mercoledì 8 marzo 2017

NON VIVO PIÙ SENZA TE, JEN MCLAUGHIL. Recensione in anteprima.


TITOLO: Non vivo più senza te

AUTORE: Jen McLaughlin

SERIE: Out of line #5

EDITORE: Newton Compton 


PAGINE: 180


PUBBLICAZIONE: 8 marzo 2017


GENERE: New adult


PREZZO: € 2,99 ebook

Dall’autrice del bestseller Fuori controllo

Trovare la mia fidanzata nuda sul divano sarebbe stata una bella cosa, se non ci fosse stato il suo ex fidanzato con lei. Negli ultimi otto anni ho conosciuto il potere del vero amore, ma dopo essere stato ferito ho deciso che non c'era speranza di trovarne ancora. Finché non ho incontrato Noelle Brandt al bar di un albergo. Forse non è stato il modo più romantico di incontrarsi, ma nell'istante in cui l'ho vista ho saputo che dovevo averla. Più la conosco e più so che farei qualsiasi cosa per tenerla accanto a me.
Ho già trovato l'amore della mia vita, ma l'ho perso per sempre. E da allora mi sono sempre sentita smarrita. Ma una sera un uomo ferito ha cancellato tutto. Mi ha fatto ridere, mi ha fatto sentire viva. Quando mi ha detto che non aveva nessuna intenzione di lasciarmi andare, finalmente ho ricominciato a credere nel potere del vero amore. Almeno finché non ho scoperto chi è veramente. E a quel punto è stato troppo tardi per correggere gli errori che avevamo già fatto. Una volta scoperta la verità, i confini erano già stati ampiamente oltrepassati.





Una nuova appassionante storia dalla penna di Jen McLaughlin, che abbiamo imparato ad amare grazie alla storia di Carrie e Finn, nella serie Out of Line. Questo è il capitolo numero cinque e riprende la storia di Riley, il migliore amico di Carrie e suo vecchio pretendente ai tempi dell'università.
Pur facendo parte della serie, può essere letto come autoconclusivo, anche se rischiate di ritrovare un pò di spoiler sull' epilogo della storia d'amore della Rossa e del suo soldato Finn.


Riley Stampleton è un avvocato di successo, membro integerrimo della comunità e figlio devoto di una famiglia importante e impegnata politicamente. Il padre infatti, potrebbe essere il futuro vicepresidente degli Stati Uniti, e questo ha ovvie ripercussioni sulla sua vita.
Fidanzato con una donna perfetta, in grado di accompagnarlo e sostenerlo nella futura vita professionale e politica, l'ultima cosa che si aspetta, è di trovare quella perfetta fidanzata, sul suo divano, nuda, in una situazione intima con un altro uomo.
Quello che lo lascia davvero sconvolto, però, è la sua reazione. Dovrebbe essere furioso, ferito, atterrito, e invece l'unica cosa a cui riesce a pensare è il suo divano insozzato da quei corpi nudi; a quel vago senso di sollievo all'idea di potersi finalmente liberare della donna con cui avrebbe dovuto dividere la vita.
Riley finalmente si sente sollevato. Anche se trema all'idea delle spiegazioni che dovrà dare dopo la rottura, soprattutto alla sua terribile madre, un peso sembra essergli scivolato via dalle spalle. La tristezza lo pervade, non per quello che è successo ma per quello che è diventato. Riley si rende conto che ha vissuto la vita che gli altri avrebbero voluto che vivesse, perdendo di vista se stesso e i suoi desideri. Pensieri di tale portata lo gettano in un baratro di autocommiserazione e decide di affogare tutti i sentimenti negativi nell'alcool.

Era colpa mia? Mi mancava qualcosa, e le mie donne erano costrette a cercare altrove? Forse ero rotto. Forse avrei dovuto smettere di cercare una compagna, e accettare il fatto che stavo meglio da solo.

Quella stessa sera, al bar di un albergo, quasi completamente ubriaco, nota una donna che lo lascia senza fiato.
Noelle Brandt è un'autrice di romanzi erotici e si trova ad una convention di autrici, quando un uomo bello come il peccato, posa gli occhi su di lei. Intenta a tagliare la corda, sta per rientrare in camera, quando quello sconosciuto, decisamente alticcio, la raggiunge davanti agli ascensori, raccontandole la storia più tenera e dolorosa che abbia mai sentito. 
Con una sconsideratezza che non si è mai concessa, invita l'uomo in camera sua. La notte più indimenticabile della sua vita sta per cominciare e da quel momento in poi, niente sarà più come prima.
Una coppia senza nessun futuro, due persone distanti geograficamente e socialmente. Quando quella notte finirà, Riley troverà il coraggio per trattenere Noelle e vivere finalmente la sua vita? E Noelle, troverà anche lei il lieto fine che tutti suoi personaggi hanno, ma che non sembra destinato a lei?

Mia madre non l’avrebbe mai approvata. Mai. Ma mi rendeva felice, e mi piaceva.
Quindi, per il momento, me ne infischiavo del resto.
Avevo passato tutta la vita a fare del mio meglio per essere uno Stapleton a tutti gli effetti. Mi ero sforzato così tanto di essere ciò che gli altri pretendevano da me, che non sapevo neanche più chi fossi “io”. O che cosa volessi essere.

Jen McLaughlin ci sorprende con una storia completamente diversa dalla precedente. Le caratterizzazioni dei personaggi la rendono unica ed emozionante. 

Estremamente romantica e passionale la storia d'amore tra Riley e Noelle mi ha fatto vivere dei momenti di piacevole tormento e delizioso pathos.
Riley è un uomo fragile, dal carattere accondiscendente che siamo soliti ritrovare nei personaggi femminili. Questa inversione dei ruoli, secondo me è il punto di forza di Non vivo più senza te. 



A volte ho detestato la sudditanza psicologica di Riley a tutta una serie di doveri imposti dalla sua famiglia. Lui ha imparato a recitare un ruolo, inquadrato in uno schema preciso, dove non c'è spazio per gli errori. Si lascia trascinare dalla corrente come un pezzo di legno inerme, convinto che lui non sia in grado di amare, che l'amore non esista ma sia piuttosto una fredda transazione tra due persone, all'interno della quale si offre sostegno e protezione, soprattutto economico. 
Ha creduto di amare delle donne in passato, ma da quando Carrie e Finn stanno insieme ha capito cosa significa possedere il dono del vero amore, e che per lui non ci sarà mai una possibilità del genere.

Per qualche ragione, mi venne in mente Riley. Poteva essere il mio lieto fine? Scossi la testa. Certo che no. Era un’avventura. Viveva qui, e io dall’altra parte del Paese. E soprattutto, non avevamo mai evocato la possibilità che fra noi potesse esserci qualcosa di più.Mi piaceva perché mi faceva sentire viva… Mi aveva fatto dimenticare, anche se solo per un attimo, chi ero e che cosa avevo perso.



A sconvolgere i preimpostati equilibri di Riley arriva Noelle, con la sua fresca spontaneità, il viso angelico e lo sguardo di chi ha perso tutto, ma non si è arreso. Così diversa dalle donne che solito è abituato a frequentare, con cui la madre tenta di sistemarlo, Riley non si rende conto subito che non è solo la passione a legarli. Con lei si sente libero di essere se stesso, coraggioso, impavido come si era proposto di essere negli anni di università, quando insieme a Carrie, si riprometteva di non lasciarsi piegare dal volere dei genitori. 
Anche Noelle ha un passato difficile. La vita le ha assestato un paio di sinistri che avrebbero messo in ginocchio chiunque, e invece lei si è fatta forza, è andata avanti e adesso non riesce a credere che Riley, così bello e sofisticato sia interessato a una donna mediocre come lei.
Un sogno ad occhi aperti che forse potrebbe trasformarsi in realtà, se Riley cacciasse fuori gli attributi.
Se come me credete alle favole, se pensate che l'amore vince sempre anche quando tutti gli indizi sembrano dire il contrario, non perdetevi Non vivo più senza te. 
Un ultimo appello lo faccio a Newton Compton, con la speranza che continui a pubblicare altri lavori di Jen McLaughlin.












OUT OF LINE SERIES

#1, Fuori controllo
#2, Un disperato bisogno di te
#3, Ogni volta che sei qui
#4, Mi manchi tu
#5, Non vivo più senza te




  

Nessun commento:

Posta un commento