venerdì 26 agosto 2016

TIENIMI VICINO, MEGAN HART. Recensione.




TITOLO: Tienimi vicino

AUTORE: Megan Hart


EDITORE: Harper Collins Italia


PAGINE: 331


PUBBLICAZIONE: 7 luglio


GENERE: Erotic romance 


COSTO: € 6,99 ebook - 14,90 cartaceo
Effie e Heath sono personaggi molto conosciuti, non per qualcosa che hanno fatto, ma per ciò che è successo loro quando erano piccoli. Segregati e abusati dallo stesso uomo per diversi anni, i due ragazzi hanno trovato conforto l'uno nell'altra sino a quando non sono riusciti a fuggire dalla loro prigione e l'aguzzino non è stato arrestato.

Ora sono due adulti che cercano di andare avanti con le proprie vite. Effie pensa che sia arrivato il momento di cercare di avere una relazione "normale", e Heath non è l'uomo giusto, perché il solo guardarlo in faccia è un salto in quel passato buio e angoscioso. Per questo cambia uomini nello stesso modo in cui si cambia d'abito tutti i giorni. Heath, invece, è da sempre innamorato di Effie, per lui non potrà mai esserci un'altra donna. Inoltre, è convinto che entrambi potranno andare avanti con le proprie vite solo dopo aver affrontato e sconfitto il passato che li accomuna. Una nuova crisi, però, è pronta a scagliarsi contro di loro, tanto che Effie teme che non ritroverà mai un suo equilibrio se non tornando nella casa dove la storia ha avuto inizio e Heath dovrà essere al suo fianco.



Questo libro è per i folli che a occhi sbarrati contemplano il buio della notte, che amano quando non dovrebbero; per coloro che contano le stelle e ne ricavano conforto.
Questo libro è per chi preferisce essere ossessionato e tormentato, piuttosto che venire lasciato indietro.

Tra le tante letture dark di questa estate, si ci può imbattere in una che non viene definita appartenente al genere, eppure credo che non esista nulla di più squisitamente torbido e inquietante. Una storia toccante e intensa, straziante e vera, sto parlando di Tienimi vicino di Megan Hart. 
Effie e Heath hanno condiviso un'esperienza che li ha profondamente segnati e uniti. Da adolescenti per qualche anno sono stati vittime di uno psicopatico che li ha rapiti e segregati in un seminterrato. Al buio, senza nessun genere di conforto, costretti alla fame e torturati fisicamente e psicologicamente, presto imparano che l'unico modo per sopravvivere è fare affidamento l' uno sull' altro, sostenendosi a vicenda per non soccombere all'orco spaventoso che li tiene prigionieri. 
Adesso dopo tanti anni, quell' esperienza è oramai lontana, il loro carnefice è in prigione ed Effie e Heath sembrano essere andati avanti con le loro vite. Ma un passato così ingombrante non può essere cancellato e i segni che ha lasciato sono profondamente scolpiti nelle loro anime e nelle loro abitudini.





I protagonisti vivono un rapporto di co-dipendenza all' interno del quale Effie è la parte apparentemente forte, mentre Heath subisce le decisioni schizofreniche della donna. Negli anni che seguono la loro liberazione, tra i due nasce un rapporto intenso sia sul piano fisico che su quello emotivo. Ognuno conosce così profondamente l' altro al punto che nessuna futura relazione con altri partner potrebbe raggiungere tale livello di intimità, possiamo anche affermare che si amano profondamente, ma è amore quando non ti dai la possibilità di conoscere altro? Si può definire amore, forse perchè si e conosciuto solo quello? Questi sono gli interrogativi che si pone costantemente Effie e che la spingono a rifiutare l' amore di Heath per cercarlo altrove. Una giostra fatta di continui allontanamenti e riavvicinamenti. Anni in cui Effie cerca disperatamente di costruirsi un rapporto normale lontana dal suo Heath. 



Prima, Effie pensava che Heath fosse il solo uomo che avrebbe amato, ma non aveva mai cercato di scoprire se fosse davvero così, non si era mai innamorata di qualcun altro.
Tutto quello che ciascuno aveva conosciuto, di fatto, era l'altra, ma a loro la scelta era stata imposta. Come avrebbero potuto scoprire se c'era o meno qualcosa di meglio, se lei non avesse preso quella decisione? Se non avesse provato, per il bene di entrambi?

Heath vive passivamente le decisioni di Effie, continuando a tornare ogni volta che lei ha bisogno di lui, un bisogno fisico che solo insieme sanno soddisfare pienamente. 
Nel corso della lettura sono rimasta con un perenne nodo allo stomaco, affascinata dall' evolversi degli eventi e ansiosa di comprendere l' origine di tanti comportamenti. Attraverso una trama non lineare, in cui passato e presente si alternano continuamente, abbiamo modo di addentrarci attraverso flashback, nel passato inquietante dei due ragazzi. Si ha la sensazione di osservarli all'interno di quell'antro oscuro, terrorizzati, affamati, timorosi di compiere anche solo un passo per non incorrere nelle trappole che il loro aguzzino ha lasciato loro sul pavimento impedirne la fuga.





Heath ed Effie hanno instaurato un rapporto morboso, in continua collusione, eppure solo insieme sembrano trovare la loro reale dimensione. Allo stesso modo di Heath, sono stata spettatrice passiva delle decisioni prese da Effie, che si è trasformata in una donna problematica, traboccante di sentimenti che non riesce ad esprimere in alcun modo. Certo, per una persona come lei non e facile trovare una persona che le stia accanto per la vita, ma la verità è che la sua mi è sembrata una finta ricerca, un modo per annullare in altri corpi il passato e l' esperienza traumatica che ha vissuto, senza mai avere la reale volontà di aprirsi ad un' altra persona.


Era questo il punto nodale dell'amore; quando amavi qualcuno, volevi dargli tutto il possibile. Volevi il meglio per lui, a qualunque costo. Volevi vederlo superare tutto quello che era orribile e doloroso, andare oltre qualunque cosa potesse ferirlo. Effie non sarebbe mai stata capace di farlo per Heath, né lui per lei.Sarebbero stati per sempre il reciproco memento delle cose che Effie avrebbe voluto che entrambi dimenticassero.


Le loro personalità sono clinicamente affascinanti, se amate questo tipo di taglio nella trama. Heath anche prima del rapimento era una persona fragile, invisibile alle persone che ama e anche Effie non coscientemente sembra perpetrare questo schema. Lo ama, ma lo allontana, apprezza il suo modo di prendersi cura di lei, eppure cerca una relazione seria altrove. Effie, inoltre, ha sviluppato una condotta alimentare di tipo anoressizzante. Seziona il cibo e non ingerisce alimenti che vengono in contatto tra loro, ma lascio a voi il piacere di analizzarne il motivo.
In questo continuo tira e molla emozionale, non mancano le sorprese, come un grande puzzle i cui pezzi sono disseminati dall'autrice lungo tutta la narrazione.

Devi solo farti amare.»
«Non credo di potere...» Piccolo. Tesoro. Amore mio. Fratello. Irrigidendosi contro il vorace crescendo di sofferenza che la minacciava, gli volse le spalle.
«Però, Effie» disse Heath, freddo come il ghiaccio, freddo come il vuoto, così freddo da bruciare più di qualunque fiamma. «Non sai che non volere e non potere non sono affatto la stessa cosa?»

Ci sono stati attimi in cui ho odiato Effie, ma poi l' ho compresa per quella che è, una ragazza fragile che si è vista rubare l' adolescenza e adesso a dispetto di tutto insegue con tenacia la il suo potere di scegliere come donna libera, quella scelta che le è stata negata in passato. Purtroppo Heath le ricorda costantemente quello che è stato, tutte le possibilità che non ha avuto e che avrebbe potuto avere e dovrà ridiscendere nuovamente negli inferi per fare i conti con se stessa, prendendo consapevolezza del fatto che l'esperienza che ha vissuto ha fatto di lei la persona che è adesso.
Una storia da non perdere, da un'autrice che non finisce mai di emozionarmi.










2 commenti:

  1. Awww, che bella recensione *-* non vedo l'ora di leggerlo!!!

    RispondiElimina
  2. Stupenda la tua recensione ❤
    Non conoscevo questo libro... la trama è molto interessante... inutlle dire che i temi trattati sono molto forti :(
    Mi è venuta voglia di leggere questa storia, la storia di questi due ragazzi tanto fragili :(
    I pareri che ho letto in giro, sono tutti positivi... non mi resta che leggerlo allora... ❤
    Grazie per le belle emozioni che con la tua recensione sei riuscita a trasmettermi ❤

    RispondiElimina