mercoledì 13 luglio 2016

OLTRE LE LEGGI DELL'ATTRAZIONE, JAY CROWNOVER. Recensione in anteprima.


IL ROMANZO CHE HA SCANDALIZZATO L'AMERICA. DALL'AUTRICE DI OLTRE LE REGOLE BESTSELLER IN ITALIA.


TITOLO: Oltre le leggi dell'attrazione

AUTORE: Jay Crownover

SERIE: The Tattoo series #6

EDITORE: Newton Compton

PAGINE: 320

PUBBLICAZIONE: 14 luglio 2016 

GENERE: New adult 

COSTO: € 4,99


Quando ricomincia una nuova vita a Denver, Asa Cross deve scegliere: essere l’uomo che tutti si aspettano che sia o l’uomo che realmente è. Asa è consapevole che non potrà mai cambiare la sua natura di predatore, ma non vuole fare del male alle persone che ama e che si affidano a lui. In particolare non vuole deludere una poliziotta molto sensuale che pare interessata più a lui che al fatto che abbia infranto la legge… Royal Hastings ha rapidamente imparato il vero significato dell’espressione “toccare il fondo”, da quando una tragica situazione al lavoro minaccia non solo la sua carriera ma anche la vita del suo migliore amico e collega. Mentre cerca di rimettersi in piedi, però, non riesce a smettere di pensare al barista sexy che tempo prima ha arrestato. Una persona come lui è l’ultima cosa di cui avrebbe bisogno, ma resistergli è impossibile. Una coppia formata da un criminale di lunga data e una poliziotta sembra la cosa più sbagliata… ma per Asa e Royal, sbagliare insieme è l’unica scelta giusta…




Asa non è sempre stato un bravo ragazzo e il suo burrascoso passato ne è la testimonianza. Dopo aver messo in pericolo la vita della sorella Ayden e aver rischiato la vita, decide di chiudere con il tipo di vita che conduce. Entrare e uscire in continuazione dal carcere è una cosa che non lo diverte più e il passato e tutto il dolore che ha causato alla sorella, continuano a perseguitarlo. È  convinto che pur avendo cambiato stile di vita, rimarrà sempre un criminale, che per lui non possa esserci redenzione e che non merita di essere felice. Pertanto, quando si rende conto che Royal è interessata a lui, fa di tutto per tenerla a distanza. Il fatto che lei sia una poliziotta lo condizionerà molto, perchè non vuole coinvolgerla nella sua vita che sembra essere una calamita per i guai. Oltre a questo il suo passato burrascoso inoltre rischierebbe di compromettere la sua carriera. 

Royal però, non è della stessa opinione. È una donna che sa quello che vuole, si è messa in testa di volerlo e farà di tutto per farlo cadere nella sua trappola.
 


«Non lo so. Ultimamente, ogni volta che non riesco a capire dove sto andando, finisco sempre per ritrovarmi dove sei tu». 

Imprecai e feci per allontanarmi da lei di qualche passo, ma le sue mani scesero più in basso e mi tirarono più vicino. «Devi far aggiustare la tua bussola, allora. Ti sta indicando la direzione sbagliata, Rossa». A un tratto mi sembrò di ritrovarmi da sottozero alla superficie del sole. Il mio respiro si fece leggermente irregolare, mentre il suo sguardo divenne languido e dolce. «Più mi dici così, più sono determinata a dimostrarti che ti sbagli».


Da quel momento faranno fuoco e fiamme, dentro e fuori le lenzuola. Ma potrà mai funzionare una relazione tra un ex galeotto e una poliziotta? Smetterà Asa di sentirsi colpevole per il suo passato? Riuscirà a vedere un futuro per se stesso, magari con Royal al suo fianco, o si farà travolgere ancora una volta dall’oscurità che lo perseguita?


 

 

“Avevo usato abbastanza persone nella mia vita, anche quelle che mi avevano amato in maniera incondizionata, per sapere cosa vuol dire essere un mezzo per arrivare a un fine. Non avrei aiutato Royal ad autodistruggersi. Dixie mi rivolse un sorrisetto tenero, ricordandomi che, anche se era una tosta quando serviva, in fondo era uno zuccherino romantico. 

«Forse dovresti fare un tentativo e aiutarla a sentirsi meglio, e magari lei potrebbe aiutarti a renderti finalmente conto che nell’ultimo anno sei cambiato». 

Scossi la testa e le dissi: «Non è questo che faccio». No, io distruggevo le cose non le aggiustavo. 

Non ho mai mentito sull’uomo che sono stato per gran parte della mia vita e su ciò che ho fatto. C’erano molte cose veramente brutte, contorte, malvagie, di cui ero capace, e tuttavia chi mi conosceva sembrava avere l’impressione che dopo essere uscito dal coma seguito alla morte ed essere tornato in vita fosse avvenuta in me una qualche trasformazione. La verità era che non sarei 

mai stato un bravo ragazzo, non sarei mai stato il tipo d’uomo che rende le cose migliori. Indipendentemente da quello che le persone credevano o da quanto disperatamente Royal avesse bisogno di qualcuno che intervenisse a cavarla d’impaccio, non ero fatto per essere 

un eroe o un salvatore. Ero così succube dei fantasmi dei miei errori passati che non c’era modo in cui avrei potuto salvare qualcuno. 

Il proverbio era vero: il lupo perde il pelo ma non il vizio. E come lui, ero un predatore fino al midollo, anche se gli altri volevano pensare che potessi diventare un cane  addomesticato.”


Se devo essere sincera, non avrei scommesso nemmeno un euro sulla storia di Asa, non ero proprio tra le sue fan e il modo in cui ci è stato presentato nel secondo volume della serie, non ha giocato a suo favore. Egoista, cinico e opportunista, sono alcuni degli aggettivi che lo descrivevano al meglio, ma nel corso della serie come lettore sono stata spettatrice del suo cambiamento e della sua crescita. Un cambiamento che mi ha letteralmente spiazzata perchè non credevo minimamente di potermi ricredere su di lui e che addirittura potesse piacermi quanto gli altri protagonisti della serie. 

La Crownover ha fatto un ottimo lavoro con il personaggio di Asa. Il rimorso che prova nei confronti della sorella lo consuma, lo divora nel profondo e leggendo i capitoli narrati dal suo Pov, si riesce a percepirlo vividamente. Si sente la sua paura di non essere abbastanza per le persone a cui vuole bene e la sua strenua battaglia interiore nei confronti dei sentimenti che inizia a provare per Royal. Un personaggio complesso, ma sono convinta che riuscirà ad entrare nel cuore delle lettrici. 


Anche di Royal non è da meno, è una donna tosta e con gli attributi. Riuscirà ad insidiarsi nel muro innalzato da Asa e sarà lei a spronarlo per affrontare il suo passato, così come sarà lei a convincerlo che questo non può, ma soprattutto non deve, condizionare il suo futuro. La loro storia nascerà piano piano, ma non mancheranno i colpi di scena che mineranno la loro unione.

Credo che questo sia il romanzo della svolta per la Crownover. Ho trovato la sua scrittura molto più matura e ricercata e il fatto che sia molto più incentrato sull’introspezione dei personaggi, ne è la conferma. 
Adoro quest’autrice, ha la capacità di toccare il cuore del lettore come poche. Sarò di parte, ma a me succede di emozionarmi sempre con ogni suo romanzo.

Oltre le leggi dell’attrazione è una storia sulla fiducia, sul perdonare se stessi e sulle seconde possibilità, ma soprattutto è ancora una volta una storia in cui AMICIZIA e FAMIGLIA la faranno da padrone. Ritroveremo tutti i protagonisti delle storie precedenti e conosceremo l’evolversi delle loro storie. Continueranno a sostenersi e ad aiutarsi senza mai giudicarsi, perché infondo ciascuno di loro ha un passato che li ha resi ciò che sono e che ce li ha fatti amare tanto.




“Avevo dovuto lavorare tanto guadagnarmi un posto accanto a questi uomini, accanto all’uomo che aveva amato mia sorella quando io non sapevo come fare. Non lo avrei mai dimenticato.

Avevamo tutti dei segni, alcuni sul corpo, alcuni a livello emotivo, alcuni che non ci lasceranno mai, e molti di questi segni ce li eravamo procurati da soli mentre tentavamo di raggiungere il posto in cui avremmo dovuto essere. I nostri segni ci definivano, ci separavano, e ci avevano reso gli uomini che siamo oggi. Un fatto che nessuno di noi qui su questo altare poteva mettere in

discussione era che il segno più importante, il segno più duraturo che tutti porteremo con noi, veniva dall’esserci innamorati delle donne straordinarie che avevamo di fronte.

Eravamo segnati ed eravamo stati segnati in modi indimenticabili e per sempre. Eravamo tutti degli uomini migliori per questo motivo. Uomini segnati. Nessuno di noi vorrebbe niente di diverso.”




Quindi se non l’aveste ancora fatto, vi consiglio vivamente di leggere l’intera serie, non potrete fare a meno di innamorarvi di questi omoni sexy e tatuati e delle loro splendide storie. Magari questa non sarà proprio la fine e chissà se… 


Alla prossima lettura









THE TATTOO SERIES

Oltre le regole

Oltre noi l'infinito

Oltre l'amore

Oltre i segreti

Oltre il destino

Oltre le leggi dell'attrazione


Nessun commento:

Posta un commento