martedì 2 maggio 2017

UN AMORE SENZA FINE, LAUREN LAYNE. Recensione.


TITOLO: Un amore senza fine

AUTORE: Lauren Layne

SERIE: Redemption series #0.5

EDITORE: Newton compton

PAGINE: 288

PUBBLICAZIONE: 19 marzo 2017 

GENERE:  New adult 

PREZZO: €  4,99 ebook 

Dall'autrice del bestseller L'unico sbaglio che rifarei mille volte

Le regole sono chiare, finché non vengono infrante.

Chi l'avrebbe mai detto che fingersi innamorati fosse più facile che fingere di non esserlo?Stephanie Kendrick ha sacrificato la sua estate per buttarsi anima e corpo nel suo corso di sceneggiatura cinematografica alla NYU. Purtroppo il suo compagno di corso è un ragazzo ricco e viziato. Ma del resto con i suoi piercing, gli occhi truccati di nero e l'abbigliamento goth neanche Stephanie è esattamente il tipo di Ethan Price. Probabilmente corre dietro a qualche biondina con le gambe lunghe e un fondo fiduciario.
Mentre negli Hamptons inizia la stagione estiva, Ethan cerca disperatamente di far dimenticare a sua madre l'altolocata ragazza che gli ha spezzato il cuore. È un po' azzardato pensare a Stephanie come diversivo, ma con il giusto restyling e un maglioncino color pastello potrebbe andare. A lei l'idea di di recitare la parte della fidanzatina Barbie di Ethan non fa impazzire, ma l'alloggio gratuito e il lusso sono una bella tentazione. E anche la promessa di una sceneggiatura praticamente già scritta ispirata alla loro messa in scena.
Ma quando Stephanie entra nel mondo privilegiato di Ethan, la sceneggiata inizia a diventare reale. I baci e le carezze inscenati per prendere in giro il popolo degli Hamptons finiscono per coglierli di sorpresa. E Stephanie si trova davanti a un dubbio a cui ha molta paura di rispondere: Ethan si sta innamorando della vera Stephanie o della principessina che vuole vedere?



L’incontro-scontro tra i protagonisti di questo romanzo è molto divertente anche se ricalca clichè già visti. Lo stile dell'autrice è fresco e sarcastico allo stesso tempo, e conferisce un qualcosa in più, quel qualcosa che ha colpito la mia curiosità strappandomi immediatamente un sorriso.
«Ti sei perso per caso? », sbotto.

Il ragazzo fa una piccola risata. «Solo perché non giro l’angolo a razzo non significa che mi sia perso».

«Non andavo a razzo», ribatto, «ho semplicemente fretta».

Raccoglie un assorbente e me lo passa con un sorriso innocente.
Cerco di apparire indifferente mentre lo prendo e lo ficco in fondo alla borsa.
Ma, davvero, con tutte le cose che ci sono da raccogliere, va a prendere proprio quello?
Afferro il resto e infilo tutto alla rinfusa nella borsa, rialzandomi mentre chiudo la lampo.
«Comunque, pensavo solo di poterti dare indicazioni»
Avrete certamente capito, fin da subito, che il rapporto tra i due è irriverente e sprezzante, se poi, come in questo caso, si è totalmente diversi l’uno dall’altra il risultato è davvero esplosivo. I soggetti in questione altro non sono che Ehtan Price, belloccio, alto, biondo, sembra uscito da una pubblicità Polo Ralph Lauren, ricco a livelli spropositati, e Stephanie Kendrick, ragazza formosa dalle tinte dark, ad eccezione dei grandi occhi blu, vestiti neri, capelli neri, anfibi neri - insomma evviva il nero! - acida e scontrosa quanto basta. Cosa li accumuna? Fragilità, insicurezze e tradimento, oltre a una collaborazione forzata per il corso estivo di scenografia capitanato dal professor Martin Holbrook, vincitore di un Oscar e due Golden Globe, nonché amico del padre di Ethan.
Così la sfiga vuole che Stephanie debba collaborare con un testimonial di un dentifricio che la manda sui nervi mentre Ethan con una compagna che non sa se considerare “molto eccitante in un modo un po’ spaventoso o forse spaventosa in un modo leggermente eccitante”. Si forma così una coppia strampalata alla Ken e Mortisia che, oltre a strapparvi sorrisi per via dei pregiudizi reciproci, vi farà anche riflettere sulle loro debolezze, causate  da persone a cui sono legati e alle quali hanno voluto bene. Seppure per motivi diversi tutti e due fuggono dalle proprie famiglie; Ethan per capire se continuare a essere ciò che l’altolocata posizione sociale gli impone, Stephanie per ribellarsi a chi ha deciso sempre per lei. Aggiungiamoci poi problemi di cuore: il povero Ethan è stato tradito dall’ex, Olivia, con il suo migliore amico Micheal e Stephanie ha subito un'esperienza terribile per colpa dell’ex fidanzato lo stesso giorno della morte della madre. 
Entrambi, però, sono molto più di quello che sembrano in superfice. Ethan non è solo un belloccio fascinoso e Stephanie non è solo una tipa arrabbiata con il mondo intero. Pur non volendo, anche se profondamente diversi, complice il lavoro didattico di scenografia e la proposta di Ethan a Stephanie di essere la sua ragazza finta per un mese, i due si avvicineranno e quel sottile sarcasmo che li contraddistingue sarà alimentato anche da una forte attrazione.
«Nessuno crederà che siamo interessati l’uno all’altra», dico infarcendo di derisione il tono della voce, sperando che lo legga nel modo giusto, cioè “sta’ indietro”. Non lo fa.

«Kendrick, quella è la parte più facile». «Davvero?», dico strascicando la parola. «Certo, guarda». Prima che possa accorgermi che si sta muovendo, la sua mano è intorno al mio collo, le dita giocherellano con i capelli sfuggiti alla mia disordinata coda di cavallo. «Price, non ti azzardare…». La sua bocca è sulla mai in un batter d’occhi. Le mie mani volano sul suo petto per spingerlo via – dico sul serio – ma poi le sue labbra si muovono, decise e insistenti contro le mie e io esito. Il che è un grosso errore. Approfitta della mia immobilità e l’altra mano sale a prendermi la guancia. E, diavolo, anche la più acerrima ribelle che odia gli uomini può avere un debole per un tizio che capisce quanto sia sexy un bacio in cui ti tengono la testa.
Da questo momento in poi finzione e realtà si confonderanno all’interno di un gioco di ruoli che li porterà a interrogarsi su loro stessi, sulle scelte condotte fino a quel momento e a interpretare i sentimenti che provano verso l’altro.
Ethan Price non poteva fare scelta migliore, la sua nuova finta ragazza è perfetta per far desistere la madre dall’intento di farlo tornare con Olivia Middleton, perché Stephanie Kendrick una volta era Steffie Wright: cheerleader, presidente del consiglio degli studenti e reginetta del ballo, per lei far colpo sui genitori era all’ordine del giorno. Ma Ethan Price non aveva messo in conto che la rabbia verso la sua ex sarebbe scomparsa per lasciare il posto a quella ragazza complicata che per assurdo lo fa sentire sereno e della quale non può più fare a meno.
Stephanie Kendrick da parte sua non pensava certo che la finzione si sarebbe trasformata in realtà portandola a mettere in dubbio se stessa e le sue scelte.



Quando le regole di un gioco vengono infrante come in questo caso, quando i sentimenti cambiano il gioco trasformandolo in realtà, bisogna scendere a dei  compromessi con se stessi, compromessi che nessuno dei due riesce ad accettare. Il loro avvicinarsi e allontanarsi allo stesso tempo ha catturato la mia attenzione e sono sicura catturerà anche la vostra facendovi sperare in una svolta, nell’amore che ti cambia, perché amare vuol dire accettare la persona amata con tutti i suoi pregi e i suoi difetti, soprattutto i difetti. Stephanie mi ha stupita con il suo cambiamento e ho sofferto con lei quando il ragazzo che si accorge di amare le ha fatto mettere in discussione se stessa. Fingere di essere qualcun altro non ti trasforma in quel qualcun altro; dietro la maschera, che sia fatta di ombretto ed eyeliner o di vestiti rosa, ci sei sempre tu ed essere se stessi vuol dire accettare i propri cambiamenti e sfruttarli per migliorare. Tra i due personaggi Ethan è quello che ho percepito più semplice nelle sue debolezze, con questo non voglio dire che manchi di spessore ma il suo vero carattere riesce a emergere soltanto a tratti. Personalmente avrei preferito un Ethan più istintivo e passionale.
Nell’insieme il libro è scorrevole, lo stile sarcastico di Lauren Layne ha instillato un tocco di freschezza a una storia che ricalcando sceneggiature già lette poteva scadere nella banalità. Il risultato? La mia attenzione è stata totalmente risucchiata da questo clima spumeggiante e da alcune citazioni molto profonde che nel corso della lettura mi hanno dato modo di riflettere. 
La vita non è altro che delle fasi. Alcune cose restano, molte invece no.
E l’amore, quello vero, noi romanticone speriamo sempre che sia una di quelle.




REDEMPTION SERIES

#0.5, Un amore senza fine 
#1, Grazie per avermi spezzato il cuore
#2, Crushed




Nessun commento:

Posta un commento