro personalità.



LAYLA BAXTER, bionda, bellezza naturale, organizzatrice compulsiva, nella sua testa programmi e sogni sono sinonimo. Ha un piano per tutto, anche per la sua prima volta con il suo ragazzo Logan. É proprio lei a suggerire alle altre amiche il piano da condividere: perdere la verginità tutte insieme (non nello stesso momento), prima della fine del liceo. Anche questo suo nuovo punto sarà organizzato in ogni piccolo dettaglio, messo nero su bianco in un Sex doc., già spedito alle sue compagne di avventura. Ma i sentimenti possono essere ridotti a un semplice piano? Perchè fare sesso non è proprio come decidere di farse i colpi di luce ai capelli. 

ALEX CAMPBELL, è l'unica delle quattro ragazze che sembra aver già vissuto parzialmente l'esperienza del sesso e decide di acconsentire al piano per viverla fino in fondo, stavolta. Alex però sembra nascondere un segreto, e se in realtà anche lei fosse ancora vergine? Perchè nascondere la verità alle sue amiche? Centometrista della squadra di atletica della scuola, ha una bellezza naturale disarmante che non fa nulla per evidenziare, ma che suscita ugualmente le invidie di molte ragazze della scuola. Oliver, il suo vicino di casa è l'unico ragazzo che sembra farla uscire dai gangheri e forse potrebbe farle perdere la testa, con quell'aria scocciata e il fascino da atleta.
EMMA O'MALLEY, accetta anche lei l'idea senza darle troppo peso. L'idea dell'arrivo della maturità la getta letteralmente nel panico, tanto che le sue amiche non possono nemmeno pronunciare la parola con la"m". Una ragazza particolare, con un'infanzia non proprio rosea a causa della sua strana abitudine di fissare cose e persone che la faceva apparire inquietante anche agli occhi dei genitori. Con l'età Emma impara a canalizzare questa sua mania in un'attività socialmente accettabile e grazie alla sua macchina fotografica può scattare centinaia di foto alle labbra di Nick, il ragazzo da cui non riesce a distogliere gli occhi.
ZOE REED, la timida del gruppo, solo nominare la parola "sesso" o "orgasmo" la fa diventare dello stesso colore dei suoi capelli, rossa! Titubante all'idea proposta da Layla, non sa come, ma si ritrova anche lei a condividere il proposito. Ansiosa e insicura, non si ritiene bella tanto da piacere a un ragazzo fino a quel punto, inoltre non sa più come tenere a bada i cambiamenti che stanno avvenendo nel suo corpo, in particolare l'aumento delle misure del suo seno. Da anni ha una strana relazione telefonica, del tutto platonica con Dylan, Ore ed ore passate al telefono ogni sera alla stessa ora, le 23:11, ma oltre alle chiacchiere, tra loro non c'è mai stato nulla. Le loro "sonnofonate" mi hanno fatto sognare

Funziona così, direi. Se è bello lo rifai, se non è bello lo rifai di nuovo...Emma, hai detto che il sesso era come la pizza, Zoe riuscì ad aggiungere.É COME LA PIZZA, scrisse Emma di nuovo in maiuscolo.


Tra chat intasatissime, sex doc e prime esperienze, quattro ragazze impareranno a conoscersi, a testare i propri limiti a comprendere cosa è bene e cosa e male e soprattutto a essere padrone del proprio destino, anche se la vita a volte prende delle pieghe inaspettate. Chrerry è un delizioso young adult, irriverente ironico e con una nota malinconica che ve lo farà apprezzare fino all'ultima pagina. 

"Non ti devi scusare, sei una bambina" , disse Alex severamente. "E non ti devi scusare nemmeno delle lacrime. Non si vince niente a fingere di non avere emozioni. Le lacrime sono importanti. E molto sottovalutate".
Cherry racconta di vite, di prime volte e di scoperte che hanno il sapore dolceamaro delle conquiste sofferte. Con uno stile frizzante e un linguaggio diretto l'autrice parla di adolescenti e alle adolescenti, senza tanti giri di parole, proprio come fanno tra loro le ragazze quando insieme si ritrovano a conversare di temi spinosi e scottanti come il sesso o più intimi come la paura di non sentirsi accettati o di non sapere ancora quale strada prendere. Ma c'è anche altro, c'è il senso fraterno dell'amicizia, così forte come si può vivere a quell'età, la tolleranza, il tradimento, i sogni infranti e quelli ritrovati.  Ho riso, mi sono stupita e alla fine mi e scappata anche la lacrimuccia. É stato divertente cercare di immedesimarsi in una delle ragazze e giocare alla caccia alla similitudine con la mia di adolescenza. Forse l'ho letto anche con un pizzico di nostalgia, col pensiero a quei giorni spensierati, quando i problemi erano la ricerca di un proprio posto nel mondo con l'aiuto di punti fermi che ti stanno accanto. Una lettura stra-consigliata.






Nessun commento:

Posta un commento