sabato 25 febbraio 2017

I LOVE MY BOSS, SADIE JANE BALDWIN. Recensione.


TITOLO: I love my boss

AUTORE: Sadie Jane Baldwin

EDITORE: Butterfly Edizioni

PUBBLICAZIONE: 6 febbraio 2017

GENERE: Contemporary romance

PAGINE: 267

PREZZO: € 2,99 ebook

Adam Kent, a 30 anni, ha tutto ciò che desidera: è sexy, sfacciatamente ricco e capo di una grande azienda, ma il suo successo non si limita solo al lavoro, ha anche una lunga schiera di ragazze ai suoi piedi. Abituato a comandare e ad avere storielle di poco conto, si ritrova impreparato quando conosce la nuova stagista. Alice Bell, 22 anni, ha incontrato Adam in un’altra occasione e con un altro nome, è stata piantata in asso senza motivo e prova un profondo odio nei confronti del capo. Decisa a vendicarsi del torto subito, non fa altro che fargli dispetti e renderlo ridicolo di fronte a tutti come fosse un nemico da combattere. Ma i due non potranno resistere a lungo alla potente attrazione che li sorprende un po’ dovunque… anche in ufficio. Perché c’è solo un filo sottilissimo che separa l’odio dall’amore…


Lui cerca le conquiste veloci, facili da prendere e altrettanto facili da lasciare 

Lei gli rende la vita difficile... 


Lei, Alice, sì, proprio come quella del paese delle meraviglie, neo assunta alla Kent International nel ruolo di stagista-segretaria-tuttofare, smista la posta e porta il caffè, in attesa di fare carriera, laureata da poco non ha potuto dire di no a una assunzione immediata. Segni particolari? Ama divertirsi, è una ritardataria cronica, sbadata e con una folta chioma rossa difficile da dimenticare. È talmente sbadata che un giorno dimentica di mettere i jeans e arriva in ufficio in collant color melanzana! Ovviamente capirete bene che tutto ciò cla porterà a vivere momenti “difficili”. Se poi mentre sei mezza nuda a lavoro incontri addirittura il tizio che poche ore prima in un locale, dopo che hai bevuto svariati drink, ti ha infilato la lingua in bocca i momenti da difficili diventano terribili e imbarazzanti…
Oddio sono fregata, rovinata, magari pure licenziata, e non necessariamente in quest’ordine.
In realtà il belloccio in questione si chiama Adam, è il proprietario della Kent International e appena riconosce Alice rimane sotto shock. Quella rara rossa dalle gambe chilometriche che è vestita in modo bizzarro, la notte precedente gli aveva tolto il respiro e messo sottosopra il suo irreprensibile controllo, addentrandosi in parti del suo corpo fino a quel momento rimaste immuni al fascino femminile. Quella ragazza dal carattere ribelle e lo sguardo assassino gli avrebbe portato solo guai.  Adam è il classico tipo ricco che usa le donne per il suo piacere, alla perenne ricerca di conquiste veloci.
Proprio perché la rossa dalle gambe chilometriche e gli occhi verde acqua potrebbe non esserlo, viste le sensazioni devastanti che gli suscita, meglio evitarla.
Purtroppo per lui ha fatto male i conti perché Alice Bell è molto, e quando dico molto intendo proprio molto, vendicativa.
Cominciano così da parte di lei una serie di scherzetti divertenti che costeranno ad Adam delle pessime figure.  Quest’ultimo inevitabilmente ne rimarrà vittima e, complice una zia invadente, il nostro bad boy e la imprevedibile rossa cederanno al loro amore.
«Mi vuoi, Alice?», chiede di nuovo con voce resa roca dal desiderio. Che cosa pensa, che possa cambiar idea? Adesso? Io e i miei ormoni siamo seduti in prima fila, in attesa che lo spettacolo pirotecnico abbia inizio!
«Sì che ti voglio, Adam, ora, adesso!», lo informo mentre lo attiro verso di me.

Lui mi accontenta ed entra dentro il mio corpo con un’unica e possente spinta. Poi si ferma, chiude gli occhi, si gode il momento, riesce lentamente e poi scivola di nuovo. Inizia una danza che desidero tanto quanto lo vuole lui. E io mi accorgo solo ora di aver trattenuto il respiro per tutto questo tempo. Dio, quanto è bello, mi sento in paradiso! È possibile che non sia mai stato così? Che non abbia mai provato queste sensazioni deliziose?

Saranno tutte rose e fiori?
Lo scoprirete grazie a una serie di episodi improbabili e spesso divertenti che vi faranno conoscere i protagonisti sempre più innamorati e zuccherosi, insomma modalità love: attivata!
Già, perché l’ingrediente principale della storia è, secondo me, la dolcezza che Adam dimostra di avere nei confronti della sua Alice e che in parte contrasta con l’impostazione iniziale del personaggio.
Non mi aspettavo da un uomo di successo che predilige il controllo emozioni improvvise tanto spontanee e dolci. L’autrice probabilmente ha esagerato con le manifestazioni di affetto di entrambi i protagonisti che se in una donna non stonano, in un uomo di tale levatura ho trovato a tratti inappropriati.
La consapevolezza del sentimento d’amore non è stato sviluppato come avrebbe dovuto, non ne ho avvertito né la crescita né tantomeno la passionalità. Anche se le scene d’amore sono scritte con maestria, non lasciano trapelare quella sensualità che ti toglie il fiato e fa battere  il cuore.

Purtroppo il riferimento continuo da parte di entrambi i protagonisti a cliché già visti in altri libri non hanno dato alcun valore aggiunto alla storia che ho trovato a tratti ridondante. Il doppio punto di vista dei personaggi non mi ha aiutata a comprendere lo sviluppo del rapporto tra Alice ed Adam ritenendolo a volte immaturo per la loro età.
Tuttavia nell’insieme la storia è scorrevole, procede senza patos emotivi importanti e con diversi episodi divertenti.
Se siete alla ricerca di un romanzo poco impegnativo che vi faccia passare qualche ora in relax vi consiglio di leggerlo. Vi darà la tranquillità di cui avete bisogno.









Nessun commento:

Posta un commento