lunedì 25 luglio 2016

THE HEARTLOVERS, VALENTINA FACCHINI. Recensione.


TITOLO: The heartlovers

AUTORE: Valentina Facchini

SERIE: NoFuture #1

EDITORE: Self publishing

PAGINE: 211

PUBBLICAZIONE: 12 luglio 2016 

GENERE: New adult

PREZZO: € 2,99 ebook

Lily Parker è una popstar mondiale. Ha tutto quello che potrebbe desiderare: una serie tv di successo, la fama, un fidanzato. Nonostante questo, non è felice e decide di mollare tutto. Lasciandosi la vita di Hollywood alle spalle, diventa Chloe Harris, una studentessa al college. Tutto fila liscio fino a quando nella sua vita non irrompe Jake, membro di una band che sta per sfondare, a cui inizia a donare il suo cuore. L’amore però è imprevedibile e quando anche un ragazzo dagli occhi verdi e dal sorriso misterioso le farà accelerare i battiti, nulla sarà più come prima. Lily scoprirà presto che dal passato non si può fuggire, perché è sempre dietro l’angolo a ricordarti chi sei veramente. Dovrà ancora una volta compiere delle scelte per non distruggere nuovamente il suo cuore.






E se scappasse lasciandosi tutto alle spalle? Se dimenticasse di essere Lily Parker, la star di un canale televisivo adorata dalle ragazzine di tutto il mondo? Se cambiasse vita, città, nome e aspetto per diventare una anonima studentessa del college? Basterà un istante a Lily per capire che non ha altra strada per salvarsi. Ricominciare, lasciarsi la mondanità e la vita sregolata che conduce alle spalle è la scelta più giusta. Ne ha abbastanza di feste, interviste, vita patinata e dipendenze da alcol e droga.
Ricominciare davvero, da zero, è il suo unico obiettivo. Così dice addio alla vita da star per diventare Chloe Harris, una ragazza profondamente diversa, non solo nell'aspetto, da Lily.
All'inizio del secondo anno del college deciderà di dividere la stanza con un'altra ragazza, Mellory, che ha un fratello decisamente troppo sexy per passare inosservato. Jake si dimostrerà da subito ben contento di aiutarla con le valigie e, si sa, da cosa nasce cosa. Sorriso biricchino, sguardo ammiccante, e Chloe cadrà nella sua trappola. I due cominceranno a conoscersi e frequentarsi, tanto da decidere di stare insieme. Il tutto avverrà in maniera naturale, senza alcuna forzatura, come se fosse stato scritto nel destino che Chloe e Jake fossero fatti l'uno per l'altra.
Jake è tutto ciò che Lily non avrebbe mai sperato di trovare. Le fa battere il cuore e provare emozioni che ormai non credeva più potessero esistere. Dopo l'esperienza traumatica con Mark, il suo ex fidanzato e agente, Lily voleva dimenticare l'amore. Aveva creduto davvero a quell'uomo maturo e così affabile, quando aveva solo sedici anni e lui l'aveva sedotta e conquistata. Prima c'era stato il sesso, poi la cocaina, e poi era finita per essere un burattino tra le sue mani perdendo ogni potere decisionale sulla sua vita.
Jake è il batterista di una band, i NoFuture, e con la sua dolcezza farà capitolare Chloe facendole aprire nuovamente le porte del suo cuore. Lui sembra il ragazzo perfetto, anzi lo è. Lo è davvero. Forse, però, è troppo perfetto. Avete presente il classico bravo ragazzo, quello che razionalmente ogni ragazza vorrebbe avere al suo fianco? Porta, senza ombra di dubbio, il nome di Jake. E pensate che una ragazza possa essere felice a lungo con un ragazzo così perfetto, dolce, tranquillo, fedele? Ovviamente no. La nuova vita di Chloe e il suo rapporto con Jake saranno minati dall'incontro con Liam, il chitarrista della band. Occhi verdi, aria di chi sa il fatto suo e tanta sfacciataggine. Un solo sguardo ed entrambi saranno persi. Irrimediabilmente.
Impossibile tornare indietro, impossibile fingere che quello sguardo non sia entrato nell'anima di entrambi. Chloe non smetterà di pensare a quel ragazzo, soprattutto dopo aver scoperto che Liam è il migliore amico di Jake, oltre che un componente della sua band. Liam non riuscirà a togliersi quella ragazza dalla testa neanche dopo aver capito quanto il suo amico ne sia innamorato.




Lana del Rey cantava una canzone struggente, chiedendo al compagno se l’avrebbe amata anche quando non sarebbe stata più giovane e bella. Io volevo quell’amore lì, volevo essere vista veramente, non volevo essere qualcosa da sfoggiare, volevo qualcuno che si innamorasse di me per quella che ero. In fondo, l’amore non chiede cambiamenti, né grandi stravolgimenti, chiede soltanto di donarti incondizionatamente. Io volevo donarmi a qualcuno, volevo innamorarmi.  

Quando ho capito che l'intero romanzo avrebbe giocato sul "triangolo" amoroso tra Chloe, Jake e Liam ho cominciato a fremere e sostanzialmente per due motivi. Innanzitutto perché ho conosciuto Valentina Facchini nel 2004 grazie al suo romanzo d'esordio, Storia di noi due, innamorandomi perdutamente della storia e dei tre protagonisti. Il secondo motivo è che amo, adoro follemente i triangoli amorosi, di quelli che non hanno niente a che vedere con l'eros e il sesso. Non sto parlando di ménage à trois o sesso di gruppo, ma di una protagonista che si ritrova innamorata di due ragazzi, magari anche amici, e proprio non sa scegliere. Queste storie mi fanno perdere la testa, a patto che la protagonista sia capace di non darmi l'impressione di voler tenere il piede in due scarpe in maniera sleale con la scusa dell'indecisione, approfittandosi intanto dei due ragazzi e giocando con i loro sentimenti.
Detto ciò, vi chiederete che tipo di protagonista sia Chloe e se sia riuscita a conquistarmi o se io l'abbia odiata. Vi dico subito che ci sono stati momenti in cui ho compreso le sue scelte, i suoi drammi e le sue indecisioni. Sono riuscita a tenere sempre presente che la ragazza, nel suo passato, ne aveva vissute di cotte e di crude, esperienze non facili da lasciarsi alle spalle e questo inevitabilmente l'ha segnata. Ho tenuto conto delle attenuanti, dello stato d'animo di Chloe in ogni momento e sono stata sempre ben predisposta nei suoi confronti. Ma mentirei se vi dicessi che non ci sono stati momenti in cui mi sono chiesta: "Coooooooooosa?", con tanto di occhi sbarrati. A volte mi è sembrata troppo ingenua, superficiale nel dare un nome ai suoi sentimenti e poco attenta ai suoi desideri. Una ragazza che fa fatica a scegliere chi due ragazzi voglia perché, fondamentalmente, non lo sa. Dice di essere innamorata di Jake, ma in realtà ama Liam. In altri momenti dice che sta per innamorarsi di Jake, mentre ama già Liam. Quello che mi è stato chiaro fin dall'inizio è che Jake è il ragazzo che avrebbe voluto amare con tutta se stessa, anche spegnendo il cuore e ascoltando solo la razionalità. Jake è conforto, sicurezza, serenità. Liam è un ragazzo problematico, anche lui ha un passato alle spalle non felice e il carico che porta è forse anche più pesante di quello di Chloe. Sempre incline a cedere alle tentazioni, al sesso, all'alcol e alla droga, Liam è tutto ciò da cui la ragazza dovrebbe tenersi lontana, eppure al fascino del bad boy no, non si resiste.




Jake è il ragazzo di cui per l'intero romanzo Chloe sta per innamorarsi - ma quel momento, al di là delle parole che la ragazza pronuncia e di ciò che dice e crede di provare, io credo non arrivi mai. Liam è, invece, il ragazzo di cui Chloe è innamorata. Con lui non c'è stato bisogno di tempo, risposte, riflessioni. Chloe l'ha amato dal primo istante e, sempre dal primo istante, ha saputo di amarlo.
Sono stata folgorata da Liam e dai suoi modi di fare anche se non posso dirmi soddisfatta di questo personaggio al cento per cento. Avrei voluto saperne di più sul suo passato, su cosa lo abbia portato a condurre una vita sregolata e il perché di alcune scelte.

Jake mi fece sistemare in braccio a lui, con il risultato che la mia gonna salì ancora di più e io sentii immediatamente gli occhi di Liam addosso. Una ragazza perbene avrebbe tentato di abbassare il tessuto e coprirsi, ma io, quella sera, non mi sentivo per niente così. Ritornai in me solo quando sentii le mani di Jake sulla schiena. Sentivo il mio cuore diviso a metà: da una parte avevo Liam che non mi toccava ma lo sentivo ovunque sulla mia pelle; dall’altra avevo Jake che aveva le sue mani su di me, a cui avevo iniziato a donare il mio cuore. Mi sentivo come in un labirinto. Ormai ero dentro ma non sapevo quale fosse il percorso giusto per arrivare all’uscita e, soprattutto, non sapevo ancora chi avrei voluto trovare all’uscita. A prendere le mie decisioni era il mio disperato bisogno di essere amata.

La storia è stata imbastita e strutturata bene, di tanto in tanto qualcosa è sfuggito al controllo dell'autrice. Probabilmente una rilettura accurata avrebbe messo in evidenza i punti confusi e meno chiari, soprattutto per quanto riguarda Chloe e ciò che prova. Lo stile è semplice, scorrevole e povero di descrizioni che potrebbero distogliere l'attenzione dai protagonisti. Il ritmo è serrato, tutto gira intorno a Chloe, Jake e Liam, non c'è spazio per nient'altro se non le loro storie personali e le dinamiche/intrecci amorosi a cui daranno vita.
Ciò che manca è un attimo di respiro, qualche momento durante la lettura da dedicare al "riprendere fiato". L'impressione è che l'autrice abbia messo la quinta per poi procedere a tutta velocità fino all'ultima pagina, senza mai diminuire velocità. Sicuramente con qualche approfondimento maggiore, qualche momento di riflessione più profonda sui personaggi avrebbe giovato alla storia.
Se lo consiglio? Senza alcun dubbio sì. Vi è arrivata la foga con cui ho divorato pagina dopo pagina? Vi è arrivato il mio tifo da stadio per "lui" (non vi dirò il nome!!!)? Mi avete vista saltellare ed entusiasmarmi per questo triangolo sofferto? Se amate le storie d'amore a tema musicale, i triangoli sofferti, emotivi, sentimentali e i protagonisti giovani dal passato difficile, questo è il libro che fa per voi.


 CONTENUTO
FORMA








Nessun commento:

Posta un commento