martedì 23 maggio 2017

TUTTA COLPA DI QUEL BACIO, CASSANDRA ROCCA. Recensione in anteprima.


TITOLO: Tutta colpa di quel bacio

AUTORE: Cassandra Rocca

EDITORE: Newton Compton

PUBBLICAZIONE: 25 maggio 2017 

GENERE: Contemporary romance

PAGINE: 320


PREZZO: € 5,99 ebook


Dall'autrice del bestseller Tutta colpa di New York

Una nuova commedia romantica e divertente che scalda il cuore


Fuggita da Londra con il cuore infranto, Emily si è trasferita a New York, dove ha deciso di buttarsi a capofitto nel lavoro, unico settore nel quale sembra avere successo. Con gli uomini ha chiuso, questa è una certezza, ma purtroppo San Valentino è alle porte e l’agenzia Event Planner per cui lavora è sommersa di richieste a tema a cui lei deve rispondere. A complicare le cose arriva Matthew Cohen, proprietario di una linea di navi da crociera, nonché sua vecchia conoscenza: è stato il primo due di picche della storia sentimentale di Emily. A causa di Matt, ora si ritrova invischiata nell’organizzazione di quello che è diventato l’evento più romantico del momento: “La Crociera degli innamorati”. Come se non fosse abbastanza deprimente ritrovarsi a bordo, single, in mezzo a tutte quelle coppie felici, Emily dovrà fare i conti anche con la presenza scomoda di Matt, così magnetico, sicuro di sé e deciso a dimostrarle che un uomo e una donna possono stare bene insieme anche senza alcun coinvolgimento emotivo. L’attrazione tra loro è innegabile e la tentazione è forte, ma Emily non vuole soffrire di nuovo: quel viaggio, così saturo di sentimenti e passione, sta risvegliando in lei desideri ai quali credeva di aver rinunciato per sempre, rendendola vulnerabile. Innamorarsi di un uomo che non crede nell’amore sarebbe davvero un terribile errore. Oppure no?



Io amo Cassandra Rocca, si sa. Mi piacciono le sue storie, la sua ironia, il suo stile. Devo ammettere, però, che questa volta mi ha lasciato un po' di amaro in bocca. La trama mi è piaciuta, ma avrei voluto di più. In ogni caso l'autrice rimane una delle mie preferite nel panorama italiano, così è e così sarà sempre, nei secoli dei secoli.
Ma veniamo a noi.
Tutta colpa di quel bacio. Una storia che parla d'amore, di paure e di seconde occasioni. 




Emily e Matt, e la loro seconda occasione. Emily è fuggita da Londra e si è trasferita New York; è una donna tosta e precisa in ambito lavorativo, ingenua nella vita privata. Tenta di apparire schiva e celebrale, ma è una donna di cuore che sogna di essere amata, di essere la metà della mela. Il caso vuole che Matt, suo amore adolescenziale, abbia bisogno proprio di un'organizzatrice di eventi e si rivolga all'agenzia di Emily. Il primo incontro sarà a dir poco surreale: faranno finta di non conoscersi, e la ragazza ne gioirà, memore della cantonata presa in giovane età. Ecco, in realtà Matt sa benissimo che quella è la sua Emily, la sua compagna di giochi, la ragazzina che si era innamorata di lui. Un tragedia, angeli. Una tragedia. Emily dovrà imbarcarsi e partecipare alla crociera dedicata al lancio della nave di Matt, e in quelle due settimane ne capiteranno tantissime, prima fra tutte l'incontro con l'ex che l'ha abbandonata praticamente sull'altare. Non so voi, ma una testata all'ex ci stava tutta, invece Emily deciderà di far credere all'uomo di essersi felicemente accoppiata con Matt, come direbbe mia nonna. Accoppiandosi, accoppiandosi... Emily e Matt impareranno a conoscersi davvero, abbandoneranno le idee giovanili e capiranno che tra pregi e difetti, forse vale la pena di buttarsi in un amore unico che ha radici profonde. Ma il destino, la cocciutaggine, l'orgoglio e la paura, renderanno il percorso a ostacoli ancora più impervio. 




E niente, che vi devo dire? Una storia estremamente romantica, con quella spolverata di pepe che l'autrice ama inserire in ogni suo romanzo. Tra coppiette in luna di miele, coppiette che si devono sposare, coppiette che si sbaciucchiano e coppiette che si tengono la mano, conoscendo la mia ormai risaputa avversione verso la glicemia, saprete che stavo per avere un infarto. Ma, nonostante ciò, Cassandra Rocca è riuscita a farmi apprezzare una crociera del genere, quindi mi inchino, non posso far altro. Mia madre griderebbe al miracolo!
La caratterizzazione dei personaggi è ben fatta, anche se avrei preferito conoscere qualcosa in più su alcune dinamiche citate. Mi avrebbe aiutata a capire meglio alcuni comportamenti, a entrare ancor di più nella psiche dei personaggi. Non vi dico le scene esatte per non svelare troppo e non essere messa a morte sulla pubblica piazza: ci tengo alla mia vita, devo ancora fare molte esperienze... 
Emily è una donna piuttosto insicura, che tenta di riprendersi un uomo solo per dimostrare che è abbastanza, che non è un rifiuto da abbandonare. Emily pensa di essere stata amata e di aver amato, ma riflettendo capirà che il rispetto, il riguardo, il senso di protezione e la passione sono cose a lei estranee. Ma la ragazzo non è solo questo: sa rispondere a tono, sa tenere testa, ma non vede il proprio potenziale e spesso le sue parole non corrispondono a ciò che prova il suo cuore. Si difende a parole, difende se stessa con le unghie e con i denti, ma questo non le impedisce di soffrire e di essere ferita. 
Matt è il tipico uomo che non crede nell'amore, che preferisce incontri occasionali per non legarsi, che parla chiaro. Non cerca altro, non ha bisogno di altro, nel suo cuore non c'è spazio per niente e nessuno, o almeno è ciò di cui si è convinto nel corso degli anni. L'incontro con Emily metterà a dura prova la sua rigidità sentimentale e aprirà le porte di un mondo a lui sconosciuto. Matt è sicuramente il personaggio che ho preferito in questo romanzo perché ho trovato tenero il suo pensare di non essere capace di amare, e quasi commovente il momento in cui capisce di essere vulnerabile perché in fondo il cuore fa tutto da solo, non ha bisogno di ricevere ordini, e quando decide di donarsi non possiamo opporci.
In definita i protagonisti si aiutano a vicenda, sbocciano grazie al rapporto che costruiscono giorno dopo giorno, caduta dopo caduta, sconfiggono le proprio paure vivendosi e conoscendosi. Forse insieme possono funzionare, ma toccherà a loro capirlo, toccherà a loro porsi le giuste domande e darsi le giuste riposte.
Consigliato? Cassandra Rocca si consiglia sempre, è un evergreen, è come il nero: non passerà mai di moda.
Non vi resta che salire a bordo e godervi "La Crociera degli Innamorati".








1 commento:

  1. Non vedo l'ora di salire a bordo per godermi questa crociera :)
    Mi è piaciuta la tua recensione... sono sicura che questo libro diventerà uno dei miei preferiti...
    Adoro già i protagonisti che fanno finta di non conoscersi, mi chiedo si può non riconoscere l'amore? :)

    RispondiElimina