mercoledì 28 giugno 2017

UNA FRESCA BREZZA, SILVIA BONIZZI. Recensione.


TITOLO: Una fresca brezza

AUTORE: Silvia Bonizzi

EDITORE: Self publishing

PAGINE: 326

PUBBLICAZIONE: 22 settembre 2015

GENERE: New Adult

COSTO: € 0,99

Quanti battiti può perdere un cuore? Sofia sente di aver perso parte dei suoi battiti nell’istante in cui il tempo ha deciso di fermarsi bruscamente, di impossessarsi delle sue lacrime, dei suoi sorrisi e di celare il suo dolore. Un ricordo tagliente incombe dietro le pareti di cristallo della sua anima, ma una promessa la costringe a mettere in pausa la sua sofferenza e a partire per una vacanza a Sorrento. Riusciranno quei giorni spensierati a tenere alla larga i brutti ricordi, oppure ancora una volta Sofia sentirà il peso della vita incombere su di lei? Forse, un paio di occhi profondi, una forte attrazione mentale e fisica potranno deteriorare il tormento riconquistando parte di quei battiti perduti. BIOGRAFIA AUTORE Amo la lettura e tutto ciò che la riguarda: le discussioni finali, i disaccordi, l'amore per questo o quel personaggio... Sono assolutamente pro-digitale e ho un rapporto ossessivo con il mio kindle. Ovviamente questo non mi impedisce di andare in libreria più volte al mese per un acquisto rigenerante (Non si esce da una libreria senza il sorriso). Cerco di leggere un po' di tutto, compreso almeno un classico all'anno, ma datemi una storia d'amore e mi renderete felice. Prediligo in particolare: Young adult, new adult, contemporay romance, erotici e paranolmal romance. Sono un'appassionata di film, rigorosamente al cinema, e serie televisive: le mie preferite? One Tree Hill e Buffy... Non chiedetemi di scegliere, tra un mese sicuramente ve ne menzionerò altre due! Ogni tanto mi lascio “nerdizzare” da alcuni supereroi come Thor e Loki, oppure Arrow, soprattutto quando è Stephen Amell a vestirne i panni. La passione per la scrittura è sempre stata sepolta dentro di me, ma non ho mai forzato la mano perché sapevo che prima o poi, in un giorno qualunque, sarebbe uscita e a quel punto non avrei più potuto far altro che assecondarla.


Ci sono dolori che è impossibile dimenticare, li tieni lì e con il tempo piano piano cerchi di conviverci: questo è quello che succede a Sofia, protagonista indiscussa del libro, che dopo una grave perdita è dovuta crescere troppo presto e farsi carico di responsabilità che alla sua età sono troppo grandi per lei.

“Succede a volte, nel corso dell’esistenza umana, che degli eventi tragici frantumino la nostra essenza disintegrandola in migliaia di pezzi. È nostro compito cercare di rimetterli assieme, però la difficoltà sta proprio nel fatto che non si congiungeranno più come prima.” 

Sofia è una ragazza che porta con sé un dolore e un senso di colpevolezza senza pari, si sente in qualche modo colpevole per l’accaduto; l’unica cosa o meglio l’unica persona che gli dona un po’ di felicità è suo fratello Fabio, un ragazzo di sedici anni molto più maturo rispetto ai suoi coetanei. Il rapporto tra i ragazzi è qualcosa di unico, è un legame che a mio avviso va oltre l’essere fratelli. Sofia non gli fa mancare nulla, lo coccola e si prende cura di lui in tutti i modi possibili; dal canto suo Fabio vorrebbe che la sorella tornasse adessere quella ragazza spensierata che era una volta. 


L’unico momento in cui Sofia torna in qualche modo a essere se stessa è durante le vacanze estive, infatti insieme a Fabio trascorreranno tre mes a Sorrento. Sofia, però, si sente in colpa, perché allontanarsi da Crema significa anche stare lontana da Micheal, il suo fidanzato. Sarà proprio durante questa vacanza che conosceranno Manolo e le sue sorelle gemelle Alaska e India. Questi ultimi stanno vivendo un periodo non facile a causa della crisi matrimoniale che stanno attraversando i loro genitori e, per godersi appieno quella vacanza, decidono di trascorrerla proprio con Fabio e Sofia. 


Tra Manolo e Sofia l’intesa sarà immediata; lui, agli occhi di lei, risulta arrogante e sfrontato, ma è comunque affascinante e spesso la ragazza si ritrova a fantasticare su di lui per poi pentirsene successivamente. Il suo cuore appartiene a Micheal e non vuole venir meno alla promessa fatta.
Tra gite ed escursioni, nella magnifica cornice della splendida cittadina di Sorrento, i ragazzi impareranno a conoscersi e a creare un legame. Fabio e Sofia si sentiranno di nuovo parte di una famiglia e scoprirete la vera Sofia, quella spensierata. 

“Non ho mai avuto problemi a mantenere la mia promessa, nemmeno una volta, però poi arrivi tu e io non ci capisco più niente.” 

Sono sincera, ho apprezzato tutti i personaggi del libro, non c’è stato uno che è prevalso sull’altro. Ho amato Sofia, nonostante i suoi continui sensi di colpa; Fabio per la sua maturità e il suo senso di responsabilità; le gemelle per la loro caparbietà. Questo romanzo oltre a parlare d’amore, tratta diversi temi: amicizia, perdita, dolore e responsabilità, tutti argomenti che in qualche modo lasciano il segno. Cosa dire poi delle dolci nonnine? Due donne così diverse: più compita una, più esuberante l’altra, eppure entrambe sempre presenti e disponibili per il bene dei nipoti. 
Trattandosi del romanzo d’esordio dell’autrice, devo dire che sono rimasta piacevolmente colpita. Il libro inizia un po’ in sordina, questo perché la presenza di tanti personaggi confonde un po’ il lettore, ma non appena questi trovano la giusta collocazione, la lettura diventa più scorrevole. 
Una storia semplice, ma allo stesso tempo carica di sentimenti, con una trama avvincente. L’epilogo è ciò che ho amato di più, è proprio come piacciono a me. 
Brava, Silvia! Spero di leggere presto qualcos'altro di tuo.



ROMINA





1 commento: