venerdì 7 aprile 2017

L'ALTALENA DELL'AMORE, KATIA ANELLI. Presentazione + estratti in anteprima.

BUONASERA, ANGELI. IN ARRIVO IL 12 APRILE L'ALTALENA DELL'AMORE, IL NUOVO ROMANZO AUTOCONCLUSIVO DI KATIA ANELLI. DI SEGUITO VI MOSTRIAMO SINOSSI, BOOKTRAILER E QUALCHE ESTRATTO IN ANTEPRIMA CHE CI HA REGALATO L'AUTRICE. 


TITOLO: L'altalena dell'amore

AUTORE: Katia Anelli

EDITORE: Self publishing

PAGINE: 240

PUBBLICAZIONE: 12 aprile 2017 

GENERE: Contemporary romance

PREZZO: € 2,99 ebook
Sfuggire e dare un taglio netto al passato, fingendo di dimenticare quello che è stato, non è mai una soluzione. Lo sa bene Chiara, costretta a tornare dove tutto ha avuto inizio. In quel luogo in cui, da bambini, lei e Davide hanno saputo instaurare un rapporto unico, pronti a sostenersi nei momenti di difficoltà. In quel luogo in cui, da adolescenti, hanno scoperto quanto fosse sottile la linea che divide l’amicizia dall'amore. In quel luogo in cui si sono amati, convinti di poter superare ogni ostacolo insieme, anche l’ostilità dei genitori di Chiara. Ma le incomprensioni sono sempre dietro l’angolo e spesso sono capaci di spezzare anche legami inossidabili. Chiara e Davide non si vedono da anni. Lei, reduce da disturbi alimentari e con una scarsa considerazione di sé, a causa del rapporto conflittuale con la madre, ha colto nella clown terapia l’occasione per tornare a sorridere. Lui, ancorato alle sue origini e al suo mondo, si è buttato sul lavoro, trovando il modo di dare un nuovo senso alla sua vita. Chiara e Davide hanno smesso di sognare e hanno voltato pagina. O forse così credono, perché il primo amore lascia tracce indelebili e non si scorda mai.


ESTRATTO N. 1

Stringo il telefono nel palmo, così tanto che la mano mi pulsa per lo sforzo. Lo sapeva che questa sera era importante per me, sono settimane che non faccio altro che ripeterglielo. E se solo sapesse quanto, da questa mattina, sia ancora più importante averlo qui… La mia mente inizia ad essere assillata da milioni di domande e di dubbi e l’unico che potrebbe spazzarli via non solo non si è presentato per stare al mio fianco, ma non mi risponde neanche al telefono. Riprovo a mandargli un messaggio; passano alcuni minuti ed il cellulare persiste a tacere. D’impeto, decido di andarmene da questo schifo di posto, da questo schifo di festa che neanche volevo. Mi avvio verso la stanza dove si trovano tutti i partecipanti che mia madre mi ha obbligato ad invitare e sono decisa a recuperare la mia borsa, quando l’arrivo di un sms mi fa quasi strillare di gioia. M’affretto a sbloccare lo schermo e a leggere cosa mi ha scritto Davide. Certamente avrà una scusa plausibile, sono anche disposta a perdonarlo… solo che il messaggio non è di Davide, ma del mio gestore mobile che m’avvisa che sto per finire il credito sulla mia scheda sim. È la sera del mio diciottesimo compleanno, un giorno che aspetto da sempre. Io e Davide abbiamo fantasticato a lungo sulla nostra vita insieme ed ora che i miei genitori non rappresentano più uno scoglio per noi, ora che per la legge italiana posso decidere da sola per me stessa, ora che potremmo iniziare a realizzare tutti quei progetti che senza volerlo hanno già preso vita, proprio adesso, lui mi lascia sola.


ESTRATTO N. 2

Gli afferro il colletto della camicia, lo tiro verso di me e ricomincio a baciarlo. Le sue mani mi sfiorano i seni, poi prendono l’orlo della maglietta e me la sfilano. Ho il cuore in gola, mi sento agitata ed impacciata come una ragazzina. Ho tanta paura di non piacergli. E, se guardando quella che sono realmente oggi, cambiasse idea e non mi volesse più? A volte i ricordi tradiscono la nostra memoria. Inizio ad irrigidirmi. «Cosa c’è? Non sei sicura?», mi chiede Davide, scrutandomi in viso. Non rispondo, come faccio a spiegarmi? Come faccio a dirgli che lo desidero più dell’ossigeno, ma che ho il terrore che una volta che abbia visto il mio corpo io possa non piacergli più e dunque mi rifiuti? 


ESTRATTO N. 3

«Ancora non ci credo che la mia Trilli sia tornata da me», afferma, fissandomi con i suoi due profondi occhi verdi. Scherzosamente alzo gli occhi al cielo. «Non ricomincerai seriamente con questa storia, vero? Siamo cresciuti». «Rassegnati! Sei la mia fatina, non importa quanti anni tu abbia». Gli accarezzo il labbro inferiore e la linea della mascella, poi gli do un bacio lento e ricco di passione, mi faccio coraggio ed inverto le nostre posizioni. Con la bocca gli sfioro le spalle e poi scendo ad esplorare il suo corpo con più audacia. Contemplo a lungo i suoi muscoli possenti e ben definiti e la sua pelle tesa sotto le mie mani. Avevo dimenticato quanto potesse essere bello fare l’amore, forse perché per me, senza Davide, non esiste amore. Questa volta sono io a decidere il ritmo e, mentre entrambi ci rincorriamo alla ricerca di qualcosa di magico e magnifico, perdo la cognizione del tempo ed ogni inibizione.  




BOOKTRAILER






Nessun commento:

Posta un commento