mercoledì 10 agosto 2016

LA NOSTRA STORIA SEGRETA, LESLEY JONES. Recensione in anteprima.


TITOLO: La nostra storia segreta

AUTORE: Lesley Jones

SERIE: Carnage #1

EDITORE: Newton Compton

PAGINE: 416

PUBBLICAZIONE: 12 agosto 2016 

GENERE: Contemporary romance

COSTO: € 4,99 ebook

Lo amo da quando avevo undici anni e l’ho incontrato per la prima volta. Lo amo e niente potrà farmi cambiare idea, io sono sua, il mio cuore è suo e il mio corpo è suo e non importa quante bugie vengano dette, quante persone complottino per separarci, nonostante la notorietà e la distanza, troveremo un modo.
“Georgia Rae, when we made love you used to cry…”. Lui aspetta che io canti la mia parte del brano dei Dire Straits. Trattengo invano un singhiozzo e canto: “I said I love you like the stars above, I’ll love you till I die”.
La nostra storia segreta è un’audace storia d’amore che rompe tutte le regole e va al di là del tempo. La storia di Georgia e Sean resterà con voi per molto tempo dopo aver letto l’ultima pagina. Una lettura emozionante e bollente.



- LA RECENSIONE NON CONTIENE SPOILER -


Certi libri sono difficili da raccontare, analizzare, sviscerare. Perchè riportano a galla e rendono vive sensazioni ed emozioni difficili da tenere a bada e controllare. Perchè mettono sotto sopra il mondo per giorni, sconvolgendo, travolgendo e anche facendo male. Difficile raccontare un'emozione, qualcosa di forte che ha stritolato il cuore e fatto bruciare lo stomaco. Le parole sembrano non essere abbastanza, non essere sufficienti e non essere adatte. Non fino in fondo.
Mi piacerebbe scrivere "leggetelo. Lo dovete leggere". Punto. Nient'altro. Perchè ho paura che raccontarvi qualcosa non renderebbe giustizia alla storia e a ciò che ho provato.
Prima ancora di arrivare in Italia, La nostra storia segreta è stato uno dei libri più chiacchierati degli ultimi tempi. Ne ho sentite tante, ho sentito davvero di tutto, forse troppo. Ho capito dal primo istante che questo libro andava letto e conosciuto senza alcun tipo di influenza, consiglio, pregiudizio, spoiler. Mi ci sono approcciata senza avere la minima idea di ciò a cui sarei andata incontro. L'effetto sorpresa, per una volta, era ciò che più desideravo. E mi ha tramortito dalle prime pagine, perchè il racconto è intenso, profondo, pieno di cuore, amore e passione.
A undici anni la vita è spensieratezza, allegria, inconsapevolezza. Per Georgia Rae no. Le è bastato uno sguardo per vedere il mondo da una prospettiva diversa. Uno sguardo a Sean, amico di uno dei suoi fratelli, per capire che l'avrebbe amato per sempre. Non il per sempre dei bambini, quello delle favole; il vero per sempre. Sarebbero passati gli anni, passati gli amici, vissute le esperienze, ma Georgia e Sean non si sarebbero mai allontanati.
E questo è bastato anche a me per innamorarmi dei protagonisti e della loro storia già dopo poche pagine. L'idea di un amore esclusivo, pieno di ostacoli, che continua a stare in piedi solo grazie a loro perchè ci credono, perchè ci hanno sempre creduto, nonostante tutto e tutti, per me è magia.
Sean e Georgia insieme sono magia, sanno che niente potrà intaccare ciò che provano l'uno per l'altra, nè i fratelli maggiori di Georgia che la tengono d'occhio, nè un padre geloso.
Georgia appartiene a Sean, e Sean appartiene a Georgia. È scritto nelle stelle. È scritto nel destino ma, soprattutto, è scritto nei loro cuori.
Non se lo sono ancora detto, ma Sean sa di essere il suo ragazzo e che nessun altro deve avvicinarsi a lei. Georgia è sua, la proteggerà sempre e si prenderà sempre cura di lei.
Cresceranno insieme, stando uno accanto all'altra nei momenti più belli, quelli che non si dimenticano per il resto della vita e Sean avrà il privilegio di essere tutte le prime volte di Georgia. La prima cotta, il primo amore, il primo bacio, la prima volta e... la prima vera, grande, delusione.




Sean fa parte dei Carnage, una band che ha messo su insieme ad altri ragazzi tra cui Marley, fratello di Georgia. Agli inizi, quando erano solo dei ragazzini che strimpellavano e giocavano a fare musica, non avrebbero mai pensato di poter arrivare così in alto e raggiungere le vette del successo. E ciò avviene negli anni, mentre Georgia e Sean, e la loro storia, continuano a viaggiare sullo stesso binario.
Il successo, però, ha un prezzo. Sempre.
Nel caso dei Carnage è rappresentato da soddisfazione, felicità e incredulità per avercela fatta, ma anche donne, alcol e droghe. Il confine di ciò che è giusto e sbagliato si fa sempre più labile per i membri della band, soprattutto per Sean e Marley che si lasciano andare troppo facilmente. Ecstasy, cocaina, fan disposte a tutto per portarsi a letto uno dei Carnage. Ma Sean sa di avere qualcosa di troppo prezioso tra le mani che non può rovinare per una bravata o una notte folle. A casa, ad aspettarlo, c'è la sua Gia, ancora troppo piccola per seguirlo in tournee e impegnata negli studi.

Era nato per questo. Sembrava una vera star lassù, ed era mio da quando avevo undici anni. Lo amavo oltre misura.
Era amore.
Quello che provavamo era amore.
Amore vero, da adulti.

Da qui cominceranno le vere difficoltà: Sean e Gia si allontaneranno sempre più, i binari su cui correrà la loro vita saranno paralleli, destinati a non incontrarsi. Sean è in giro per il mondo a godersi il successo, riconosciuto ovunque come la rock star del momento. Georgia è a casa a vivere la sua adolescenza e a soffrire della distanza dal suo amore. Un giorno Sean le metterà un anello al dito, la sposerà e faranno tanti bambini: gliel'ha promesso. E quindi Gia aspetta, aspetta... e si fida. Finché la situazione non precipita e Sean finisce in un mare di guai - in parte è l'unico colpevole, nessuno mi farà cambiare idea su questo! -.

Mi strinse ancora più forte. «Ti amerò sempre, G. Ovunque andrò. Qualunque cosa starò facendo, sarò sempre tuo. Sarò tuo finché mi vorrai e finché andrà bene per te».
«Che significa finché andrà bene per me? Che significa?».
In quel momento sembrai isterica.
Perché dice una cosa del genere?

Seguiranno degli anni molto duri per Georgia, in cui ho sofferto con lei, sempre al suo fianco. Il suo dolore era il mio, la sua disperazione prendeva vita staccandosi dalle pagine e avvolgendomi come un manto nero e pesante. Da qui in poi ho cominciato a soffrire fisicamente, lo stomaco spaccato in due e il cuore che mi faceva male. Credevo fosse impossibile il suo ritorno alla vita, era spenta, come morta dentro, e io mi sentivo esattamente come lei. Poi è arrivato lui... Cam. E il mondo di Georgia è tornato, lentamente e con fatica, a girare di nuovo. A piccoli passi, tra le lacrime, la sofferenza e i brandelli di cuore sparsi qua e là, è tornata a sorridere. Impossibile dimenticare Sean e quell'amore folle, immenso, eterno che ancora prova. Basta una parola, un nome, per farla finire nuovamente nel baratro. Ma Cam, anche lui un'anima ferita, si prenderà cura di lei ammaliandola, seducendola e donandole il conforto e il calore di cui ha bisogno. Pian piano qualche coccio tornerà a posto, non tutti, quello non avverrà mai. Il segno che Sean ha lasciato in Georgia è troppo profondo e grande.
E proprio quando la ragazza, a soli vent'anni ma con un passato ricco di esperienze, starà cominciando a vedere la luce in fondo al tunnel, Sean ripiomberà nella sua vita con la forza di un uragano.

«Dovresti apprezzare il fatto che io sia il tipo da una donna sola, e che ami la mia ragazza. La amo dal primo giorno che l’ho vista, quando lei era solo una bambina. Ma in questi anni ho avuto il piacere di vederla crescere, e trasformarsi in una donna bellissima, e per quanto ami fare concerti e suonare davanti a voi stasera, conto i giorni che mi separano dal riabbracciarla in Inghilterra».
Si levò un coro di fischi.
«Questa canzone… è per tutti coloro a cui manca la persona amata. Per quelli che, per qualunque ragione, non possono stare con la persona che più amano al mondo. Questa canzone è per la mia ragazza, Gia. Ti amo, piccola».

Gli effetti di questa storia su di me sono stati devastanti, nel vero senso della parola. La narrazione è incalzante, non lascia spazio ai dubbi: questo amore non sarà fatto di rose e fiori. Ci saranno prove e ostacoli da superare, a volte insormontabili. E costerà dolore, tanto sacrificio, tanto sentimento. 
L'autrice ci porta con sè in questo racconto della vita di Georgia, ambientato negli anni '80 e '90 in una Londra che vive di eccessi. Accompagneremo Georgia nella sua crescita, nei momenti fondamentali della sua vita e impareremo a conoscerla, anche senza riuscire a comprendere ogni suo comportamento/scelta. O almeno questo è quello che è successo a me.
Ci sono stati momenti in cui ho urlato: "Ma cosa fai? Cosa stai facendo, Georgia?". E non avevo le risposte. Non le ho trovate neanche andando avanti con la lettura. Non sono stata indulgente con lei, non sono riuscita a tenere conto della sua giovane età e degli errori che si possono commettere per ingenuità e mancanza di esperienza. Ai miei occhi Georgia è sempre stata una donna e ha commesso errori imperdonabili.
Ho tanto amato il Sean ragazzino quanto detestato il Sean rock star all'apice del successo. Di sicuro mi è parso uno dei personaggi più immaturi dell'intero libro, secondo solo a Marley. Questi due insieme sono un disastro che di peggio non ce n'è. Sono giovani, qualcuno dirà che è comprensibile che non abbiano retto il peso del successo e di ciò che gli è piombato addosso. Io, invece, non sono riuscita a perdonare i loro errori e questo, in parte, è dovuto anche al fatto che l'autrice abbia scelto di far riavvicinare Sean e Georgia senza dedicare spazio al loro confronto; un confronto di cui io, da lettore, avevo bisogno più di ogni altra cosa per capire, comprendere, perdonare, andare avanti.
In questo preciso punto del libro è mancato qualcosa, il riavvicinamento è avvenuto in maniera troppo sbrigativa e non mi ha permesso di redimere Sean. Ho continuato a guardarlo con astio e a non fidarmi, nonostante sia un personaggio che si fa amare per le belle parole e le dichiarazioni romantiche da batticuore.
Tutto questo mi ha portato a preferire Cam, che è l'esatto opposto di Sean. Diverse sono le loro esperienze di vita, il loro background e, soprattutto, diverso è il modo in cui si rapportano a Georgia.
Sean è un ragazzo giovane, ha solo due anni più di Georgia, e con lei ha vissuto il primo amore. Quell'amore che fa sognare, fare pazzie, credere che durerà per sempre. Ma che fa anche sbagliare... tanto, spesso.
Cam, al contrario, è un uomo maturo, sulla trentina, che ha avuto esperienze di vita dolorose che l'hanno fatto crescere di colpo. Per Georgia rappresenta l'amore maturo, quello che nasce e cresce in maniera graduale, naturale, senza forzature.
Sean è il cuore, l'irrazionalità, la speranza del per sempre. Cam è la mente, la razionalità, l'unica persona di rimettere ogni tassello al posto giusto.
E, mi costa ammetterlo, non sempre seguire il proprio cuore è la scelta più giusta, facile, comoda.




La nostra storia segreta è un libro che si può amare o odiare. Io l'ho amato per le emozioni intense, stravolgenti e potenti che mi ha trasmesso. Ho passato un giorno intero incollata al Kindle, a vivere insieme a Georgia e Sean, spesso il confine tra realtà e romanzo si faceva labile tanto era il coinvolgimento. Non c'è nient'altro che io possa raccontarvi, dovete vivere questa storia dura, cruda, questo vortice di emozioni pazzesche e... dovete farvi spezzare il cuore. Succede a tutti, ai più fortunati una sola volta nella vita, a noi lettori, che cerchiamo sempre emozioni nuove, coinvolgimento maggiore e che desideriamo entrare nelle storie per vivere insieme ai protagonisti, succede tante, tante volte.
Leggetelo, ragazze. Per amare e vivere intensamente non sempre si ha bisogno del lieto fine. Soffrirete, ma va bene così. Ne vale la pena. Devo ancora scendere a patti con l'epilogo che l'autrice ci ha regalato. Devo ancora farmene una ragione, o forse non succederà mai (Lesley, perchè? Perchè?! Me lo dirai?). L'eco della storia di Georgia e Sean è ancora forte e vivo dentro me, e qualcosa mi dice che non andrà via così facilmente.





Qui la presentazione della serie Carnage 




Nessun commento:

Posta un commento