lunedì 4 luglio 2016

SHEER LOVE, ELLIE MCLAREN. Recensione.


TITOLO: Sheer love

AUTORE: Ellie McLaren

EDITORE: Self publishing

PAGINE: 155

PUBBLICAZIONE: 11 giugno 2016 

GENERE: Erotic romance

COSTO: € 0,99 ebook

L'amore ha il colore dell'inchiostro dei suoi tatuaggi, l'amore è puro come la sua pelle color cioccolato... 

Ariel non dimostra la sua età e sembra solo una ragazzina senza curve ed esperienza, studia medicina e vive a Jacksonville con la sua rumorosa famiglia, la quale non fa altro che prenderla in giro per la sua prima cotta, per quella sbandata presa per lui... il ragazzo che abitava al piano di sopra. 
Nick è troppo preso dal suo lavoro con i tatuaggi, da Nina, la segretaria con cui fa sesso regolarmente e che lo tiene in pugno, da tutte le donne che conosce in chat e non ha mai scopato con una brasiliana.

Cosa succede se qualcuno ti spinge tra le braccia dell'uomo che hai sempre sognato e quell'uomo vuole da te solo sesso? E se l'unica donna che vorresti portarti a letto, fosse poi la stessa che potrebbe cambiarti?

Stuzzicarsi e urlarsi contro, toccarsi tra i gemiti di piacere e guardarsi negli occhi per leggere solo bugie, rincorrersi e poi mettere le distanze, assecondare voglie, istinti e perversioni solo per scoprire che poi, forse, giocando a fare sesso ci si può innamorare davvero. 




“Lavoro. Sesso. Lavoro. Sesso. Questo è l’abbinamento perfetto per vivere, anzi, per sopravvivere. E se il lavoro e il sesso si mescolano? Ancora meglio”.

Ecco riassunto in una frase il senso della vita per Nicholas Peiton, proprietario del Nick’s tatoo, bello e tatuato, che non ha amiche femmine e che non esce mai con le donne,  se poi il sesso è a portata di mano, come con Nina la sua assistente formosa e piena di piercing, diventa perfino tutto più facile.
Eppure anche il peggiore dei donnaioli  può cambiare a causa di una donna, bhè in questo caso  una donna un po’ bambina, ma si sa al cuor non si comanda…
Ariel Rodriguez, al contrario di Nicholas, è una brava ragazza di origini brasiliane, studentessa di medicina, timida nei confronti del sesso, di sani principi e perdutamente innamorata di Nick fin dal tempo delle superiori. La nostra “Sirenetta”, così la deridono in famiglia, è lontana anni luce dalla tipologia di donna che piace al bel tatuato, sente di non avere speranze con lui per via del suo corpo magro e del seno piatto, inoltre non ha piercing e non ha tatuaggi.
D’altra parte però Ariel sa quello che vuole dalla vita, ha degli obiettivi e con la sua ironia mi ha strappato più di un sorriso durante la lettura del libro. Grazie all’incoraggiamento della cugina Grace, una tipa spiritosa e smaliziata, decide finalmente di presentarsi a Nick e di provare a conquistarlo con la scusa di farsi un tatuaggio. Da questo momento in poi Nick si ritrova a pensarla involontariamente e a considerarla in modo diverso rispetto a tutte le altre donne avute in passato.


In pista ci sono alcune ragazze che ballano in gruppo. Ridono e scherzano come se quella fosse una rimpatriata, una sola uscita tra donne e punto subito la biondina. Sì, ho bisogno di trovarne una che sia l’esatto opposto di quella che mi sono scopato un po’ troppo abitualmente nell’ultimo periodo. E ho deciso. È lei, è la bionda che stasera mi farà perdere la testa. Punto i miei occhi su di lei e aspetto che lei si volti, che cominci a sentirsi osservata e succede abbastanza in fretta anche se non è lei ad accorgersene. Una sua amica sembra capire tutto, le parla in un orecchio e insieme ridono, poi la bionda si volta ed è carina, con i capelli lisci spaghetto che già immagino stretti tra le mani mentre la scopo standole alle spalle.
Sorrido. Faccio il mio solito sorriso che trasmette tranquillità alle donne, lo stesso sorriso che forse questa mattina ha spaventato Ariel. Ariel? Che cazzo c’entra Ariel adesso? Scaccio via il pensiero e guardo la biondina che va verso i bagni del discopub dove sembra voler consumare di sicuro una scopata senza impegno.

Detto tra noi dopo che ho letto questa frase avrei voluto prenderlo a calci. Non essendo un fan del bon ton Nick più di una volta mi ha fatto arrabbiare per la sua mancanza di sensibilità verso il genere femminile, ma alla fine è talmente spontaneo che l’ho perdonato volentieri.




La  storia prosegue in una serie di incontri-scontri tra i due protagonisti, alcuni divertenti nei quali lui fa di tutto per sedurla, mentre lei lo respinge malamente per via della sua promiscuità.
Nell’insieme il libro si legge molto velocemente, le scene di sesso che si avvicendano tra i due protagonisti tuttavia mancano di quella languida sensualità che il ruolo di Nick richiederebbe, per intenderci rimane sempre troppo "rozzo" per i miei gusti. Avrei preferito che l'autrice avesse conferito maggiore spessore emotivo al personaggio maschile. Forse ciò è da imputare alla brevità del romanzo che meritava di essere approfondito soprattutto dal punto di vista maschile che non è riuscito a coinvolgermi completamente.
Ciò nonostante ho trovato molto dolce la dichiarazione d’amore di Nick verso Ariel, immancabile in un lieto fine:


«Ma lei non mi manca. Ha smesso di mancarmi parecchio tempo fa. Chi mi manca, ora, sei tu, anche se sei qui davanti a me. Mi manchi», vedo che abbassa lo sguardo e sorride, così decido di avvicinarmi e sollevarle il viso con l’indice «Sheer love» le dico mentre le accarezzo piano il viso. «Tu sei il mio amore puro e sei qui».
La tiro a me e l’abbraccio, la stringo forte e lei scoppia a piangere con i singhiozzi.
«Non è vero» balbetta e io le bacio il collo, le bacio la guancia, poi il naso e la fronte, la bacio tra i capelli ricci che profumano di lei.
«Certo che è vero e ti prego, credimi».



Complessivamente, care amiche, se avete bisogno di passare qualche ora in completo relax senza impegnarvi troppo emotivamente, magari al mare spalmate al sole, vi consiglio questo libro.


Daniela



DELLA STESSA AUTRICE

Perfetto per me
Il gusto proibito dell'@more






Nessun commento:

Posta un commento