sabato 28 gennaio 2017

LOVING THE DEMON, NICOLE TESO. Recensione.





TITOLO: Loving the demon

AUTORE: Nicole Teso

SERIE: Loving the demon #1

EDITORE: self- publishing

PUBBLICAZIONE: 30 gennaio 2017

PAG: 157


GENERE: Dark romance

PREZZO: 2,99 ebook- disponibile cartaceo


Las Vegas era l’occasione per iniziare una nuova vita e seppellirmi il passato alle spalle.

Non avrei mai potuto immaginare che sarei stata rapita e rinchiusa in una cella buia, pronta a diventare una schiava del piacere.

Jake Evans mi distruggerà, piegandomi ai suoi desideri e consumando la mia anima.
Lui è la mia condanna a morte.
Lei avrebbe dovuto essere una prigioniera come tutte le altre, pronta a soddisfare i desideri dei miei clienti.
Non avrei mai potuto immaginare che mi avrebbe dato così tanto filo da torcere.
Brittany Moore sta sfondando le barriere nella mia testa, facendomi crollare e riportando a galla un passato che credevo sepolto.
I demoni mi stanno reclamando…
Lei è il mio tormento.




Oggi sono qui a parlarvi del dark romance d'esordio di Nicole Teso, Loving the demon. 
Una storia da leggere con molta responsabilità, visti i temi trattati, ma alle amanti del genere sono sicura che piacerà tanto.
Brittany Moore è una giovane ragazza rimasta sola al modo. Decisa a non arrendersi, si trasferisce a Las Vegas, la città delle opportunità, fermamente convinta di rifarsi una vita, lasciandosi alle spalle un passato che l'ha fatta soffrire. 
Una sera però il suo futuro cambia per sempre. All'interno di un locale, incontra un uomo affascinante attirandola nella sua rete. Bello come il peccato, con tatuaggi che si intravedono dal colletto della camicia che gli fascia perfettamente il corpo,  Brittany non immagina che quella sera la sua vita sarà destinata a prendere una svolta inaspettata, direzione Inferno.
Prima luce, e poi buio.


Inspiegabilmente si ritrova all'interno di una fredda cella, al buio e stordita. L'ultimo ricordo che ha è quello di Jake, il suo sorriso beffardo e gli occhi ardenti di una luce spietata.
Jake è un predatore. Gestisce un'attività, ma i suoi reali affari sono ben altri: lui rapisce donne indifese per asservirle alla sua volontà, rendendole schiave sessuali, per compiacere clienti facoltosi con vite sessuali da tenere nascoste agli occhi della società.
Brittany sarà la prossima ragazza da spezzare, da piegare nel corpo e nello spirito,da rendere compiacente per soddisfare le sadiche voglie di uomini dalla doppia vita.
Quando si rende conto dell'incubo in cui è piombata, Brittany, si sente sprofondare in un baratro senza fine. Terrorizzata e avvilita, non riesce a rassegnarsi a questa nuova condizione e da vera combattente fa di tutto per opporsi ad un futuro fatto di abusi e violenza.

In questo momento di lucidità capisco che farei qualsiasi cosa per sopravvivere. In fondo sopravvivere è quello che ho sempre fatto. E non rinuncerò a farlo ora.Aspetterò l’occasione giusta e poi cercherò un modo per scappare da questo inferno.




Anche la vita di Jake, però non sarà più la stessa. Lui non si sarebbe mai aspettato che Brittany toccasse cose che erano oramai sepolte nel suo profondo. Strati e strati di sofferenza, violenza e soprusi tentano di riemergere  pericolosamente minando la sua sanità mentale. Quella ragazza che si oppone con tutta se stessa, che lotta con le unghie e con i denti causa in Jake una profonda frattura, da un lato la voglia di spezzarla diventa sempre più forte, dall'altro un'insana voglia di possederla, di farla sua si fa strada, ad ogni tentativo di ribellione.
Una lotta all'ultimo sangue che cambierà entrambi per sempre.

«Ti sono mancato, Brittany?» Si avvicina lentamente, inchiodandomi al muro con lo sguardo.
Come può chiedermi un’assurdità del genere?
«Tu non mi mancherai mai, Jake.»
«Pronunci il mio nome come se tutto il tuo mondo si concentrasse in quell’unica parola. Mi piace. Lo fai sembrare quasi perfetto.» Mi viene la pelle d’oca. Ho paura.
«Niente nel mio mondo si concentra su di te e non prenderò parte ai tuoi spettacoli del cazzo.»
«Davvero?» In un battito di ciglia mi ritrovo il corpo di Jake schiacciato contro il mio. Le sue mani a fianco alla mia testa che mi intrappolano, il suo respiro che avviluppa il collo.

Jake è un personaggio subdolo, suadente, affascinante, che si odia o si ama.
Il suo passato è stato un inferno e lo ha reso il demone che è adesso. Il padre lo ha plasmato attraverso il sangue e le percosse, spegnendo il ragazzo che sognava una vita normale. Il suo amino adesso non conosce la pietà, il suo corpo è interamente coperto da tatuaggi che nascondono profonde cicatrici.
Brittany riesce a insinuarsi dentro la sua testa, cercando di fare rivivere qualcosa che non c'è più. Jake cerca di scacciarla in ogni modo, compiendo gli atti più imperdonabili, eppure la voglia di possedere Brittany  non va via, di trascinarla con sè nella sua oscurità.



Brittany è sconvolta per tutto ciò che le sta accadendo, quasi si disprezza quanto l'uomo che odia e dal quale vuole fuggire. Ogni volta che Jake invade il suo spazio vitale, non può fare a meno di provare un profondo senso di smarrimento. La sua mente lo rifugge, ma il suo corpo traditore lo brama. La consapevolezza di questa debolezza destabilizza Brittany, che si odia per quello che sente.
Come può provare pietà per il mostro che le ha distrutto la vita?
Loving the demon non è una lettura per tutti. Sono presenti parecchie scene di violenza, e l'origine di tutto questo male è spiegato durante le digressioni nel passato di Jake, che mostrano come ci sia stata una progressiva escalation che hanno portato la vittima a diventare esso stesso carnefice.
La storia è raccontata da entrambi i punti di vista e si possono leggere le due facce dell'inferno vissuto dai protagonisti.
Il testo è curato e lo stile è semplice e scorrevole, anche se ancora immaturo. 

La trama è interessante e offre alcuni spunti che mi sarebbe piaciuto fossero stati approfonditi con maggiore accuratezza.

Un benvenuto nel panorama romance a Nicole Teso. In attesa di leggere il seguito, vi lascio tra le grinfie del demone.










Nessun commento:

Posta un commento