venerdì 9 dicembre 2016

SEI L'ARIA CHE RESPIRO, DANIELA VOLONTÈ. Blogtour.

BUONGIORNO, LETTRICI. OGGI BOOK'S ANGELS È LIETA DI PARTECIPARE AL BLOGTOUR ORGANIZZATO IN OCCASIONE DELL'USCITA DI SEI L'ARIA CHE RESPIRO, IL NUOVO ROMANZO DI DANIELA VOLONTÈ ONLINE DAL PROSSIMO 12 DICEMBRE GRAZIE ALLA CASA EDITRICE NEWTON COMPTON. PER LA NOSTRA TAPPA, LA SECONDA, CI OCCUPEREMO DEL PROTAGONISTA MASCHILE, RYAN MATTHEWS, STUDENTE MODELLO CON LE IDEE CHIARE SUL SUO FUTURO E ALLERGICO ALLE RELAZIONI SERIE. ENTREREMO NELLA SUA MENTE, CONOSCEREMO I SUOI PENSIERI PIÙ INTIMI. SIETE PRONTE? 






IL LIBRO


TITOLO: Sei l'aria che respiro

AUTORE: Daniela Volontè

EDITORE: Newton Compton

PUBBLICAZIONE: 12 dicembre 2016 

GENERE: New adult

PAGINE: 224

PREZZO: € 2,99
Claire Ashford è la ragazza più popolare del liceo di River Lake: bella, bionda, capitano delle cheerleader e fidanzata con il quarterback della squadra di football. Ryan Matthews è uno degli studenti migliori della scuola, ma non ha molti amici e nemmeno ne vuole: ha le idee chiare circa il proprio futuro e non intende legarsi a nessuna ragazza. Quando però Claire e Ryan, loro malgrado, si ritrovano costretti a trascorrere del tempo insieme, scoprono di avere in comune molto più di quel che pensavano e la molla dell’attrazione scatta con tutta la sua potenza. Da questo momento in poi, ogni cosa è destinata a cambiare, perché la vita vera è alle porte...




DENTRO LA MENTE DI RYAN MATTHEWS



Sei l'aria che respiro è un romance puro, ne incarna tutte le caratteristiche. Al centro c'è una storia d'amore romantica, dolce, che nasce in maniera inaspettata e imprevedibile tra due personaggi che, almeno in apparenza, non potrebbero essere più diversi e appartenere a due gruppi sociali differenti. Claire e Ryan sono quasi agli antipodi: lei è la ragazza più invidiata della scuola, la capo cheerleader, quella con il ragazzo più figo della scuola e, neanche a dirlo, frequenta il gruppo "in" della scuola. Ryan, invece, è lo studente modello, con le idee chiare sul futuro e  non appartiene al gruppo "in", anzi detesta il ragazzo di Claire e i suoi amici. 
Uno dei temi più importanti e rilevanti che affronta il romanzo è il bullismo, a cui è stato dato lo giusto spazio. Daniela Volontè ha saputo raccontare la sofferenza, il disagio e l'impotenza di chi subisce questo fenomeno, diventando una vittima, ma l'ha fatto senza calcare la mano, senza rendere il tutto troppo pesante e senza far sì che togliesse spazio alla storia d'amore. 
Ryan è senza dubbio un personaggio positivo, un ribelle, direbbe qualcuno. A dispetto di tutto e tutti, non ha paura di camminare a testa alta e sfidare i componenti del gruppo "in" che dall'alto della loro arroganza passano le giornate a prendere in giro i ragazzi che reputano sfigati. Battutine, scherzi di cattivo gusto e minacce. Questo è il loro modus operandi. La risposta di Ryan non è il silenzio, nè l'indifferenza. Ryan li sfida, mostrando a loro e alle vittime che avere paura e tacere non è la soluzione. 
Ci chiamano “Chinatown” perché abbiamo tutti tratti asiatici, anche se siamo americani o di sangue misto. Sam, proprio come mio padre, è stato adottato e vive negli Stati Uniti da quando è molto piccolo. Ming invece è arrivata dalla Cina con la sua famiglia all’età di sei anni, parla bene la nostra lingua, ma la sua inflessione è ancora molto marcata. Martin al contrario è nato qui da genitori entrambi cinesi, quindi parla due lingue. Poi c’è Anthony, che è arrivato da pochi anni e fa una fatica pazzesca a comunicare, infatti spesso lo stesso gruppo di stronzi che sfotte Sam per il suo peso prende anche lui per il culo. Sono due anni che avrei voglia di picchiare quei palloni gonfiati dei giocatori di football, ma so che deluderei mio padre, perciò ogni volta stringo i pugni e mi impongo di non reagire.
Il motivo principale che spinge Ryan a ribellarsi è Sam, quello che diventerà il suo più caro amico, ragazzo sovrappeso costantemente preso di mira dal gruppo dei giocatori di football. 
Quando raggiungo gli altri al nostro tavolo, mi accorgo che Sam non è ancora arrivato. Mi guardo attorno, ma non lo vedo da nessuna parte.
«Avete visto Sam?», chiedo agli altri.
«No, però questa mattina a lezione c’era», risponde Ming.
Mi guardo di nuovo in giro e mi soffermo sul tavolo di quelle teste di cazzo dei giocatori di football. Noto subito Finch che mi sta fissando, mentre in faccia gli compare un ghigno. Ho un brutto presentimento. La sua ragazza segue la traiettoria del suo sguardo, mi vede, poi i suoi occhi si riempiono di terrore e si rigira verso il coglione. Che razza di idiota, magari è pure razzista. Spesso mi lancia un’occhiata fugace, poi sfugge in fretta alla mia vista. Ho capito che aveva paura di me, fin dalla prima volta che ci siamo incrociati.
Tuttavia qualcosa nel suo comportamento non mi torna. Sta scuotendo il braccio del suo ragazzo con molta forza, senza ottenere nulla perché lo stronzo ha gli occhi incatenati ai miei, sempre con quel maledetto ghigno stampato sul viso. Ho la sensazione che ci sia di mezzo Sam. Lascio cadere il vassoio sul tavolo, producendo un gran fragore e, senza distogliere l’attenzione da Finch, vado verso di lui che a questo punto si è anche accorto della sua fidanzatina, perché lei gli ha appena mollato un pugno sul braccio.
“Scusa papà, ma questa volta non riuscirò a trattenermi dal massacrare questo figlio di puttana”, penso, mentre serro forte i pugni, senza metterli nelle tasche.
Sam non ha la forza nè il coraggio di battersi contro il gruppo forte, non riesce a ribellarsi e subisce in maniera passiva le loro angherie, minimizzando in presenza degli altri e somatizzando il dolore. L'amicizia con Ryan nascerà dal bisogno di quest'ultimo di proteggerlo, urlando "basta!".
«Ryan Matthews, che cosa hai contro la dolcezza?» «Di per sé nulla, ma tutto ciò che è stucchevole dopo un po’ mi dà la nausea», risponde lui. «Adesso capisco molte cose». «E dimmi un po’, fidanzatina d’America, cosa avresti capito di preciso?». Quanto mi fa innervosire quando mi chiama così! «Evidentemente preferisci essere un bad boy. Ho notato come ti comporti con la tua ragazza. Non siete tipi da baci e coccole!»
Il pregiudizio, del tutto giustificato, nei confronti del gruppo cheerleader-giocatori di football, porterà Ryan a vedere in Claire la classica ragazza tutta bellezza e niente cervello che affianca il quarterback. Ma le reazioni di Claire urlano l'esatto contrario. Segnali inizialmente troppo deboli, che non arrivano a Ryan. Per lui Claire è soltanto la fidanzatina d'America: viziata, bella, iraggiungibile, insensibile. Conforme alla massa. 
«Incarni tutto quello che un ragazzo potrebbe volere» [...]
Sei stata una scoperta. Ho notato subito quanto sei bella, ma soltanto dopo aver abbattuto i pregiudizi che avevo nei tuoi confronti, ho capito che sei anche brillante, ironica e soprattutto vera»
Una serie di circostanze porteranno Claire e Ryan ad avvicinarsi e conoscersi meglio. Da soli. E finalmente Ryan scoprirà chi si nasconde dietro la cheerleader, cosa Claire ha dentro e chi è veramente. La ragazza finirà per passare dalla sua parte, allontanandosi sempre più dalla vita perfetta, patinata e glamour che ha sempre condotto. 
Qualcuno ha trovato la propria strada, altri ancora no, i più fortunati hanno trovato l’amore», guardo Claire e molti si girano per fissare la sua reazione. Lei mi regala uno dei suoi magnifici sorrisi. «Qualcuno uscirà da questa scuola con le idee ancora più confuse circa il proprio futuro, ma una cosa è certa: da domani tutti ricominceremo da capo. Nuovo college, nuovo lavoro, nuova vita. Una nuova strada che soltanto noi possiamo scegliere, perché non è più tempo di farci accompagnare per mano dalle nostre famiglie, dagli amici o dai professori. Da domani ci viene chiesto di camminare con le nostre gambe e sappiamo tutti che sarà una bella sfida. Crescere non è facile, così come non è facile scegliere di vivere la vita che abbiamo sognato. Ma c’è una verità che ci accomuna tutti, a prescindere dai nostri talenti e dal nostro carattere: abbiamo paura. Tutti, nessuno escluso. Perché il futuro è un buco nero. E allora, vi chiederete voi, come possiamo sopravvivere a tutta questa incertezza? Basta saltare nel buio e vedere cosa c’è oltre. Vedere dove ci porta la vita, perché le sorprese, quelle belle, si nascondono proprio lì, in mezzo al buio», [...]. «Anche io, qualche mese fa ho deciso di saltare, contro ogni logica e ogni parere, contro le regole e i pregiudizi. E oggi non ho più paura di quello che verrà, perché ho trovato il mio equilibrio e, finché non si spezzerà, continuerò a guardare avanti».
Insieme andranno lontano, cresceranno, impareranno tante cose. Semplicemente diventeranno adulti. Sbaglieranno, cadranno, ma poi si rialzeranno, più forti di prima e con nuove consapevolezze. 
La storia è narrata da entrambi i punti di vista, il che aiuta il lettore a entrare nei panni di Claire come in quelli di Ryan. Conoscerete Ryan, imparerete a vederlo come il ragazzo con la testa sulle spalle che è: nessuna ombra, nessun dubbio, nessun passaggio poco chiaro. È un personaggio coerente, positivo, di cui l'autrice si serve, a mio parere, per veicolare messaggi forti quanto concreti, che vanno al di là della semplice retorica. 
Ryan è legato alla sua famiglia, nei suoi pensieri c'è sempre il forte desiderio di non deludere suo padre, di renderlo fiero di lui; è legato ai suoi amici, per loro si batte come un vero combattente; è capace di amare Claire in maniera onesta e pura, scoprendo finalmente il vero amore e abbandonando la sua vita fatta di capriole tra le lenzuola e ragazze senza importanza. 
Semplicemente... è un personaggio che dovete conoscere. Innamoratevi di lui, di Claire, della loro storia capace di riportarci indietro nel tempo e di farci rivivere l'emozione, indimenticabile, delle prime volte. 






TUTTE LE TAPPE






LINK D'ACQUISTO



4 commenti:

  1. Grazie infinite per la bellissima presentazione di Ryan!

    RispondiElimina
  2. OMG...... Penso che dopo questa descrizione del personaggio maschile, questo romanzo possa rientrare nelle mie corde.
    Mi piace anche la copertina... forse inizio proprio con questo per leggere le opere della Volonte ! :D

    RispondiElimina
  3. Te le consiglio. Sono tutte stupende

    RispondiElimina