giovedì 27 ottobre 2016

LA GRANDE FUGA, SUSAN ELIZABETH PHILLIPS. Recensione in anteprima.

 TORNA IN ITALIA LA SERIE WYNETTE, TEXAS #7, THE GREAT ESCAPE, LA GRANDE FUGA, DI SUSAN ELISABETH PHILLIPS, GRAZIE A LEGGEREDITORE. PER VOI LA RECENSIONE IN ANTEPRIMA.



TITOLO: La grande fuga

AUTORE: Susan Elizabeth Phillips

SERIE: Wynette #7

EDITORE: Leggereditore

PAGINE: 407

PUBBLICAZIONE: 27 ottobre 2016

GENERE: Contemporary romance

Prezzo: € 14,90 cartaceo, 6,99 ebook
La madre di Lucy Jorik è tra le donne più famose al mondo. Per questo Lucy è abituata a tenere un comportamento che non metta mai in imbarazzo la sua famiglia... Almeno fino al giorno in cui la combina davvero grossa. Invece di dire "sì" all'uomo più perfetto che abbia mai conosciuto, fugge dall'altare e salta in sella a una moto sgangherata guidata da uno sconosciuto dall'aspetto rude che non potrebbe essere più estraneo alla sua esistenza privilegiata. Nella casa di lui, su un'isola dei Grandi Laghi lontana anni luce dagli agi della sua vita precedente, Lucy spera di trovare una nuova direzione e di scoprire i segreti di quell'uomo che non rivela niente di sé ma che, ne è certa, nasconde qualcosa di profondo e doloroso. Quello che sicuramente scoprirà, mentre le calde giornate estive si susseguono fra brezze profumate e tempeste improvvise, sarà una passione che potrebbe cambiare la sua vita per sempre... Una giovane donna in cerca del proprio destino e un uomo ferito, che vuole imparare di nuovo a credere nelle seconde possibilità.






Susan Elizabeth Phillips torna con un altro emozionante romanzo, uno di quelli che riesce ad operare quella magia che solo i grandi autori sono capaci di donare: aprire il libro e pagina dopo pagina, arrivare alla numero quattrocento chiedendoti dove è finita la tua nottata.


La storia è quella di Lucy Jorik, figlia modello, sorella amorevole e responsabile, donna impegnata socialmente.

Figlia adottiva del primo presidente donna degli Stati Uniti d'America è sempre stata attenta a non mettere in imbarazzo i genitori, conducendo una vita di cartone, scintillante, senza crepe e sbavature. 

La sua vita non potrebbe essere più perfetta di così. Infatti, sta per sposare l'uomo che tutte le donne sognano, il bellissimo e affascinante, campione di golf, Ted Beaudine. 

Ad un passo dal fatidico sì, le sue certezze vacillano, l'ansia la assale e le parole della sua migliore amica Meg le vorticano in testa senza darle tregua: "Non può sposare Ted". 

Fugge dalla chiesa, lasciando gli inviati a mormorare e uno stuolo di fotografi che la attendono all'uscita. Sgattaiolando dalla porta posteriore della chiesa si trova di fronte Panda, un motociclista rozzo, dall'aspetto ordinario e poco raccomandabile, ma la sua volontà sembra disgiunta dal suo corpo e in breve si ritrova ad accettare l'invito dell'uomo di saltare in sella alla sua moto, allontanandosi da quell' esistenza agiata. 


Udì il rombo di un motore. Raddrizzò la schiena. Una moto nera e argentata piuttosto malridotta entrò nel vicolo...... Lo sconosciuto aveva lunghi capelli corvini che si arricciavano oltre il colletto, freddi occhi azzurri incastonati sopra gli zigomi alti e labbra sadiche.


Schiacciata dai sensi di colpa e dalle responsabilità è decisa a fuggire lontano con Panda e a nulla valgono i goffi tentativi intimidatori di lui, per farla desistere, perchè Lucy è sicura di non voler tornare indietro tanto presto.

Dopo varie peripezie, arrivano in una baita isolata sul lago Caddo, in Lousiana, un viaggio in pieno stile on the road, tra le polverose strade secondarie al confine del Texas.

Qui Lucy ha il tempo di pensare a se stessa e al significato della sua fuga. I giorni a stretto contatto con Panda le permettono anche di scorgere una persona diversa. Dietro a quella corazza fatta di maleducazione e indelicatezza, si nasconde un uomo brillante, colto e con un passato misterioso che stuzzicano la curiosità di Lucy.

Quasi alla fine della loro convivenza, tra i due succede l'irreparabile e come se non bastasse, il mattino dopo Lucy scopre la vera identità di Panda e che il loro incontro non è poi stato una coincidenza.


Mossa da una rabbia sorda e dalla voglia di scoprire la verità, Lucy decide di cercare Panda e seguendo vari indizi giunge sull'isola di Goose Cove.
Qui comincia la seconda parte della rocambolesca fuga di Lucy e la sua trasformazione in Viper, una giovane motociclista dark, dal look eccentrico e dal linguaggio sboccato.
Sull'isola, Lucy sembra aver trovato finalmente la sua dimensione: libera, anonima e con un'infinità di tempo da dedicare a se stessa.

La sua storia si intreccerà anche con quella di altre persone, che come lei hanno un passato da cui fuggire e un futuro incerto da affrontare con timore: il piccolo Toby, un dodicenne rimasto orfano affidato alla tutela di Bree, legata a doppio filo sia con Toby che con l'isola.



E' veramente difficile parlarvi de La grande fuga e non raccontarvi troppo, ma la matassa rappresentata dal groviglio di personaggi è così imbrigliata che è un piacere lasciarvi la possibilità di sbrogliarla, una pagina dopo l'altra.

Un carosello di personalità diverse che si incontrano e si scontrano, dando origine ad una trama fitta in cui sono sapientemente dosate emozioni, tormenti, sensualità e acume.

Lucy e Panda, si scoprono giorno dopo giorno, scontro dopo scontro. Le battute al vetriolo tra i due, intelligenti e mai eccessive o volgari, non posso che sfociare nella più torbida delle passioni. Lasciarsi andare col corpo però, non significa fare lo stesso con la mente e col cuore, per quello i due protagonisti dovranno ancora scontrasi, mettersi a nudo e avere il coraggio di rischiare.

Lucy mi ha affascinata subito, con le sua fragilità e insicurezze. Eppure, nell'immensa confusione che la sconvolge è capace di fare scelte avventate ma coraggiose. La sua è la ricerca di una donna che ha perso di vista se stessa per inseguire i sogni degli altri, per ripagare l'enorme debito creato dalla gratitudine, per essere stata adotta da una famiglia così importante. Emblematica la sua lista delle cose da fare prima di morire, al contrario, che ci offre uno spaccato dei desideri e delle enormi privazioni a cui si è sottoposta Lucy negli anni, privazioni a cui si è costretta per cercare di non deludere mai le persone che la amano e le hanno donato una nuova vita ricca di agi e possibilità.


COSE DA FARE PRIMA DI MORIRE AL CONTRARIO  
Scappare di casa*   
Vestirmi come una sciattona*  
Andare a letto con chi capita  
Utilizzare la parola C ogni volta che posso* 
Ubriacarmi in pubblico 
Farmi una canna 
Attaccare briga* 
Fare scherzi telefonici* 
Andare a letto truccata* 
Nuotare nuda 
Dormire fino a tardi* 
Grattarmi, ruttare ecc.*


L'incontro, non tanto casuale con Panda, si rivela provvidenziale per entrambi, perchè insieme avranno la possibilità di scoprirsi diversi, aprendosi a una miriade di nuove possibilità insieme.
Un grande e brillante romanzo corale, all'interno del quale ogni voce ci regala il fascino di un cammino di crescita e trasformazione. Una serie di crisalidi che hanno in sè le potenzialità per trasformarsi in farfalle. Uno stile perfetto e suggestivamente descrittivo sia per quelle che sono le atmosfere interiori che per le ambientazioni esterne in cui sembra di respirare i profumi e gli odori del profondo Sud.
Sexy, irriverente, coinvolgente, in poche parole SEP!









2 commenti:

  1. Wow che bella recensione. Io sono molto curiosa di leggere questo libro perchè mi ispira molto e la tua recensione mi ha convinto ancora di più

    RispondiElimina
  2. grazie Susy, la Phillips è sempre una garanzia.

    RispondiElimina