mercoledì 14 giugno 2017

UNA FRESCA BREZZA, SILVIA BONIZZI. Presentazione.


TITOLO: Una fresca brezza

AUTORE: Silvia Bonizzi

EDITORE: Self publishing

PAGINE: 326

PUBBLICAZIONE: 22 settembre 2015

GENERE: New Adult

COSTO: € 0,99

Quanti battiti può perdere un cuore? Sofia sente di aver perso parte dei suoi battiti nell’istante in cui il tempo ha deciso di fermarsi bruscamente, di impossessarsi delle sue lacrime, dei suoi sorrisi e di celare il suo dolore. Un ricordo tagliente incombe dietro le pareti di cristallo della sua anima, ma una promessa la costringe a mettere in pausa la sua sofferenza e a partire per una vacanza a Sorrento. Riusciranno quei giorni spensierati a tenere alla larga i brutti ricordi, oppure ancora una volta Sofia sentirà il peso della vita incombere su di lei? Forse, un paio di occhi profondi, una forte attrazione mentale e fisica potranno deteriorare il tormento riconquistando parte di quei battiti perduti. BIOGRAFIA AUTORE Amo la lettura e tutto ciò che la riguarda: le discussioni finali, i disaccordi, l'amore per questo o quel personaggio... Sono assolutamente pro-digitale e ho un rapporto ossessivo con il mio kindle. Ovviamente questo non mi impedisce di andare in libreria più volte al mese per un acquisto rigenerante (Non si esce da una libreria senza il sorriso). Cerco di leggere un po' di tutto, compreso almeno un classico all'anno, ma datemi una storia d'amore e mi renderete felice. Prediligo in particolare: Young adult, new adult, contemporay romance, erotici e paranolmal romance. Sono un'appassionata di film, rigorosamente al cinema, e serie televisive: le mie preferite? One Tree Hill e Buffy... Non chiedetemi di scegliere, tra un mese sicuramente ve ne menzionerò altre due! Ogni tanto mi lascio “nerdizzare” da alcuni supereroi come Thor e Loki, oppure Arrow, soprattutto quando è Stephen Amell a vestirne i panni. La passione per la scrittura è sempre stata sepolta dentro di me, ma non ho mai forzato la mano perché sapevo che prima o poi, in un giorno qualunque, sarebbe uscita e a quel punto non avrei più potuto far altro che assecondarla.


Nessun commento:

Posta un commento