martedì 7 febbraio 2017

L'UOMO GIUSTO AL NUMERO SBAGLIATO, ELLE CASEY. Recensione in anteprima.



TITOLO: L'uomo giusto al numero sbagliato

AUTORE: Elle Casey

SERIE: The Bourbon Street Boys #1


EDITORE: Amazon Crossing

PAGINE: 366

PUBBLICAZIONE: 7 gennaio 2017

GENERE: Contemporary Romance

COSTO: € 3,99


Quando riceve un SMS anonimo che le chiede di raggiungerla in un bar malfamato nel centro di New Orleans, convinta che il mittente sia sua sorella e pensando che abbia perso la ragione, May Wexler decide di andare in suo soccorso. Perché Jenny dovrebbe trovarsi in un locale per motociclisti? E infatti Jenny non è in quel bar con i suoi bambini, e l’unica a finire nei guai è proprio May. Con le sue espadrillas rosa e l’amato Chihuahua nella borsetta, in quel postaccio salta all’occhio come un’insegna al neon. E quando qualcuno inizia a sparare, non ha altra scelta che seguire il massiccio uomo barbuto che sembra l’unico disposto ad aiutarla. May si ritrova così alla Bourbon Street Boys, l’agenzia di sicurezza privata gestita dal muscoloso Ozzie, che non solo le offre protezione (e anche un lavoro), ma senza barba si rivela un’eccitante distrazione. Presto May si renderà conto che il malvivente armato che la sta cercando non è il suo unico problema. 



Un numero di telefono sbagliato l’ha messa in questo pasticcio… potrebbe averla condotta anche dall’uomo giusto?


May è una fotografa freelance che vive a New Orleans, si è appena trasferita per poter stare vicino alla sorella maggiore, alla quale è molto legata, e ai suoi tre nipotini. La storia ha inizio quando May riceve uno strano messaggio da un numero sconosciuto. Il messaggio è senza senso: deve recarsi in uno strano locale della città, frequentato da gente con una pessima reputazione. May pensa subito che a inviarlo sia stata la sorella, magari da ubriaca. Decide quindi di recarsi al locale e correrle in aiuto. Si presenta al locale con il suo adorato Chihuahua nella borsetta, ma non riesce a trovarla; decide quindi di andare via da quel postaccio, ma qualcuno inizia a sparare all’impazzata e si ritrova coinvolta in un conflitto a fuoco. Improvvisamente un omone, dall’aspetto trasandato e con due braccia enormi, la trascina via e la trae in salvo. L’uomo misterioso che l’ha salvata portandola in un luogo sicuro si chiama Ozzie, un ex soldato che si trovava in quel locale, stava lavorando sotto copertura per la “Bourbon Street Boys Security ”, l’agenzia di sicurezza che gestisce e che collabora con le forze dell’ordine per la cattura di spacciatori e criminali della città. Tra loro l’intesa non sarà immediata, soprattutto perché il carattere scontroso e burbero di Ozzie condiziona molto May. 
«Sei confusa per quanto riguarda me?» «Puoi dirlo forte.» Per niente al mondo sarò la prima ad ammettere che c’è dell’attrazione tra noi. Da quello che so, potrebbe parlare di qualcosa di completamente diverso. «Quindi, ci confondiamo a vicenda» commenta. Un sorriso inizia a incurvargli gli angoli della bocca. Gli do un colpetto con il piede. «Smettila.» «Smettere cosa?» «Di sorridere.» Sembra stupito. «Devo smettere di sorridere?» Il viso mi avvampa. «Sì. Mi rendi nervosa.» Lui sorride con un’aria decisamente subdola. «Nervosa? Perché nervosa?» Gli do un altro calcio allo stivale, questa volta più forte. «Sul serio, smettila.» Mi alzo, incapace di sopportare ancora la pressione. Lui mi prende una mano e mi guarda. «Dove stai andando?» Le sue dita sono così calde. Troppo calde. Oh mio Dio. «Devo… andare. Non posso sopportare questo… qualsiasi cosa sia.» 
La storia entrerà nel vivo quando May accetterà di lavorare per l’agenzia. Non vi aggiungo altro, per non rovinarvi il gusto di quella che sarà decisamente un lettura ESILARANTE. 
Un romanzo leggero, divertente e ironico, con protagonisti strambi che a ogni battuta vi faranno sbellicare dalle risate. Credetemi, non mi capitava da un po’ che un romanzo mi facesse ridere così tanto. 
Perfettamente riuscita la caratterizzazione e la contestualizzazione dei personaggi, sia dei protagonisti principali sia di quelli secondari, che non faranno da semplice contorno alla storia, ma ciascuno assumerà un ruolo fondamentale.



Il personaggio che ho apprezzato di più è sicuramente May: è divertente, non si prende troppo sul serio e ha un gran senso dell’umorismo. Ho adorato i suoi siparietti con il suo cagnolino e con i ragazzi del team, ma più di tutto ho adorato i suoi monologhi interiori. 
Ozzie, invece, è un personaggio che fino alla fine del romanzo è avvolto da un alone di mistero, l’autrice ci svelerà molto poco di lui. Personalmente, avrei preferito sapere qualcosa in più su quest’omone scontroso e burbero, che però nasconde un animo buono e protettivo.
Ch cosa dire dei due protagonisti a quattro zampe? Divertentissimi! Sono così male assortiti, eppure non potrete non innamorarvene. 
Le sue labbra si muovono contro le mie, prima piano, poi con maggiore urgenza. In qualche modo combaciamo alla perfezione. Quando lui sposta la testa per aumentare il contatto, io piego la mia a sinistra ed è come una magia. La sua lingua esce per sfiorare la mia. È grande, come ogni parte di lui. Calda. Umida. Scivolosa. Oh cielo… Piccoli brividi saettano dentro di me come se fossero scariche elettriche. Quasi mi sciolgo in lui, per il desiderio di stargli più vicino. Lui mi attira contro di sé e adoro come i suoi muscoli sodi premono sulle mie parti più morbide. Era destino. Deve esserlo. È troppo bello per essere qualunque altra cosa. Le sue mani scendono fin sulla mia vita e rimangono lì per qualche minuto, mentre giochiamo con le nostre lingue. Lui afferra con delicatezza la mia tra i denti e io rido, tirandola indietro. Poi lui preme i fianchi contro i miei e riesco a sentire di nuovo la sua erezione. Getta la testa all’indietro e mi sorride. «Chiunque sappia baciare come te a letto non può essere una sega. E quando dico sega, intendo non essere bravo.» 
Nell’intero romanzo è presente una sola scena hot, ma posso assicurarvi che la tensione sessuale che l’autrice è riuscita a creare per l’intera durata del romanzo è incredibile. WOW! Saranno gli ormoni, Angels, ma è stato quasi catartico! Sono un po’ due persone in astinenza da zuccheri che divorano una torta con voracità, ma allo stesso tempo ne assaporano ogni pezzetto. 
Non conoscevo Elle Casey, e devo dire che ho apprezzato molto il suo stile: fresco, frizzante e diretto. È riuscita a creare quel mix perfetto tra UMORISMO, SUSPENCE e ROMANCE, che vi terrà incollate alle pagine. Se proprio devo trovare un difetto a questo romanzo, si tratta del finale: troppo frettoloso e senza epilogo. Mi è rimasto un po’ d’amaro in bocca, ed è per questo motivo che non assegnerò le cinque ali.
Sono stata abbastanza convincente? Spero tanto di sì.
Attenderò con ansia il secondo romanzo della serie. 

Alla prossima lettura. 









The Bourbon Street Boy Series




1. L’uomo giusto al numero sbagliato, 7 febbraio 2017
2. Wrong Place, Right Time
3. Wrong Questions, Right Answer

Nessun commento:

Posta un commento