martedì 8 novembre 2016

IO E TE =AMORE, JESSICA SORENSEN. Blogtour

HELLO ANGELS! OGGI SIAMO LIETI DI OSPITARE LA TAPPA DEL BLOGTOUR DEDICATO A UNA DELLE AUTRICI ROMANCE YOUNG ADULT PIU' AMATA: STO PARLANDO DI JESSICA SORENSEN, IN USCITA IL 10 NOVEMBRE CON IL TERZO CAPITOLO DELLA SERIE STELLE CADENTI, IO E TE = AMORE.PER INCURIOSIRVI VI OFFRIAMO IN ANTEPRIMA IL PROLOGO.







TITOLO: Io e te = Amore

AUTORE: Jessica Sorensen

SERIE: Stelle cadenti series #3

EDITORE: Newton Compton

PUBBLICAZIONE: 10 novembre 2016

GENERE: Young adult

PAGINE: 288

PREZZO: € 4,99 ebook € 9,90 cartaceo 

Oggi è il primo giorno della nuova vita di Quinton Carter. Il suo passato lo ha devastato, ma Nova Reed lo ha aiutato a rimettersi in piedi. Quinton ha ricominciato a vedere il mondo attraverso gli occhi di lei, così chiari e limpidi. Nova è l’unico motivo per cui il suo cuore batte ancora dietro la terribile cicatrice che ha sul petto. Gli piacerebbe averla tra le braccia ogni minuto della giornata… ma non è ancora pronto. Nova, nel frattempo, suona la batteria in una band e passa il tempo con i suoi migliori amici, ma la verità è che le manca qualcosa. O forse qualcuno. Con Quinton parla al telefono ogni notte. Vorrebbe toccarlo, baciarlo, anche se lei per prima sa di avere bisogno di altro tempo per guarire. Una notizia improvvisa e scioccante, arrivata come un fulmine a ciel sereno, però, le fa capire di aver bisogno di Quinton come lui una volta ha avuto bisogno di lei. Quinton sarà in grado di rompere per sempre con il passato e aprirsi al cuore di Nova?

PROLOGO



Nova

28 dicembre, il giorno del funerale
Che strana sensazione prepararsi a guardare qualcuno che viene messo sottoterra, nel luogo del suo ultimo riposo. Di funerali ne ho visti abbastanza da sapere che sempre, in queste occasioni, i miei sensi si affinano, e la percezione di tutto quello che mi accade intorno si fa più intensa: il tocco del vento sulla pelle sembra più forte, il sole più accecante, l’odore delle foglie, dell’erba e della terra fresca penetrante. Come se la mia mente si protendesse nel tentativo di afferrare ogni singolo dettaglio di quegli attimi, mentre una parte di me vorrebbe solo dimenticare.
Sono davanti alla chiesa, in anticipo sull’orario stabilito, e non so davvero come spiegarmelo, se non per il fatto che non sarei riuscita a restarmene seduta in casa nemmeno un secondo di più. È per questo che sono uscita senza dire nulla a nessuno, mi sono infilata nella mia Chevy Nova rosso ciliegia, l’auto che mi ha lasciato mio padre quand’è morto, e l’ho guidata fino alla chiesa. La stessa che ha già visto svolgersi il funerale di mio padre prima e quello di Landon poi. E tra poco dovrò di nuovo dire addio a una persona che un tempo ha fatto parte della mia vita e che adesso non rivedrò mai più.
Ora che sono qui, a fissare l’edificio in pietra con la sua torre bianca puntata come un dito contro il cielo, non so bene cosa fare. Sono arrivata a un funerale con tre ore di anticipo, il che, forse, dice molto della persona che sono. La maggior parte della gente, di solito, preferisce arrivare in ritardo, per evitare il più a lungo possibile il confronto con la morte, ma è preoccupante rendersi conto di quanto per me essa sia ormai divenuta familiare.
Sono dieci minuti che me ne sto seduta in macchina, a guardare i fiocchi di neve che cadono dal cielo e ricoprono l’erba e il parabrezza di un sudario di ghiaccio, e allora decido che tanto vale girare un video. Non ho con me la telecamera sofisticata che mi ha regalato mia madre, ma anche quella del telefono funziona bene, e a essere sincera la uso molto di più, perché è più comoda per le registrazioni occasionali, che a quanto pare sono la mia specialità.
Faccio un sospiro profondo, mi appoggio allo schienale, mi punto contro la telecamera e inizio a registrare. Lo schermo è rivolto verso di me, ed ecco che subito appare la mia immagine. Ho il viso stanco. Le borse sotto gli occhi sono ben evidenti, anche se ho cercato di coprirle con il trucco, e i capelli, che non hanno voluto saperne di collaborare, sono radunati in una coda di cavallo. Indosso un vestito nero e un paio di orecchini, e il contrasto con la pelle chiara mi fa sembrare ancora più pallida.
«È incredibile come tutto può sembrare perfetto e poi, all’improvviso, non esserlo più. Quanto può dissolversi in fretta la perfezione… quant’è rara». Mi fermo, radunando i pensieri. «Ho visto moltissima morte. Probabilmente più di quanta ne abbia vista la maggior parte delle persone. Ho guardato la vita di mio padre svanire davanti ai miei occhi nel giro di pochi minuti. Ho trovato il corpo senza vita del mio ragazzo subito dopo che si era suicidato. Troppo presto. Troppo inaspettato. Entrambi. Non ho mai avuto il tempo di prepararmi, e ho pensato che fosse la sensazione più brutta del mondo. Mi sono sempre chiesta se sarebbe stato diverso se fosse successo ancora. Se, forse, dopo la terza o quarta volta non avrebbe fatto così male. Se, essendone divenuta tanto pratica, sarebbe stato più facile dire addio a qualcuno per sempre». Mi infilo dietro all’orecchio una ciocca di capelli sfuggita alla coda e mando giù il nodo che mi si è formato in gola. «E forse è davvero più facile… ma fa ancora male. Piango ancora… È sempre triste… straziante…». La voce mi viene meno, mentre le lacrime mi sgorgano dagli occhi e mi rotolano lungo le guance. «Anche ora, il solo pensiero delle cose che ho visto… avrei dovuto impedirlo, avrei dovuto fare qualcosa…». Mi si affievolisce la voce, mentre guardo il finestrino. «Ma non l’ho fatto… e ora se ne sono andati per sempre».


PRONTI A RITROVARE QUINTON E NOVA? PAZIENTATE ANCORA QUALCHE GIORNO E NON DIMENTICATE DI SEGUIRE LE ALTRE TAPPE:




Stelle cadenti series (Nova series)
#1 L'Amore verrà
#2 C'è chi dice amore
#3 Io e te= Amore



2 commenti:

  1. Di questa autrice non ho mai letto nulla.

    RispondiElimina
  2. Finalmente è uscito anche il terzo libro di questa splendida serie! Adoro la Sorensen e non vedo l'ora di iniziare a leggere anche questo, anche se prima dovrei leggere tutti gli altri libri che ho acquistato questo mese!! Grazie per aver condiviso questo post con noi!

    RispondiElimina