martedì 20 giugno 2017

OVER. UN'OVERDOSE DI TE, SABRYNEX. Recensione.


TITOLO: Over. Un'overdose di te


AUTORE: Sabrynex

SERIE: Over #1

EDITORE: Rizzoli

PUBBLICAZIONE: 8 gennaio 2016

GENERE: Young adult

PAGINE: 491


PREZZO: € 8,99 ebook; € 15,20 cartaceo

"Sono Cher, ho diciott'anni e credo che abbiamo tutti bisogno di qualcosa da cui dipendere, per cui impazzire. Fino a qualche mese fa non lo sapevo, perché non avevo ancora incontrato Hunter. Noi siamo l'opposto: il bianco e il nero, il bene e il male, non possiamo esistere l'una senza l'altro. Lui porta i miei stessi segni sulla pelle, lo stesso passato, ci sorreggiamo a vicenda. Ma Hunter fa del male a chiunque gli si avvicini, e l'ha fatto anche a me. È colpa mia, lo so: ho perso la testa per un ragazzo che ha perso se stesso. Domani sarà un'altra gara clandestina, un'altra lotta, un altro casino… e io lo seguirò, come ogni volta, spingendomi al limite e poi oltre, perché sto bene solo dove c'è lui. Anche se questo richiede altri graffi, altro sangue, lo farò per sentire ancora il suo respiro sulla mia bocca, le sue mani su di me. Ho scalato questa montagna insieme all'amore della mia vita e voglio tornare indietro con la stessa persona, a costo di ferire tutti quelli che ho intorno: il mio migliore amico, i miei genitori, me stessa… Io voglio lui, ed è per lui che lotterò ancora." Un'attrazione travolgente, un amore folle, passioni, errori, rabbia, dolcezza. Insieme a Cher e Hunter, i protagonisti di Over, Sabrynex è cresciuta. E dal suo sogno è nato un romanzo indimenticabile, che ci fa emozionare attraverso la magia dei sentimenti più puri e ribelli, quelli di chi si innamora per la prima volta.



Oggi vi presento un altro fenomeno di Wattpad che ha ottenuto un successo senza precedenti. Lei è Sabrynex e il suo libro Over, un'overdose di te si è fatto notare tanto da essere acquistato dalla Rizzoli.
2.2 milioni di visualizzazioni online, 69.000 voti, 10.000 commenti, 5.000 follower. I numeri parlano da soli. Sabrynex ha davvero conquistato il mondo di Wattpad e non solo. Curiosissima e attirata dalla trama mi ci sono tuffata. Sono rimasta soddisfatta? Venite con me e lo scoprirete...
Cherie Jelson ha diciotto anni, sogna di iscriversi all'University College London per frequentare la facoltà di lettere e filosofia e attualmente frequenta la London High School, scuola popolata da pettegole, spacciatori e nerd. Questo uno dei motivi per cui Cherie non ha amici né contatti con il mondo esterno.
No, non vesto unicamente di nero e non vado in giro solo con il muso lungo.Ma per uno strano gioco del destino c’è sempre un motivo per cui la gente debba etichettarti e metterti in disparte se la tua vita subisce svolte troppo drastiche. È la legge della natura, una specie di catena alimentare scolastica. Non mi sono mai sentita legata a questa scuola. Ogni dannato giorno, ogni volta che attraversavo l’aula e mi sedevo al mioposto, mi sentivo una sconosciuta. Un’estranea. Non sono mai stata a mio agio in questa vita, è tutto troppo complicato e ogni mattina, quando spalanco gli occhi, mi chiedo se ciò che vedo sia reale.

L'unico capace di capirla e con cui ha un legame fraterno è Mitchell. Si conoscono da tanto tempo, Cherie l'ha visto entrare e uscire da brutti giri, brutte compagnie, brutti momenti. Persone pericolose, erba, corse clandestine. Questa è la vita di Mitchell ma il suo affetto per la ragazza è incondizionato e immutabile.
Hunter Davis è un'anima maledetta, il diavolo in persona: sexy, sfacciato e problematico. Cherie lo detesta dal primo istante, come detesta qualsiasi persona che possa riportare Mitch agli errori del passato. Hunter ha diciannove anni, ma sa di avere il mondo ai suoi piedi. La sua anima è nera, cupa, dannata. Il suo bisogno di scappare dalla realtà lo porterà a entrare in mondi crudeli e arrabbiati fatti di lotte sul ring, corse in auto, erba e pasticche. Farsi male è l'unico modo che conosce per non farne agli altri.
«Sei sicuro di stare bene?» Si volta di scatto, come se lo avessi appena offeso, e inchioda i suoi occhi nei miei. Un mezzo sorriso appare sulle sue labbra rosee, il solito sorriso che copre il vero strato di dolore, mentre mi guarda con finto divertimento. «No che non sto bene, sono qui perché sto aspettando che tu chiuda tutte le mie ferite, Chee» ridacchia. «Ti costa tanto non fare l’idiota per due minuti, Hunter?» Alzo gli occhi al cielo, incrociando le braccia al petto. Hunter fa un lungo tiro e butta la cicca a terra per poi piegarsi verso di me e sbuffarmi il fumo in faccia.«A cosa stavi pensando?» Sbatto più volte le palpebre, voltandomi verso di lui. «Mentre combattevi eri furioso, una cosa…» «Non cercare di capirmi» mugola, portando la testa all’indietro contro il muro. «È una cosa che mi dà fastidio.» «A te dà fastidio anche l’aria che respiri.»

Nonostante Cherie appaia come la ragazza perbene e perfetta, non lo è. La sua anima è spezzata proprio come quella di Hunter, seppur per motivi diversi. Da quando una persona a lei cara è andata via per sempre, Cherie non è più la stessa e si ritrova a vivere un disagio interiore che solo quell'età può far apparire come insormontabile. Il filo che unisce Cherie ad Hunter, inizialmente, sarà proprio Mitchell, amico fidato di entrambi... ma ci saranno tanti colpi di scena e tante rivelazioni inaspettate.
Lui non è un libro chiuso, al contrario, è una pila di fogli bianchi sparsi sul pavimento. Il problema è che sono solo fogli su fogli, cose su cose, segreti su segreti. Sono silenzi che urlano fino a graffiarti i timpani. Lui è un niente che contiene tutto.
  
Era da tanto che un libro non mi creava uno stato d'ansia così forte. Mi sono ritrovata spesso e volentieri senza fiato, dimenticando il semplicissimo quanto naturale processo ispira - espira. La voglia di leggerlo era tanta, dalla trama sembrava rientrare nelle mie corde ma non avevo aspettative alte. L'autrice è giovane, ha soltanto 16 anni e mi aspettavo immaturità stilistica, o quanto meno che fosse evidente la sua inesperienza. Dopo averlo letto mi sento di consigliare a tutte voi di non avere alcun pregiudizio nei confronti di questa ragazza. Cominciate la lettura senza tenere conto della giovane età, ve ne dimentichereste comunque leggendo. Pagina dopo pagina, evento dopo evento, entrerete nella vita incasinatissima di Cherie, Hunter e Mitchell. Tutto il resto andrà in secondo piano.
«Ti sei innamorato di Cher» scandisco lentamente. «Devi stare zitto» mi intima. Ma lui è l’ultima persona che può farmi paura. «La ami, non è così?» sbuffo una risata. «L’amore» torno serio, guardandolo, «l’amore è una puttana che ti fotte settevolte, amico.»

Over è una storia dai protagonisti complessi, disastrati, una storia che sa come lasciare a bocca aperta, ricca di suspense, rabbia ed errori di cui pentirsi. Ciò che ruota intorno alle loro vite è il disastro totale: ragazzi persi tra erba e pasticche, ragazze che si concedono con facilità per trovare un attimo di pace nel sesso. E' con questo che Cherie e Hunter devono fare i conti ogni giorno, senza contare poi i loro disastri personali. Ho pregato per loro, per le loro anime; ho sperato che Hunter smettesse di commettere errori e di buttare la sua vita come se valesse meno di zero. Ho sperato che Cher non gli perdonasse ogni errore (in particolare, ho sperato che non gli perdonasse con facilità un errore madornale per cui avrei voluto entrare nelle pagine e pestarlo a sangue). Ma ciò che di speciale ha il loro rapporto è questo: Cher vede oltre. Con Hunter, lei sa andare e vedere oltre. Oltre i suoi errori, oltre la sua facciata da ragazzo maledetto, oltre i pregiudizi e oltre l'evidenza. Lei lo capisce, riesce a guardare dentro la sua anima e vedere solo il bello. Nessuno è in grado di arrivare a fondo come lei. E Hunter lo sa.
Sono due anime affini, che si completano a vicenda e insieme sanno dar vita a qualcosa di spettacolare, compatto, indissolubile che arriva al lettore con una forza inaudita.
Ho apprezzato la storia d'amore principale, i personaggi secondari e gli intrighi che l'autrice ha saputo narrare e mixare senza mai distogliere troppo l'attenzione dai protagonisti. Ma, credetemi, ciò che di più bello c'è in questo libro è l'unicità del legame tra Cherie e Hunter. E' qualcosa che vibra, capace di uscire dalle pagine e toccare il lettore.
I punti di vista dei due protagonisti si alternano, apportando alla storia quel qualcosa in più. Nessuna ripetizione, la storia procede spedita e a ogni evento farete più fatica a respirare normalmente.
Con molta probabilità non sarà semplice per tutti immedesimarsi o sentirsi coinvolti in una storia i cui protagonisti sono ragazzi così giovani e problematici, e il talento di Sabrynex è anche in questo. Cher e Hunter affascinano prima, conquistano poi. Escono dalla carta ed entrano nel cuore.
Le ultime venti pagine mi hanno dato la batosta finale. Come se non bastassero l'ansia e la frenesia provata per tutta la lettura, si arriva al grande epilogo in apnea. Gli eventi si fanno più intensi, la storia dei due ragazzi si complica ancora di più ed è bellissimo vedere, ancora una volta, quanto si sentano uniti da un legame speciale e viscerale.
Lo stile è fluido, semplice ma d'effetto. La storia si fa leggere e amare con facilità. 
L’amore fa male solo quando ne diamo troppo, se ne avessi tenuto per me anche solo un po’ lui non mi avrebbe fatto tanto male. È colpa mia, lo so. Ho perso la testa per un ragazzo che ha perso se stesso.

Purtroppo per saperne di più tocca aspettare il seguito. Mi unisco a tutte le ragazze che in questo momento stanno soffrendo e hanno condiviso il loro stato d'animo sul web. Sto soffrendo con voi, per questo finale davvero "cattivo". Sono certa, però, che questa giovane promessa del mondo editoriale ci sorprenderà piacevolmente ancora una volta.
Consigliato a chi ama le storie incasinate,ragazzi giovani e persi, alla ricerca dell'unica strada che possa farli sentire meno soli, meno incazzati con il mondo. A chi vuole entrare nella vita di Cherie e Hunter a piccoli passi, per poi immergersi fino al collo.
Complimenti, Sabrynex!



#1, Over, un'overdose di te
#2, Over 2, camminiamo nel vento (recensione)
#3, #TBT. Indietro non si torna




Nessun commento:

Posta un commento